Site Logo
lunedì 9 dicembre 2019

Come Fa il Peccato a Creare la Malattia?

D: Dato che ogni malattia viene causata dal peccato, esattamente quale peccato causa la condizione
del colon e dell’eliminazione?
R: Il peccato della negligenza. La negligenza è un peccato altrettanto grande quanto il rancore,
quanto la gelosia - negligenza.
D: Visto che i piedi non hanno risposto agli sforzi fisici, per favore date una cura spirituale o di
qualsiasi altro tipo.
R: Mantieni quello stesso sentiero che è stato dato, ma non guardando al sé bensì a Lui per
camminare sulla via diritta e stretta.
D: Che cosa ha iniziato in origine la condizione squilibrata di questo corpo?
R: Non è tanto quello che è stato. Che cosa ne faresti al presente? Queste cose sono state indicate
spiritualmente, mentalmente e materialmente, le applicherai? O ne diffiderai oppure semplicemente
le trascurerai? 3051-7
D: Che cosa è la malattia e lo scopo dei germi prodotti; per esempio, la mia gola e le gengive?
R: La malattia (disease) nasce dapprima dal dis-agio (dis-ease) - come una normalità che è in
esistenza eppure diventa squilibrata. La malattia è, o il dis-agio è, uno stato di cose in disaccordo
con l’ideale o la prima causa o il primo principio. Quindi, in ultima analisi, la malattia potrebbe
essere chiamata peccato. E’ necessario mantenere un equilibrio.
E coloro che sono in un mondo materiale sono naturalmente soggetti a, ed in contatto con, il
peccato. Per cui l’entità individuale o entità-anima deve affrontare, venire in contatto con, superare,
soggiogare lo stesso. Perché qual è la prima premessa? “Siate fertili, moltiplicatevi, ma soggiogate
la terra.”
Quindi la malattia fa parte delle cose terrene grossolane. 2533-3
D: Che parte hanno l’errore umano, la trascuratezza e gli incidenti nella nostra attuale esperienza?
R: Questo dipende dall’approccio. Leggi quello che è stato indicato. Sappiamo che ci sono incidenti
persino nella creazione. C’è la trascuratezza, che può essere peccato o può essere negligenza,
noncuranza. Non necessariamente peccato bensì la mancanza di essere svegli. Questi non sono tutti
errori. Non sono tutti peccati, questo dipende dal giudizio.
D: Gli incidenti sono i risultati di peccati?
R: Leggi quello che è stato appena dato. Ci sono degli incidenti nella creazione.
D: Come può una persona essere libera da errori?
R: Una tale cosa non esiste in una persona. E’ stato appena indicato che passando attraverso la legge
possiamo diventare perfetti, ma non nella materialità. Perché chi deve giudicare? 5252-1
Colui che conosce la verità e non la applica, per lui è peccato! e il peccato quando genera la sua
generazione deve portare cose come tribolazioni, prove, tormenti; perché ogni virgola deve essere
pagata! 254-60
Ma come leggi tu la legge? Quello che hai promesso, esaudiscilo - o diventerà peccato! 254-92
Essere in concordia - nello scopo, nella volontà, nel desiderio - con l’ideale è per l’individuo una
condizione giusta. Quindi essere cosciente di deviare da quell’ideale, sia coscientemente che
inconsapevolmente, è un peccato per l’entità. 262-126
D: Visto che ogni malattia è causata dal peccato che cosa esattamente causa queste condizioni del
corpo?
R: Questo dovrebbe essere trovato nel sé. Chi deve giudicare qualcun altro? Chiunque comprende il
peccato. Non chiedere agli altri di giudicarti. Giudica te stesso con i tuoi stessi criteri. 3379-3
Non usare mai le tue capacità per l’indulgenza verso te stesso o per la gratificazione del sé; diventa
peccato. 5277-1
... ogni carne è soggetta all’errore, attraverso la contaminazione con gli oggetti fatti dall’uomo in un
mondo fisico, capisci? Per cui dal punto di vista spirituale - il peccato, perché questo è un errore,
capisci? 900-163
D: Qual è la “lezione dell’anima” che mi “chiedono” di imparare dalla rottura di rapporti con
[2700]?
R: Tutte le forme di peccato o lezioni possono essere implicate nella parola egoismo ... 815-7
D: Perché si fa del bene per il sé o per Dio?
R: Perché esso possa sapere di se stesso di essere se stesso. Il peccato, il male, l’odio distrugge -
come l’entità sperimenta che lo scontento porta confusione ad ogni cosa.
Quindi il bene si accumula; il bene cresce. Dio è buono.
D: Che cosa è buono?
R: Dio è buono. 263-13
Perché ciò che uno finge di essere e non è, è in verità peccato! 826-6
D: L’operazione sulla mia nuca è stata eseguita con successo?
R: ... L’operazione stessa è stata ottima ...Ma non ignorare che per il corpo ci sono delle cose da
fare, e anche delle cose da cui astenersi ... Perché il peccato di commissione è grande quanto il
peccato di omissione. 1013-4
D: Per favore spiegatemi il karma in rapporto con la condizione del mio occhio, e come può essere
affrontato al meglio al presente.
R: Leggi ciò che è stato appena dato, e come puoi applicarlo. Il karma viene affrontato o nel sé o in
Lui. Perché, come è stato dato, “il giorno in cui ne mangi - o il giorno in cui hai paura, il giorno in
cui accetti il peccato - l’anima deve morire.” Non in quel momento, forse non in quel periodo di
tempo, ma se l’anima continua nel peccato, quello è karma, quello è causa ed effetto. Ma Dio non
ha voluto che qualsiasi anima perisse; per ogni tentazione Egli ha preparato una via di uscita. 2990-
2
Voler fare una cosa e poi non farla è semplicemente troppo grave! E’ peccato! 257-245
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza