Site Logo
lunedì 16 maggio 2022

Il Barilotto di Quercia annerito dal Fumo

Un Antisettico per Gola e Polmoni
Il barilotto di quercia annerito dal fumo è un rimedio piuttosto insolito, unico
raccomandato ad oltre ottanta individui che avevano presentato ad Edgar Cayce le
loro preoccupazioni per la salute. Secondo le letture la dimensione dei barilotti varia
solo leggermente: un contenitore capace di contenere 4, 6, 8, 10, 12 o 20 litri. Viene
riempito con una piccola quantità di brandy di mele, “non sidro, bensì brandy di
mele” (626-1), descritto come “brandy che è stato ridistillato” (4018-1), “brandy di
mele distillato due volte” (3222-1) o “puro brandy di mele distillato” (5239-1), “come
quello di Hildick” (3154-1).
Il barilotto di legno è fatto di quercia, con la parte interna annerita dal fumo. Il
carbone di questa superficie interna assorbe le impurità dal liquore depositate in
esso. Per questo motivo, questi barilotti vengono usati in commercio per
conservare i liquori di invecchiamento. “La sostanza carbonizzata nelle superficie
annerite dei barilotti di quercia è in effetti una forma di carbone attivo che assorbe
le impurità.” (5374-1, rapporti #10).
Le istruzioni nelle letture descrivono l’installazione di due fori o tubicini, uno
più piccolo per coadiuvare la pressione dell’aria e per aiutare ad impedire un vuoto,
e un foro più grande con un tubicino di gomma, vetro o metallo per inalare i fumi
provenienti dal brandy. Entrambi i tubicini rimangono chiusi con un tappo quando il
barilotto non viene usato. Il tubicino per l’inalazione deve rimanare poco sopra il
liquido del brandy.
La quantità di brandy di mele da versare nel barilotto dipende dalla dimensione
del barilotto. Naturalmente non deve riempire il barilotto visto chesoltanto i fumi –
non il liquidi – sono da inalare. Ecco alcune proporzioni dalle letture individuali: ad
un barilotto di 4 litri aggiungere 2 litri di brandy; ad un barilotto di 6 litri aggiungere
2 o 3 litri di brandy; ad un barilotto di 8 o 12 litri aggiungere 4 litri di brandy.
Preparazione ed Uso del Barilotto
Anche se le istruzioni per preparare il barilotto sono di solito incluse nella
lettura di ogni individuo, dato che ora si possono acquistare i barilotti – pronti per
l’uso - dal fornitore ufficiale dei prodotti di Cayce, basta seguirne le poche
istruzioni.
Per preparare il barilotto bisogna prima stringere le fascette metalliche il più
possibile, togliere il tappo dal foro, mettere tutto il barilotto in acqua calda e
riempirne l’interno completamente con acqua distillata, facendolo inzuppare per due
o tre giorni. Così il legno si gonfia e si espande, sigillando le saldature e impedendo
perdite successive quando vi viene versato il brandy. Dopo questo periodo mettete
un retino sopra il foro e fate uscire l’acqua attraverso il retino, trattenendo così
eventuali pezzetti di carbone nel barilotto. Ora si può aggiungere il brandy che deve
riposare tutta la notte, e il giorno dopo il barilotto è pronto per l’uso.
Scaldate il barilotto leggermente – mettendolo in acqua calda o vicino ad un
termosifone – per indurre l’evaporazione. Una lettura specifica l’intensità di calore:
“… non tanto da far evaporare il brandy troppo velocemente, ma tenetelo in un
posto caldo.” (2183-2) Poi aprite il foro. Ora si possono inalare i vapori provenienti
dal brandy dalla bocca e dal naso, usando il tubicino per l’inalazione.
Diverse letture misero in guardia dall’inalare troppo all’inizio, perché “tende ad
intossicare troppo il corpo.” (2448-1) “ … all’inizio non inalare troppo
profondamente; poi aumenta gradualmente.” (1027-1) Fare una o due tirate “come si
aspirerebbe il fumo da una sigaretta” (2395-1) era un paragone fatto in varie letture.
I vapori provenienti dal brandy entrano direttamente nei polmoni attraverso bocca,
laringe e gola. Ad una persona la lettura disse: “La frequenza dell’inalazione verrà
stabilita dalla reazione.” (929-1)
Secondo varie letture i fumi dal brandy “agiscono come un antisettico e
vengono trasportati in tutta la circolazione.” (3058-1) Viene descritta come influenza
corroborante, capace di calmare la tosse ed altre irritazioni, purificare il tessuto
polmonare, eliminare l’infezione, migliorare il respiro affannoso e persino di
distruggere tessuto tubercolare vivo. La sua influenza globale viene annotata negli
stralci seguenti:
“Agisce quindi come stimolo per la circolazione, ricaricando ogni cellula via
via che passa attraverso le zone colpite dall’irradiamento dei gas provenienti da
questo stesso fluido.” (3176-1) Ha “la capacità … di produrre sulle mucosi tale
attività che la circolazione riesce ad eliminare dal sistema i veleni; e ad attenuare
l’effetto dell’attività dell’acidità – o scarti o rifiuti, o, per così dire, cenere del sistema
nel suo accumulo nel corpo. Troviamo inoltre che impedirebbe al corpo di prendersi
raffreddori così facilmente o di far infiammare le mucosi.” (357-9)
Anche se menzionato principalmente per casi di tubercolosi e pleurite, anche
altri disturbi respiratori hanno risposto bene a questo rimedio.

Da: True Health, maggio 2007

Disclaimer: Il contenuto di questa sezione è soltanto informazione e non dovrebbe essere considerato come guida
all’auto-diagnosi o all’auto-trattamento. Per ogni problema medico consultate un medico.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza