Site Logo
sabato 19 ottobre 2019

La Forza Vitale del Kundalini (II)

D: Quali sono le reazioni delle forze del Kundalini - fisicamente, mentalmente, spiritualmente?
R: Potremmo scrivere cinque o sei libri su questo! Quale si desidera conoscere? Ci sono dodici
centri su cui si agisce, ognuno in un modo diverso, e dalle varie fonti da cui queste vibrazioni sono
innalzate in e attraverso questi centri - e per quali scopi. Quante caratteristiche e desideri ha il
corpo? Immagina quelli e moltiplicalo per circa quindici, e avrai quanta variazione ci può essere in
tali attività nel corpo! Quante disposizioni hai visto nel corpo? Queste sono tutte attività delle forze
del kundalini che agiscono su qualche forza reattiva nei centri del corpo. E’ un bene controllare
questi o mantenerli in efficienza, ma intenzionalmente - non per motivi egoistici; certamente
individuali ma creativi. 1861-11
D: Al presente c’è qualche pericolo per qualche particolare funzione del corpo, come per esempio il
sesso; o per la salute generale?
R: Come abbiamo indicato, senza preparazione i desideri di qualsiasi natura possono diventare così
accentuati da distruggere - o da esercitarsi troppo, tanto da portare delle forze dannose; a meno che
il desiderio e il proposito non vengano riconosciuti e stabiliti nell’influenza del sé riguardo alla loro
direzione - quando vengono liberati dalle attività del kundalini in tutto il corpo. 2475-1
D- Come posso rendere attive le mie ghiandole pineale e pituitaria, nonché il kundalini e gli altri
chakra, per raggiungere le forze mentali e spirituali più elevate? Ci sono degli esercizi a questo
scopo, e se sì, per favore dateli.
R- Come indicato, dapprima riempi così la mente con l’ideale che possa vibrare in tutto l’essere
mentale. Poi chiudi i desideri del sé carnale alle condizioni intorno allo stesso. Medita su “La Tua
volontà con me.” Sentilo. Riempi tutti i centri del corpo, dal più basso al più alto, con quell’ideale;
aprendo i centri circòndati dapprima di quella coscienza: “Non la mia volontà ma la tua, Oh
Signore, venga fatta in e attraverso me”.
E poi abbi quel desiderio, quel proposito, non di raggiungere qualcosa senza la Sua direzione , bensì
con la Sua direzione - che è l’Artefice, il Donatore della vita e della luce; com’è in verità in Lui che
viviamo e ci muoviamo e abbiamo la nostra esistenza. 1861-4
D: Attraverso la mia meditazione il fuoco del kundalini si è innalzato alla testa o in alto nella
colonna vertebrale alla base del cranio? Se sì, è stato per l’astinenza sessuale e per la disciplina che
questo è avvenuto?
R: Si è innalzato a volte, ma non è rimasto; altrimenti non ci sarebbero quei periodi di confusione.
Poiché quando questo è nato - ed è disseminato correttamente nei sette centri del corpo, esso ha
purificato il corpo da ogni desiderio di rapporti sessuali. Perché questo è uno sbocco attraverso cui
si può giungere al celibato - attraverso questa attività. Il fatto che non sia rimasto indica dei
cambiamenti. 2329-1
D: Come posso produrre una stabilità emotiva maggiore?
R: Quando la corpo-mente riceve e comincia ad alzare l’influenza del kundalini nel corpo circonda
il sé della luce della Coscienza Cristica - per mezzo del pensiero, a parole, imprimendolo sul sé. E
in quella luce non si può mai fare alcun danno al sé o alle emozioni del corpo, e mai alcuna paura
del sé mentale e spirituale da parte dell’influenza oscura può essere nutrita o usata. 2329-3
Troviamo che l’entità dovrebbe trovare il suo ideale spirituale - e non nei misteri dell’oriente. Non
che questi non abbiano il loro posto nelle esperienze degli individui, ma le capacità di questa entità
nei soggiorni terreni sono state tali che, a meno che non venga presa in considerazione l’intera
Forza Creatrice e che l’entità non diventi tutt’uno con l’intenzione spirituale, essa può usare i poteri
e le forze intimi per la propria disfatta.
Perché l’entità prende quasi ogni esperienza per intuizione. Facilmente l’entità, entrando nella
profonda meditazione, può alzare le forze del kundalini nel corpo al terzo occhio tanto da diventare
una veggente; così che essa possa vedere il futuro e il passato. Ma la legge di tale cosa è che, a
meno che queste non vengano usate per motivi o scopi costruttivi e mai egoistici, esse arrecheranno
più danno che bene.
Poiché c’è l’espressione delle energie creatrici che deve essere una parte dell’esperienza. Non
permettere che le esperienze di molti ti sviino, dove e quando diventa necessario alzare tale
espressione; e non ne sarai capace a meno che non vivi ciò che chiedi e cerchi negli altri. Fa’ che
quello che cerchi sia che la legge del Signore Dio, che è manifesta nel Cristo, possa essere
manifestata attraverso te. 5028-1
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza