Site Logo
venerdì 23 agosto 2019

I Frutti dello Spirito di Verità

Sappi, come diede l’Insegnante degli insegnanti, c’è una prova per tutti - “Dai loro frutti li
conoscerete” (Matteo 7:20). 2067-1
Man mano che la comprensione arriva sempre di più, mai, MAI essa rende ...l’entità altro che più
umile, più docile, più tollerante, più paziente. Di questo puoi stare certo. 281-31
D- In quale forma arriva l’Anti-Cristo di cui si parla nell’Apocalisse?
R- Nello spirito di quello opposto allo spirito della verità. I frutti dello spirito del Cristo sono
amore, gioia, ubbidienza, sopportazione, amore fraterno, gentilezza. Contro questi non esiste alcuna
legge. Lo spirito dell’odio, l’Anti-Cristo, è contesa, conflitto, critica, amanti dell’elogio. 281-16
Fa’ che la tua pazienza, la tua tolleranza, la tua attività siano di tale natura positiva che ti aderiscano
– come un guanto...per assistere quelli che sono rinchiusi, per leggere con quelli che perdono la
percezione, per ragionare con quelli che sono diffidenti per gli scompigli; mostrando amore
fraterno, pazienza, tenacia nel Signore e l’amore che supera tutte le cose. 518-2
Che cosa è rettitudine? Semplicemente essere gentili, semplicemente essere nobili, semplicemente
sacrificare il sé, semplicemente essere disponibili ad essere le mani per i ciechi, i piedi per gli zoppi
– queste sono esperienze costruttive. 5753-2
Che cosa è quindi la Vita per l’entità?
L’espressione del divino nel regno dell’esperienza umana perché anche gli altri possano conoscere e
raggiungere Dio - e trovarLo buono.
Poiché essere santi è semplicemente essere gentili, dolci, pazienti, tolleranti. Questi sono modi,
mezzi e vie per scoprire perché, come queste influenze - che rivelano il rapporto dell’anima con le
Forze Creatrici - si impadroniscono del sé interiore per la crescita.
Quindi la verità, quindi la vita, per l’esperienza umana, è una crescita. Cresci in grazia, in
conoscenza, in comprensione del Signore e dei Suoi modi.
Attieniti a ciò che è buono, e nell’esperienza potrà essere compiuto ciò che porta la pace all’anima.
1387-1
Vivi quelli che sono i frutti dello spirito; e cioè: pace, armonia, sopportazione, amore fraterno,
pazienza. Questi, se li dimostri nella tua vita, nei tuoi rapporti con il tuo prossimo, crescono per
diventare che cosa? La Verità! Nella Verità sei libero, da che cosa? Dalla fatica terrena, dalle
preoccupazioni terrene!
Questi quindi non sono soltanto assiomi, non soltanto dei modi di dire, bensì delle verità viventi! ...
Poiché nel cuore dell’uomo non sono entrate tutte le glorie che sono state preparate, né tutte le
bellezze che possono essere sperimentate da coloro che cercano il Suo viso...
Dimostrare pietà, dimostrare grazia, dimostrare pace, sopportazione, amore fraterno, gentilezza - -
persino nelle circostanze più difficili.
Poiché qual è il guadagno se ami soltanto coloro che ti amano? Ma portare speranza, portare
allegria, portare gioia, sì, portare di nuovo un sorriso a coloro il cui viso e il cui cuore sono bagnati
di lacrime e in pena non è altro che far risplendere quell’amore divino - - risplendere - - nella tua
stessa anima!
Quindi sorridi, sii gioioso, sii contento! Poiché il giorno del Signore è vicino. 987-4
Coloro che vorrebbero insegnare - - che l’insegnamento sia quello di spalare il fango, coltivare il
cavolo, estrarre la radice quadrata o preparare delle bibite, che venga fatto con quello scopo “Che io
possa rendere manifesto il Mio Amore, il Mio Concetto del Dio in cui confido con la mia anima.”
2087-1
Non in qualche grande azione di eroismo; non in qualche grande discorso o atto che potrebbe essere
evidenziato con orgoglio - - ma piuttosto nelle piccole gentilezze di giorno in giorno. 3795-1
Osa parlare con gentilezza persino quando vieni rimproverata da coloro da cui, nel senso materiale,
hai ogni diritto di aspettarti o anche di esigere onore e speranza e fede. 649-2
Ricorda, la parola dolce scaccia l’ira. 5098-1
Soltanto quelle cose che sono giuste, quelle cose che sono belle, quelle cose che sono armoniose,
che nascono dalla gentilezza fraterna, dall’amore fraterno, da pazienza, speranza e cortesia, vivono.
Questi sono i frutti di quelle forze invisibili che riconosci come i poteri che governano questo
universo - - sì, questa massa eterogenea di emozioni umane e anime umane; quel potere che nasce
dal bene - - non da odio né astio né avidità né cupidigia. Poiché questi si impadroniscono delle porte
dell’inferno e sono dei tormenti per l’anima dell’uomo! 1776-1
Secondo la vera legge dello spirito il simile genera il simile. Così, come armonia e bellezza e grazia
regnano nella coscienza di un’entità essa dà quello agli altri - - e gli altri si chiedono che cosa li ha
fatto sentire diversi quando nessuno ha parlato, nessuno sembrava essere ansioso. Questo è il modo
in cui lo spirito della verità opera fra i figli degli uomini. 3098-2
Egli è nel Suo tempio in te, e ti incontrerà nella tua ricerca di Lui; non dall’esterno ma piuttosto
dall’interno può ogni anima conoscere Lui, attraverso la pazienza con se stessi, con altri; vedendo in
coloro che parlano male di te, coloro che ti usano con disprezzo, coloro persino che approfittano
della tua dolcezza, della tua gentilezza, soltanto il bene; sapendo che nessuno può fare tale cosa se il
potere non è stato dato loro attraverso il Donatore di ogni potere, ogni vita, perché tu - - attraverso
la tua stessa esperienza - - possa sapere che il Padre soffre per ogni figlio che Egli ha purificato
perché possa essere un compagno per Lui. Poiché è stato cercando quella compagnia che la tua
anima è stata portata in essere; e quelli vorrebbero perdere quel diritto di nascita in Lui? Poiché Egli
ti proteggerà, ti sosterrà nella tua ricerca. 695-1
Soltanto vivere una vita che non porta un incentivo a qualcun altro per glorificare Dio è peccato e
tanto spregevole nei Suoi occhi quanto uno che sbaglierebbe per mancanza di pensiero o di
giudizio. 5294-1
Quindi, come dimostri i frutti dello spirito. Che cosa sono questi? Fede, speranza, pazienza,
sopportazione, gentilezza, dolcezza, amore fraterno - - questi sono quelli su cui così tanti
inciampano; eppure sono le voci stesse, anzi, la stessa luce solare del mattino in cui l’entità ha colto
quella visione della Nuova Era, la nuova comprensione, la nuova ricerca per i rapporti di una Forza
Creatrice con i figli degli uomini.
E in verità gli scopi sono quindi di manifestare in tal modo i frutti dello spirito che coloro che sono
deboli abbiano di nuovo speranza, coloro che hanno esitato ricevano nuovo coraggio, coloro che
sono delusi e scoraggiati ottengano un nuovo concetto di speranza che sgorga eternamente nel petto
umano. 1436-1
... Nutriti quindi dai frutti dello spirito. Amore, speranza, gioia, pietà, sopportazione, amore
fraterno, e il contatto, la crescita si verranno; e nella coscienza dell’anima verrà la consapevolezza
della personalità del Dio in te! 254-68
D- Per favore discutete “Come e quali sono le manifestazioni del Padre?”
R- I frutti dello spirito. Dolcezza, gentilezza, la parola amorevole, pazienza, speranza, perseveranza
e - soprattutto - coerenza nelle tue azioni e nei tuoi discorsi. Sii gloriosa nelle tue parole. Poiché
felice è l’uomo che sa che la sua vita rivela che il Figlio e lo Spirito della Verità dirige le parole e le
attività del suo corpo! 262-58
Non che la legge debba essere messa da parte, ma l’amore fraterno è lo spirito della legge, nonché
la lettera - quindi, come nel presente. Poiché è una legge universale, ed è la base di quella libertà
come Egli diede in quelle cure attraverso la Sua manifestazione materiale sulla terra; perché tu
sappi la verità e la verità ti renderà libero. 2809-1
... Poiché questi, amico mio, sono i frutti dello spirito: gentilezza, dolcezza, amore fraterno, fede,
speranza. Questi nella tua vita giornaliera portano armonia nella tua esperienza. Puoi essere dolce
con il tuo vicino, con le persone che frequenti, con i tuoi amici che contatti giorno per giorno.
Questo non significa diventare tanto tranquillo da addormentarsi, bensì una forza attivante, una
parola allegra, un sorriso, una bella stretta di mano, e sperimenta che queste cose vengono espresse
nella tua propria vita. Distribuisci queste cose agli altri, e la giornata diventa molto più allegra, più
felice, e presto ci sarà tale pienezza di gioia nella vita materiale, nella vita mentale, nella vita
spirituale da rendere le sue esperienze sempre più utili per il prossimo e per il sé. 531-5
Sopportare o resistere alle avversità o al biasimo o alle idiosincrasie di altri non è affatto
necessariamente pazienza. Può diventare semplicemente una cosa faticosa non soltanto per il sé
bensì uno sbocco di espressione dagli altri che può essere mai del tutto soddisfacente perché non vi
è resistenza.
La pazienza passiva ha certamente il suo posto; ma considera la pazienza piuttosto dal punto di vista
dei precetti del rapporto di Dio con l’uomo: l’amore sconfinato è pazienza. L’amore manifestato è
pazienza. La sopportazione a volte è pazienza, la coerenza è sempre pazienza.3161-1
Ma man mano che l’entità ha imparato ed impara la pazienza, la sopportazione - non in un senso di
dovere ma in un senso di opportunità per lo sviluppo dell’anima - maggiori sono state e saranno la
pace, l’armonia, quelle influenze che porteranno lo sviluppo più grande dell’anima.
Poiché queste influenze sono una parte dell’esperienza di ogni entità che entra sulla terra o passa
attraverso il piano terreno. 189-3
... Poiché che cosa ha detto il Signore? Che cosa hai detto al tuo Signore, e che cosa ha detto il
Signore a te nella tua esperienza?
Che fare giustizia, dimostrare pietà, essere pazienti è di più un servizio che offrire molti sacrifici o
celebrare molti giorni; poiché queste cose non sono che dimostrazioni esteriori, mentre lo scopo nel
tuo cuore di fare del bene c’è prima che possa essere compiuto - nelle piccole gentilezze, le piccole
dolcezze che possono essere dimostrate al tuo prossimo.
Poiché, come Egli ha detto, non è nella potenza né nel potere che Egli è reso manifesto, bensì nel
semplice essere gentile con il tuo prossimo. Questo dimostra l’opera del Signore finché Egli non
ritornerà. 991-1
Dimostrati degna di accettazione verso Colui che ti guiderà nelle tue vie giornaliere, nella tua scelta
giornaliera; come nell’insegnamento, come nell’assistenza, come nel dare quelle parole dolci e
gentili.
Non qualche grande azione, non qualche grande missione - bensì la più grande delle missioni;
semplicemente essere gentile! 1129-2
Soltanto nei frutti dello spirito - come sopportazione e pazienza e pietà e amore fraterno e gentilezza
e dolcezza - può essere compreso il vero significato dell’esperienza della vita e degli scopi della
vita, e nell’associazione con altri. E non come dogmi, ma come applicazione pratica degli stessi
nella tua vita giornaliera con la tua esperienza giornaliera con il tuo prossimo. 1336-1
...Come in ogni altra cosa, se vuoi avere gioia devi rendere felici gli altri! Porta gioia agli altri. Se
vuoi avere amore devi mostrarti amorevole! Se vuoi avere amici mostrati amichevole! Se vuoi
conoscere Dio cercaLo, poiché Egli è nel tuo stesso sé! E quando Lo esprimi nei frutti dello spirito;
amore, grazia, pietà, pace, sopportazione, pazienza, gentilezza, dolcezza; troverai tali cose in te
stessa. Poiché se vuoi davvero avere la vita (e vita è la manifestazione di Dio) la devi dare. Poiché il
modo con cui tratti il tuo prossimo è il modo con cui tratti il tuo Creatore. Questa è la fonte di vita,
la fonte dell’amore, la fonte della pace, la fonte dell’armonia, e quando dai espressione a questo può
davvero venire da te. 4082-1
... e usando quelle opportunità in qualsiasi sfera di attività l’entità può dimostrare quegli ordini che
Egli diede: “Se mi amate mantenete i miei comandamenti.” Quali, tu chiedi, sono i Suoi
comandamenti? “Un nuovo comandamento Io do a voi, perché vi amiate l’un l’altro.” Quali sono
quindi i frutti dell’amore? I frutti dello spirito; che sono gentilezza, speranza, socievolezza, amore
fraterno, amicizia, pazienza; questi sono i frutti dello spirito; questi sono gli ordini di Lui perché li
manifestiate in qualsiasi luogo vi troviate, e la vostra anima crescerà in grazia, in conoscenza, in
comprensione, e quella gioia che viene con una conoscenza perfetta di Lui porta le gioie della terra,
le gioie della mente mentale o gioie delle sfere, e la gloria del Padre nella tua esperienza. 436-2
D- Come posso aiutare a farmi aprire le porte della luce?
R- Non cercare di aiutare il sé, ma piuttosto sorridi a coloro che sono scoraggiati e tristi; solleva il
peso a coloro che trovano il loro troppo pesante da portare, con dolcezza, con gentilezza, con
sopportazione, con pazienza, con pietà, con amore fraterno. E quando mostri questi al tuo prossimo
le vie e i cancelli della gloria si aprono davanti a te...
D- Posso conoscere l’amore divino?
R- Come lo vedi espresso nelle vite intorno a te lo puoi conoscere e averlo come tuo. Quando
dimostri gli attributi del Padre, nel manifestare amore e pietà e grazia e pazienza e sopportazione,
vedi anche le bellezze dell’amore divino. Così lo vedi espresso nella vita del tuo prossimo. Così
trovi queste condizioni nella tua esperienza. Se vuoi avere amici sii amichevole con chi ti è vicino!
Se vuoi conoscere il Padre, allora manifestaLo in tutto ciò che fai e dici al tuo prossimo. Se vuoi
avere l’amore divino dimostra amore e pietà e pazienza al tuo prossimo in ogni sfera della vita.272-8
Sappi quindi che un ideale, fisico, mentale e spirituale deve essere una parte dell’esperienza di
ognuno perché ci sia un guadagno, uno sviluppo, una soddisfazione degli scopi per cui ogni anima
entra in un’esperienza materiale.
Poiché il sé affronta continuamente se stesso nelle varie esperienze, e noi siamo il risultato di tutto
ciò che siamo stati rispetto a ciò che è l’ideale, la via, la verità e la luce.
E’ unicamente nell’applicazione di questi che sono i frutti dello spirito che ogni anima può
veramente arrivare a conoscere quello scopo per cui entra una data esperienza.
Quindi nella pazienza e nella speranza e nella fede si può veramente diventare consapevoli della
propria anima - anzi, del proprio rapporto con le Forze Creatrici.
Inoltre comprendiamo alla fine che nella materialità l’unico modo di esprimere e manifestare queste
cose è nei rapporti con gli altri e nei modi o atteggiamenti del sé nel confronto verso gli altri, in
relazione con ciò che è il nostro ideale. 1500-3
Dapprima, come indicato, analizza il sé; riguardo ai tuoi scopi, ai tuoi desideri - e riguardo al fatto
se questi sono o meno in conformità con ciò che è il tuo ideale, con ciò che è la tua speranza.
La tua attività viene diretta a scacciare la paura e a costruire fede e speranza nelle esperienze di
coloro con cui puoi essere associato o che puoi contattare?
Con questo come il tuo ideale puoi seminare per sempre i frutti dello spirito, cioè dedicare le tue
attività alle forze costruttive provenienti dalle influenze non soltanto materiali ma mentali e
spirituali di un individuo.
Quindi sappi che hai dentro di te ciò che può essere messo in sintonia con l’Infinito; dato che sei
stato e sei una parte dello stesso.
Studia quindi per dimostrarti approvato dal Dio dentro di te, dall’Ideale dentro di te; che non è di
natura egoista né egotista, ma piuttosto perché tu possa soddisfare ciò per cui sei entrato in questa
esperienza - perché tu possa glorificare quella fonte della tua stessa divinità in tale modo da renderla
più accettabile, per mezzo dell’applicazione stessa di questa nei tuoi rapporti con gli altri! 1637-1
Non ti scoraggiare nel fare del bene. Ricorda, indipendentemente da ciò che gli altri dicono Dio
guarda l’intenzione e lo scopo. Sappi che un tentativo sincero viene contato all’entità individuale
come rettitudine. Poiché, come Egli ha dato, amare e mantenere i Suoi comandamenti è l’intera
legge. Questo non è sempre possibile nelle cose materiali, ma nella mente e nell’anima - se viene
rispettato lo scopo, l’ideale, che è davvero la fede che salva - l’entità può manifestare i frutti dello
spirito; pazienza, sopportazione, gentilezza, amore fraterno, condiscendenza. Semina questi semi.
Dio dà l’aumento. Coltivali, sì, ma non ararli tirandoli su per vedere che aspetto hanno. Mantieni la
fede. 3416-1
Poiché l’anima è continua. La vita è, nelle forze costruttive - o ciò che chiami Dio. Perciò fare in un
modo materiale quelle cose che nelle emozioni materiali sono i frutti dello spirito di verità fornisce
o produce quelle esperienze nelle emozioni, nelle forze innate del sé mentale e materiale per
un’unione più stretta con le Forze Creatrici o Dio.
Quindi manifestare pazienza nonché perseveranza, manifestare amore fraterno, manifestare
sopportazione quando è noto che l’ideale e lo scopo sono giusti vuol dire costruire ciò che è
l’istruzione, l’addestramento, la qualificazione per una maggiore intimità con Dio.
Così, fino a quando ogni anima, ogni entità non conosce quell’intimità maggiore ci devono essere,
ci sono, degli scompigli - nell’esperienza di ogni anima; scompigli sempre più mentali, sempre più
materiali.
Ma essere in pace, essere in armonia con le forze costruttive, creatrici significa conoscere Colui che
è la via, che è la vita, e in Lui vivi e ti muovi e hai la tua esistenza! 1362-1
Sappi che, quando usiamo le opportunità - non per l’indulgere nei piaceri, non per l’esaltazione di
se stessi, ma per la maggiore espressione di amore e speranza e fede e buona compagnia e
sopportazione e pazienza - queste portano e costruiscono nell’anima e nella mente (divina) ciò che
produce pace e armonia nel corpo, nella mente; che sia nella coscienza materiale o nella coscienza
spirituale. 1302-2
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza