Site Logo
sabato 19 ottobre 2019

Come ‘Esaurire’ il Cattivo Karma

D: Ho molto karma cattivo da esaurire in questa vita?
R: Il karma viene raramente compreso dicendo che ‘viene esaurito’. Vi è, è stato preparato, un
modo in cui il karma - come è noto comunemente - ti può essere perdonato. Continuamente
vengono presentate quelle tentazioni necessarie ad ogni anima, ogni individuo, ogni forza in via di
sviluppo nella natura stessa di Dio; in modo che, se queste vengono lasciate a carico di quelle
Forze, o a quelle Forze piuttosto che al sé c’è poco da temere da ciò che potrebbe assalirti. 311-7
D: Come posso rendere buono il karma di questo periodo?
R: Come è stato dato su che cosa è un’influenza karmica e che cosa si deve fare in proposito. Perdi
il sé nella coscienza dell’immanenza della Forza Creatrice. In quel canale che è stato preparato per
la salvezza dei figli e delle figlie degli uomini, attraverso il figlio dell’uomo!
Questa è la salvezza e ciò che si deve fare in proposito! Perdi il sé; rendi la Sua volontà tutt’una con
la tua volontà, o la tua volontà si perda nella Sua volontà, così essendo un canale attraverso il quale
Egli può manifestarsi nelle associazioni del sé con i figli e le figlie degli uomini! 275-23
D: Che rapporto ha il karma con il mio sviluppo attuale e come posso superare il karma?
R: Questo per l’entità, per la coscienza del corpo di [257], richiederebbe probabilmente un’intera
dissertazione di per sé. Il corpo comprende poco il significato di karma - ma per rispondere a questo
in poche parole: ciò dipende dal fatto sé la parte effettiva delle forze innate viene tenuta in sintonia
non con le dicerie bensì con ciò che è noto al corpo essere il modo di Dio! Il karma è quindi ciò che
si è costruito nel passato come indifferenza nei confronti di ciò di cui si sapeva che fosse giusto!
Correre il rischio, per così dire - “farò meglio domani - questo è adatto al mio scopo oggi - farò
meglio domani”. Il karma è quello - fare quella correzione. 257-78
D: Ho del karma da qualche esistenza precedente che dovrebbe essere superato?
R: Sarebbe un bene che il karma fosse compreso, e come lo si deve affrontare. Perché secondo vari
modi di pensare - considerato filosofia o religione oppure con la maniera scientifica di causa ed
effetto - il karma è tutto questo e di più.
Piuttosto può essere paragonato ad un pezzo di cibo, che sia pesce o pane, assorbito dal sistema;
viene assimilato dagli organi di digestione, e poi gli elementi raccolti dagli stessi vengono
trasformati nelle forze che scorrono in tutto il corpo, dando la forza e la vitalità ad un oggetto
animato, o essere o corpo.
Così’, nelle esperienze di un’anima, in un corpo, in un’esperienza sulla terra. I suoi pensieri
producono ciò di cui l’anima si nutre, come anche le attività, che vengono portate avanti dal
pensiero del periodo, producono la capacità di trattenere o mantenere la forza attiva o principio
attivo del pensiero attraverso l’esperienza.
Quindi l’anima che rientra in un corpo in un ambiente differente tende a consumare ciò che ha fatto
attraverso l’esperienza nel soggiorno in una forma che viene chiamata in alcune religioni il destino
dell’anima, in un’altra filosofia ciò che è stato costruito deve essere affrontato in qualche modo o
maniera, oppure nella maniera più scientifica che una certa causa produce un certo effetto.
Perciò vediamo che karma è tutto questo e di più. Che altro? Fin dall’ingresso dello spirito e
dell’anima nella materia vi è stato un modo di redenzione dell’anima, per fare un’associazione e una
connessione con il Creatore, attraverso l’amore per il Creatore che è nella sua esperienza. Perciò
anche questo deve essere preso in considerazione; che il karma può significare lo sviluppo per il sé -
e deve essere affrontato in quel modo e in quella maniera, oppure può significare ciò su cui le
influenze purificatrici hanno agito nel modo e nella maniera attraverso i quali l’anima, la menteanima
o l’anima-mente viene purificata o deve essere purificata o purifica se stessa, e così quei
cambiamenti avvengono - e alcune persone chiamano questo “la Dea della Fortuna” o “il corpo è
nato sotto una stella felice”.
E’ ciò che l’anima-mente ha fatto riguardo alla fonte della redenzione dell’anima! Oppure ancora
può essere [la legge di] causa ed effetto, in relazione all’anima, alla mente, allo spirito, al corpo.
440-5
D: Qual è il karma che mi segue?
R: Questo - trovalo nel sé. Sappi, fintanto che sentiamo che vi è del karma, è causa ed effetto. Ma
nella rettitudine possiamo essere giustificati davanti al Trono; così possiamo passare da causa ed
effetto, o karma, a quella [legge] di grazia.
Questo è l’atteggiamento; non di presunzione, no, bensì di fiducia benedetta che Egli sia in grado di
reggere tutto ciò che possiamo rimettere a Lui contro ogni esperienza nella nostra vita. 3177-1
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza