Site Logo
sabato 4 luglio 2020

La Meditazione

LA MEDITAZIONE
La meditazione, quindi, e` preghiera, ma preghiera dal di dentro del se´ interiore, e non fa soltanto parte dell’uomo interiore fisico ma dell’anima che viene risvegliata dallo spirito dell’uomo dal di dentro.
Bene, questo lo consideriamo dall’interpretazione individuale, nonche´ dall’interpretazione di gruppo; o meditazione individuale e di gruppo.
Come e` stato dato, ci sono delle condizioni definite che sorgono dal di dentro nell’uomo interiore quando un individuo entra nella meditazione vera e profonda. Avviene una condizione fisica, ha luogo un’attivita` fisica! Che agisce attraverso che cosa? Attraverso cio` che l’uomo ha scelto di chiamare l’immaginativo o l’impulsivo, e le fonti dell’impulso vengono destate escludendo il pensiero che riguarda le attivita` o gli attributi delle forze carnali dell’uomo. Questo e` vero, sia che lo consideriamo dal punto di vista del gruppo o da quello individuale. Allora i cambiamenti hanno luogo in modo naturale quando vi e` il risveglio di quegli stimoli all’interno dell’individuo che ha dentro di se´ la sede della dimora dell’anima, dentro il corpo individuale dell’entita` o uomo, e poi questo appartiene all’individualita` piuttosto che alla personalita`.
Se e` stato stabilito il segno (segno significa qui l’immagine che viene evocata dall’individuo nella sua forza immaginativa e impulsiva) in tal modo da prendere la forma dell’ideale che l’individuo mantiene come suo criterio al quale elevarsi, dentro l’individuo nonche´ verso tutte le forze e poteri che vengono esaltate o che devono essere esaltate nel mondo dall’esterno, allora l’individuo (o l’immagine) porta il segno dell’Agnello, o il Cristo, o il Sacro, o il Figlio o uno dei nomi che possiamo aver dato a cio` che permette all’individuo di entrare attraverso esso nella presenza stessa di cio` che e` la forza creativa dentro l’individuo stesso—Chiaro?
Alcuni hanno talmente oscurato se stessi per mezzo degli abusi degli attributi mentali del corpo da fare degli sfregi piuttosto che un segno, cosi` che dentro di loro puo` sorgere soltanto un’immagine imperfetta che non puo` elevarsi piu` in alto del risveglio dei desideri carnali nel corpo individuale. Stiamo parlando individualmente, si intende; non l’abbiamo alzata fin dove puo` essere diffusa, perche´ ricordate che si innalza dalle ghiandole note nel corpo come le lyden, o alle lyden (Leydig) e attraverso le forze riproduttive stesse che sono l’essenza stessa della Vita in un individuo—chiaro? Perche´ queste funzioni non raggiungono mai quella posizione o posto da non continuare a secernere cio` che determina virilita` in un corpo fisico individuale. Ora stiamo parlando delle condizioni dall’esterno e dall’interno!
Lo spirito e l’anima e` nel suo rivestimento o nel suo tempio dentro il corpo dell’individuo—chiaro? Quando allora questa immagine si risveglia si innalza lungo cio` che e` noto come la Via Appia, o il centro pineale, fino alla base del cervello, affinche´ possa essere diffusa a quei centri che danno attivita` all’insieme dell’essere mentale e fisico. Si innalza quindi all’occhio nascosto nel centro del sistema cerebrale o si avverte nella parte frontale della testa o nel posto proprio sopra la vera faccia—o il ponte nasale, chiaro?
Non fatevi confondere dai termini che usiamo necessariamente per dare l’esatta collocazione delle attivita` di queste condizioni negli individui per poter chiarire questo agli individui.
Quando allora un individuo entra nella meditazione profonda:
E’ stato trovato attraverso i secoli (gli individui hanno trovato) che e` necessaria l’auto-preparazione (per loro). Per alcuni e` necessario che il corpo venga purificato con dell’acqua pura, che si respiri in un certo modo, che ci possa anche essere un equilibrio nell’insieme del sistema respiratorio, che la circolazione si normalizzi nel suo flusso attraverso il corpo, che certi o specifici odori producano quelle condizioni ( o conducano a produrre le condizioni) che calmano o stimolano l’attivita` in certe parti del sistema, che le fonti piu` carnali o piu` materiali vengano scartate, o che l’insieme del corpo venga purificato, in modo che la purezza del pensiero, quando sorge, abbia meno contro cui operare quando diffonde cio` che da` a tutto il sistema, quando si alza attraverso l’insieme di questi centri, stazioni o posti lungo il corpo. Queste cose sicuramente contribuiscono, come fanno anche certi incantesimi, come la monotonia di certi suoni, come lo scandire di certi toni, campane, cembali,
tamburi o vari tipi di pelle...
Cosi`, a tutti si puo` dare:
Trovate quello che per voi stessi e` il modo piu` sicuro per la vostra coscienza di purificare corpo e mente, prima di tentare di entrare in meditazione, per evocare l’immagine di cio` attraverso cui state cercando di conoscere la volonta` o l’attivita` delle Forze Creative; perche´ nella meditazione evocate una creazione effettiva che ha luogo nel se´ interiore!
Quando si ha trovato cio` che per se´ purifica il corpo, sia questo l’astenersi da certi cibi o da certe frequentazioni (o uomo o donna) o da quei pensieri e attivita` che impedirebbero cio` che deve essere evocato dal trovare la sua piena portata di espressione nell’uomo interiore (uomo interiore o individuo interiore, uomo o donna, intendendo in questo senso quei sensi radiali dai quali, o centri dai quali, tutti gli organi fisici, gli organi mentali, ricevono i loro stimoli per l’attivita`), vediamo prontamente come quindi, nella meditazione, (quando si ha cosi` purificato il se´) quella guarigione di ogni tipo e natura puo` essere diffusa sulle ali del pensiero...
E’ senza la purificazione che l’ingresso in questa trova ogni tipo o ogni forma di disastro o di dolore o di ogni dis-agio di ogni specie. E’ quindi quando i pensieri o quando le purificazioni delle meditazioni di gruppo sono in conflitto che tali meditazioni invitano le forze superiori evocate nel se´ per la manifestazione e portano quelle condizioni che o avvicinano di piu` uno all’altro o determinano cio` che oscura (sconvolge?) molto nelle esperienze degli altri; percio` brevi meditazioni di gruppo con un pensiero centrale intorno a qualche idea individuale, o in parole, incantesimi o seguendo il discorso di qualcuno che e` sincero nelle capacita`, negli sforzi o nei desideri di evocare un’attivita` cooperativa nelle menti sarebbero migliori.
Quindi, come formula—non l’unica, s’intende—per un individuo che vorrebbe entrare in meditazione per se stesso, per gli altri: Pulite il corpo con dell’acqua pura. Sedetevi o giacete in una posizione comoda senza abiti stretti intorno al corpo. Inspirate attraverso la narice destra per tre volte ed esalate attraverso la bocca. Inspirate per tre volte attraverso la narice sinistra ed esalate attraverso quella destra. Poi, o con l’aiuto di musica a basso volume o con l’incantesimo di cio` che trasporta il se´ piu` in profondita`—piu` in profondita`—a vedere, percepire, sperimentare quell’immagine nelle forze creative dell’amore, entrate nel Sancta Sanctorum . Man mano che il se´ sente o sperimenta l’evocazione di questa (immagine), vedetela diffusa attraverso l’occhio interiore (non l’occhio carnale) verso cio` che portera` una comprensione piu` grande per affrontare ogni condizione nell’esperienza del corpo. Allora ascoltate la musica che viene fatta quando ogni centro del vostro corpo risponde a quella nuova forza creatrice che viene diffusa attraverso il suo proprio canale; e troveremo che un po’ per volta questo ‘entrare dentro’ permettera` al se´ di rinnovare tutto il necessario—in Lui.
Dapprima, pulite la stanza; pulite il corpo; pulite cio` che vi circonda, nel pensiero, nel fatto! Non avvicinatevi all’uomo interiore o al se´ interiore con un rancore o con un pensiero poco gentile nei confronti di qualsiasi uomo! O altrimenti lo fate per la vostra stessa rovina prima o poi!
Preghiera e meditazione: la preghiera e` lo sforzo combinato della coscienza fisica per mettersi in sintonia con la coscienza del Creatore, o collettivamente o individualmente. La meditazione e` svuotare il se´ da tutto cio` che impedisce le forze creative dal salire lungo i canali naturali dell’uomo fisico da essere diffuse attraverso quei centri e quelle fonti che creano le attivita` dell’uomo fisico, mentale, spirituale; fatta correttamente deve rendere piu` forti mentalmente, fisicamente, perche´ non e` stato dato che Egli cammino` nel vigore di quel cibo ricevuto per molti giorni? non e` stato dato da Lui che ci ha mostrato la Via: “Ho avuto del cibo che voi non conoscete” (Giovanni 4:32)? Come noi ci esauriamo, cosi` si esaurisce la totalita` dell’uomo—fisicamente e mentalmente--, ma quando entriamo nel silenzio, quando entriamo nel silenzio della meditazione, con le mani pulite, con un corpo pulito, una mente pulita, possiamo ricevere quella forza e quel potere che si addice ad ogni individuo, ogni anima, per una maggiore attivita` in questo mondo materiale.
“Non temete, sono Io” (Marco 6:50). Assicuratevi che sia Lui che adoriamo, che evochiamo nel nostro se´ interiore per la disseminazione; perche´, come Egli diede: “Dovete mangiare del mio corpo; dovete bere del mio sangue” (Prima Lettera ai Corinzi 11:24-24). Evocare quindi nel se´
interiore quell’immagine del Cristo, l’amore della coscienza di Dio, vuol dire purificare il corpo tanto da sbarrarlo contro tutte le forze che sarebbero di ostacolo in qualunque maniera.
Siate puliti, in Lui. 281-13
D- Per favore spiegate i passi che dovrei fare nella meditazione.
R- In qualunque modo quello che per la tua propria coscienza e` una purificazione del corpo e della mente...Sia questo lavare il corpo con l’acqua, purgarlo con oli o circondarlo di musica o incenso. Ma fa cio` che la tua coscienza di indica...Quindi, meditando su cio` che e` l’ideale piu` alto dentro di te, alza le vibrazioni dalla tua coscienza inferiore attraverso i centri del tuo corpo al tempio della tua mente, il tuo cervello, l’occhio che e` singolo nello scopo; o alle forze ghiandolari del corpo come l’Occhio Singolo. Poi ascolta—ascolta. 826-11
(Le vibrazioni circolari sperimentate durante la meditazione) spiritualizzate sono le emanazioni che possono essere emesse come onde del pensiero, come una forza nell’attivita` dell’influenza universale o cosmica, e cosi` avere il loro effetto su coloro verso i quali vengono indirizzate per mezzo della forza suggestiva...
(Nella meditazione) quando si e` in grado di alzare in se stessi tali vibrazioni cosi` da passare attraverso l’intero corso degli attributi delle armonie fisiche alla forza o al centro di disseminazione, o l’Occhio, allora il corpo dell’individuo diventa un magnete che puo` (se usato correttamente) portare la guarigione agli altri imponendo le mani.
D- Si dovrebbe permettere che segua l’incoscienza?
R- L’incoscienza e` una conseguenza naturale fisica, a meno che la radiazione non sia passata in qualche altra forza per alzarla o per aiutarla.
D- Come si puo` dirigere la vibrazione che culmina nella testa verso colui che si vorrebbe aiutare? R- Col pensiero. (Ora stiamo parlando di un’attivita` spirituale puramente meccanica, metafisica che avrebbe luogo.) 281-14
D- Perche´ non ho maggiore successo con la meditazione?
R- Spesso troviamo che l’attivita` individuale diventa cosi` personale anche nella meditazione che si cerca che questo o quello, che puo` essere stato riportato di essere successo a qualcun altro, debba essere il modo in cui succede per se stessi. E in questo modo viene tagliato via, viene costruito la barriera che impedisce che il vero se´ interiore sperimenti. 705-2
(Nella meditazione) non aprire mai il se´, amico mio, senza circondare il se´ con lo spirito del Cristo, affinche´ tu possa essere sempre protetto. 440-8
(La sfera di cristallo) e` un mezzo di concentrazione per coloro che si lasciano possedere o che lasciano che la loro attivita` spirituale si centralizzi attraverso l’innalzamento di quelle forze attivanti nel corpo fisico note come centri attraverso i quali la concentrazione e la meditazione viene accentuata dallo sforzo concentrato su qualsiasi cosa che le cristallizzi in attivita`. Un mezzo per alcuni. Piuttosto, come e` stato dato, lasciate che la prova venga da cio` che puo` essere visto come una visione nel se´. 254-71
D- Qual e` il mio tempo migliore per la meditazione?
R- Come sarebbe per tutti, dalle due alle tre del mattino. 462-8
D- (Qual e` la polarita` migliore per questo corpo) quando medita? R- Rivolto verso est, senza dubbio. 2072-12
Per questo corpo—non per tutti—gli odori avrebbero molto a che fare con la capacita` dell’entita` di meditare...Lascia che la mente si sintonizzi, per cosi` dire, con quell’incenso orientale per mezzo del
canticchiare; producendo quei suoni di o-o-o-ah-o-o-o; non da diventare monotono, ma ‘senti’ l’essenza dell’incenso attraverso le forze del corpo nel loro movimento corporeo. Questo aprira` le forze kundalini del corpo. 2823-3
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza