Site Logo
venerdì 7 agosto 2020

I Fiori

E’ un bene che i fiori - non importa se sono di stagione o meno - circondino spesso il corpo. La
bellezza, il profumo, la vitalità degli stessi assicureranno delle vibrazioni che sono estremamente
utili, estremamente benefiche.
Il corpo diventa molto sensibile agli odori, nonché ai colori; e specialmente i colori porpora e
corallo dovrebbero circondare il corpo - e rosa. 1877-1 F.44 5/9/39
Quelle attività dell’entità dovrebbero essere con o intorno ai fiori. Perché questa entità è stata così
spesso la signora della musica e dei fiori, che diventa come una seconda natura lavorare con o
intorno a questi o comporre dei bouquet o mazzolini, o anche il modo molto sciocco di spedirli a
coloro che sono morti. Essi hanno bisogno dei fiori quando sono qui, non quando sono nell’altra
stanza di Dio!
In questo modo però e in questo lavoro, che l’entità possa non soltanto portare aiuto ad altri, ma che
possa farlo in tale modo che la bellezza e il colore, anche la voce e il tono dei fiori possano venire a
significare tantissimo alle persone che l’entità vorrebbe e potrebbe interessare in essi.
La musica e i fiori dovrebbero quindi essere il lavoro dell’entità attraverso questa esperienza...i fiori
ameranno l’entità, come l’entità ama i fiori. Pochissimi (fiori) penserebbero mai dentro di loro di
appassire mentre sono intorno a questo corpo o su di esso ...
Potessimo davvero inculcare nella vita degli altri ciò che è come la rosa, ciò che è come il respiro
del neonato, come ogni fiore che fiorisce. Perché esso fa il meglio con ciò che l’uomo gli ha dato,
cioè glorifica il suo Creatore con tutta la sua bellezza, il suo colore, con tutto il suo amore per
l’apprezzamento della primavera, della pioggia, del sole, dell’ombra. E così, alla stessa maniera,
l’uomo, con le preoccupazioni, i dispiaceri, le angosce, le delusioni, può avvicinarsi sempre di più a
Dio, sapendo che questo può essere fatto come nel Figlio. Egli diede Se Stesso affinché l’uomo
potesse conoscere quell’apprezzamento, quell’amore, e sapere come, dandolo agli altri, arriviamo
ad imparare, a conoscere il significato delle delusioni, dei piccoli odi, delle piccole gelosie, e come
possono crescere se li incoraggiamo; e come anche le gioie possono crescere se semplicemente le
incoraggiamo, come fanno i fiori che Dio ha dato affinché l’uomo possa vedere il Suo viso nei
bellissimi fiori.
Considera il colore, la bellezza del giglio come cresce sul suo brutto letame o la timida violetta che
emana il suo colore, il suo profumo per arricchire anche il cuore stesso di Dio.
Considera la rosa, come si schiude con il colore del giorno e si apre alla luce del sole, nella
pioggia...
... in questa esperienza attuale l’entità dovrebbe dare una parte del suo tempo alla coltivazione e alla
preparazione e all’arrangiamento di (fiori). I fiori lo ameranno, e tu pure! E cosa non daranno a
coloro che stanno male o che sono “rinchiusi” o che sono felici! Che vedranno le persone amate
quel giorno, quella sera.
Perché è in tali occasioni che i fiori dovrebbero essere la compagnia di coloro che sono soli. Perché
essi possono parlare a chi è “rinchiuso”. Essi possono portare di nuovo il colore sulle guance di
coloro che sono malati. Possono portare alla sposa la speranza di amore, bellezza, di una casa.
Perché i fiori amano i luoghi in cui c’è pace e ristoro. Sole e ombre, sì. Vi sono (diversità) fra quelli
(dei) campi aperti e quelli che crescono nella palude, ma crescono.
Perché la gente non vuole imparare la lezione da loro e crescere, in amore e in bellezza, in qualsiasi
ambiente essi siano? 5122-1 F.43 5/17/44
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza