Site Logo
martedì 4 agosto 2020

Adamo e le Incarnazioni di Gesù

D- Che cosa si intende con “Come nel primo Adamo entrò il peccato, così nell’ultimo Adamo tutti
saranno resi vivi”?
R- L’ingresso di Adamo nel mondo all’inizio deve quindi diventare il salvatore del mondo, dato che
era stato affidato alla sua cura “Siate fertili, moltiplicatevi e sottomettete la terra!” (Genesi 1:28)
Perciò Aemilius, Adamo il primo Adamo, l’ultimo Adamo, diventa -- quindi -- ciò a cui viene dato
il potere sulla terra, e –dato che in ogni anima la prima cosa da conquistare è il sé -- quindi tutte le
cose, condizioni e elementi sono soggetti a quel sé! Quella legge universale, come si può vedere in
ciò che può essere dimostrato o nei gas che si distruggono reciprocamente diventando elementi
dello stesso o quello nel regno minerale o animale come si può trovare che distrugge o diventa uno
con l’altro. Perciò, come Adamo dato – il Figlio di Dio – così egli doveva diventare ciò che sarebbe
stato in grado di riportare il mondo, la terra, a quella fonte da cui erano venuti, e ogni potere,
persino la tomba, diventa soggetto a Lui attraverso la conquista del sé in quello che è stato reso
carne; poiché, come in principio fu il Verbo, il Verbo era con Dio, il Verbo era Dio, lo stesso era nel
principio. Il Verbo venne e rimase fra gli uomini, la discendenza del sé in un mondo materiale, e il
Verbo superò il mondo – e perciò il mondo diventa quindi come il servo di ciò che ha superato il
mondo.
D- Per favore date le reincarnazioni importanti di Adamo.
R- In principio come Aemilius, come Adamo, come Melchisedec, come Zend, come Ur, come
Asaffa, come Gesuè—Giuseppe—Gesù. 364-7
L’uomo, in Adamo (come gruppo, non come individuo) entrò nel mondo (poiché entrò in cinque
posti contemporaneamente, come vediamo – chiamato Adamo in uno, chiaro?) 900-227
Poi, quando diventiamo sempre più consapevoli dentro di noi delle risposte delle esperienze,
diventiamo consapevoli di ciò che Egli diede a coloro che furono i primi della proiezione di Dio –
non la proiezione dell’uomo, ma di Dio – sulla terra; Adamo e Eva. 262-115
Le promesse sono vere che sono state fatte in ciò che è sciocchezza per lo scienziato o il saggio,
nella storia semplice di Gesù di Nazareth. Ma quando o se l’entità prende questa come il suo studio
(e stabilisce questo come il suo pensiero e poi legge, poi studia il Libro che racconta di Lui, Gesù,
nato a Betlemme dalla Vergine Maria), sappi che questa è la stessa entità-anima che ragionò con
coloro che ritornarono dalla schiavitù in quei giorni in cui Nehemia, Esra, Zerubbabel agivano per
tentare di ristabilire le venerazione di Dio, e che Giosuè, lo scriba, tradusse il resto dei libri scritti
fino a quel periodo. Quindi renditi conto che è la stessa entità come menzionata che come Giosuè fu
il portavoce di Mosè, che diede la legge, ed era la stessa entità-anima che nacque a Betlemme, la
stessa entità-anima che in quei periodi di forza eppure di debolezza di Giacobbe nel suo amore per
Rachele fu il loro primogenito. Questa è la stessa entità, e questa entità fu colui che si era
manifestato al padre Abramo come il principe, come il sacerdote di Salem, senza padre e madre,
senza giorni o anni, ma un essere umano vivente nella carne reso manifesto sulla terra dal desiderio
di Dio-Padre per preparare una via d’uscita per l’uomo, come avvertì la stessa entità come Enoch, e
questa fu anche l’entità Adamo. E questo fu lo spirito della luce. 5023-2
D- E’ Gesù il figlio unigenito di Dio, e che cosa significa questo?
R- In questo, dare il pieno concetto vuol dire dare quindi la storia di tutti quelli che sono entrati
nella carne senza quell’atto che l’uomo conosce come copulazione. Poiché come quelle esperienze
Gesù, noto come Gesù, il fratello di questa entità, venne sulla terra, il primo dei figli di Dio che
dovevano entrare nella carne, là il primogenito e l’unigenito di Dio. Di nuovo, come i nomi
direbbero, Enoch camminò con Dio, diventò consapevole di Dio nei suoi movimenti—sempre
quell’entità, quell’anima chiamata Gesù – come Melchisedec, senza padre, senza madre, venne –
sempre l’anima di Gesù; la porzione di Dio che si manifesta.
Ma ogni figlio, ogni figlia, attraverso questi stessi atti dell’unigenito, del figlio di Maria, del primo
sulla terra, di quello senza padre e senza madre, senza giorni, senza anni—diventa quindi come il
fratello maggiore per tutti quelli che nascono sulla terra, come l’artefice, come il creatore, come il
primo, come l’ultimo; come l’inizio, come la fine dell’esperienza dell’anima dell’uomo in tutta la
terra e nelle sfere di coscienza in e intorno alla terra.
Così Egli è l’unigenito, il primogenito, il primo a conoscere la carne, il primo a purificarla. 1158-5
Sappi che Egli – che fu alzato sulla Croce nel Calvario – fu...anche quello che per primo camminò
fra gli uomini all’inizio dell’avvento dell’uomo nella carne! Poiché in verità Egli fu ed è il primo
Adamo, l’ultimo Adamo. 2402-2
D- Per favore elencate i nomi delle incarnazioni del Cristo, e di Gesù, indicando dove ebbe inizio lo
sviluppo dell’uomo Gesù.
R- La prima, in principio, si capisce; e poi come Enoch, Melchisedec, nella perfezione. Poi sulla
terra come Giuseppe, Giosuè (Joshua), Jeshua, Gesù. 5749-14
L’entità fu fra quelli che aiutarono a stabilire nel paese persiano ciò che più tardi diventò come la
dottrina di quel popolo dal quale – molti secoli dopo – provenne Melchisedec...il due volte
pronipote dell’entità, che venne senza giorni, senza padre o madre. 884-1
Senza Mosè e la sua guida Giosuè (che era fisicamente Gesù) non vi è nessun Cristo. CRISTO non
è un uomo! Gesù era l’uomo; Cristo il messaggero; Cristo in tutte le epoche, Gesù in una, Giosuè in
un altra, Melchisedec in un altra; questi furono coloro che guidarono il giudaismo. Questi furono
coloro che vennero come quel bambino della promessa, ai figli della promessa. 991-1
(Le entità) furono tutte insieme in Aemilius. Esse erano corpi materiali come quello che venne in
Adamo. Esse erano associate nel corpo che venne come Zan o quello che alla fine diventò –
attraverso i suoi incantesimi, incarnazioni sulla terra -- quelle forze come il Salvatore in tutti i
periodi. D- In quel periodo, sono stato della razza ebraica?
R- Non c’erano ebrei allora! Quello fu anni più tardi! Come ebrei, come sono noti oggi. 288-29
D- Quale nome portò Gesù nelle Sue reincarnazioni in Francia, Inghilterra, America?
R- Queste sono state piuttosto come lo Spirito del Cristo, oppure il Maestro camminò fra gli
uomini, piuttosto che incarnazioni in questi diversi paesi; poiché, fra i sacerdoti, per così dire, in
Francia – o fra gli umili monaci in Inghilterra, o il guerriero audace in America, lo Spirito che “Dio
è Uno! Preferisci il tuo vicino, tuo fratello, a te stesso!” Questi, come troviamo, presero possesso (di
questo Spirito) – o piuttosto lavoravano con (questo Spirito), finché le loro proprie personalità
furono messe da parte negli individui. Fa’ altrettanto tu, se vuoi che Egli cammini con te. “Non la
mia volontà, oh Signore, ma la tua sia fatta in me.” 364-9
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza