Site Logo
martedì 24 novembre 2020

La Scienza e la Tecnologia di Poseidia

D- Ritornando all’incarnazione ad Atlantide - - che cosa era la pietra Tuaoi? Di quale forma o
foggia era?
R- Aveva la forma di una figura di sei lati in cui la luce appariva come mezzo di comunicazione fra
infinità e finitezza; o il mezzo con l’aiuto del quale c’erano le comunicazioni con quelle forze
dall’esterno. Più tardi questa arrivò a significare ciò da cui le energie irradiavano, come dal centro
dal quale ci furono le attività radiali che guidavano le varie forme di transizione o viaggio attraverso
quei periodi di attività degli abitanti di Atlantide.
Era messa a punto come un cristallo, sebbene in una forma molto diversa da quella usata là. Non
confondere quindi queste due, poiché c’erano molte generazioni di differenza. Fu in quei periodi in
cui si dirigevano gli aeroplani o i mezzi di viaggio; anche se questi in quel periodo viaggiavano allo
stesso modo nell’aria o sull’acqua o sott’acqua. Ma la forza con cui questi venivano diretti era in
questa centrale elettrica o pietra Tuaoi; che era come il raggio sul quale agiva.
All’inizio essa fu la fonte da cui ci fu il contatto spirituale e mentale.
Per capire, queste cose sono la conseguenza di leggi - - se si vuole avere la comprensione di queste
cose. Poiché, com’è stato dato, la base, l’inizio della legge porta fino al compimento. E ciò che
viene o comincia viene dapprima concepito nello spirito, cresce nel mentale, si manifesta nel
materiale, come era con questa forza centrale nell’esperienza di Atlantide. Dapprima fu il mezzo e
la fonte o maniera per mezzo di cui le forze esistenti facessero l’accentramento per fare conoscere ai
figli degli uomini, e ai figli di Dio, le forze o i poteri che davano le direttive. L’uomo alla fine
trasformò questo in quel canale di forze distruttive - - e al presente si sta andando verso questo.
2072-10
D- Date un resoconto della conoscenza elettrica e meccanica dell’entità come Asal-Sine ad
Atlantide.
R-... Nel centro di un edificio di cui oggi si direbbe che era rivestito di metalli non conduttivi o di
pietra non conduttiva - - qualcosa di simile all’asbesto, con le forze combinate di bakerite
(bachelite?) o altre sostanze non conduttive che ora vengono fabbricate in Inghilterra sotto un nome
che è noto bene a coloro che trattano quelle cose. L’edificio sopra la pietra era ovale o a volta nella
quale c’era o poteva essere il rotolamento all’indietro, così che l’attività della pietra veniva ricevuta
dai raggi del sole o dalle stelle; la concentrazione delle energie che emanano dai corpi che sono essi
stessi in fiamme - - con gli elementi che vengono trovati e che non vengono trovati nell’atmosfera
terrestre. La concentrazione attraverso i prismi o il vetro, come lo si chiamerebbe al presente, era
fatta in modo da agire sugli strumenti che erano connessi con i vari modi di viaggio, attraverso dei
metodi induttivi - - che avevano molto il carattere di controllo come il controllo remoto attraverso le
vibrazioni o direzioni radio sarebbe al giorno d’oggi; benché il tipo di forza che veniva spinta fuori
dalla pietra agisse sulle forze motivanti degli aeromobili stessi ...
La preparazione di questa pietra fu unicamente nelle mani degli iniziati del momento, e l’entità fu
fra quelli che dirigevano le influenze della radiazione che si creava nella forma dei raggi che erano
invisibili all’occhio, ma che agivano sulle pietre stesse messe a punto nelle forze motivanti - - sia
negli aeromobili che venivano sollevati per mezzo dei gas o sia quando si guidavano i veicoli più
piacevoli che potevano passare radenti vicino alla terra, o ciò che si chiamerebbe le imbarcazioni
sull’acqua o sott’acqua.
Questi venivano quindi azionati dalla concentrazione dei raggi provenienti dalla pietra che era
collocata al centro della centrale elettrica (come verrebbe definito al presente).
Nelle forze attive di questi l’entità portò delle forze distruttive, dando il via - - in varie parti del
paese - - al tipo che doveva agire per produrre le energie nelle varie forme delle attività della gente
nelle città, le cittadine, i paesi che le circondavano. Queste, non intenzionalmente, vennero messe a
punto troppo alte – e portarono il secondo periodo di forze distruttive alla gente nel paese, e
disgregarono il paese nelle isole che più tardi diventarono i periodi in cui ulteriori forze distruttive
venivano portate nel paese.
Attraverso la stessa forma di fuoco i corpi degli individui vennero rigenerati, per mezzo di
bruciature - - attraverso l’applicazione dei raggi provenienti dalla pietra, le influenze che portavano
forze distruttive ad un organismo animale. Pertanto il corpo si ringiovanì spesso e rimase in quel
paese fino alla distruzione finale, unendosi alla gente che produceva la disgregazione del paese - - o
unendosi a Baalilal (Baal? Belial?) nella distruzione finale del paese. In questo l’entità perse.
All’inizio non ci fu l’intenzione né il desiderio di forze distruttive. Più tardi fu per l’ascensione
stessa del potere.
Quanto alla descrizione del tipo di costruzione della pietra troviamo che era una grande lente
cilindrica (come si direbbe oggi), tagliata con sfaccettature in tal modo che la chiave di volta in
cima della stessa produceva la centralizzazione dell’energia o forza che si concentrava fra
l’estremità del cilindro e la stessa chiave di volta.
Come indicato, le documentazioni dei tipi di costruzione di queste pietre sono in tre posti sulla terra,
come è oggi: nelle parti affondate di Atlantide, o Poseidia, dove una parte dei templi può ancora
essere scoperta, sotto la fanghiglia di secoli dell’acqua marina - - vicino a ciò che è noto come
Bimini, lontano dalla costa della Florida. E nelle documentazioni dei templi che erano in Egitto,
dove l’entità agì più tardi in cooperazione con altri per conservare le documentazioni che venivano
dal paese dove questi erano stati tenuti. Anche le documentazioni che venivano trasportate in quello
che ora è lo Yucatàn in America , dove queste pietre (di cui sanno così poco) ora (1933) - - durante
gli ultimissimi mesi - - stanno per essere scoperte.
D- Questa entità deve nuovamente imparare l’uso di queste pietre?
R- Quando saranno venuti quegli individui che si purificheranno nel modo necessario per ottenere
la conoscenza e per entrare nelle camere dove queste possono essere trovate; sì - - se il corpo si
purificherà. Nel ’38 dovrebbe accadere, se l’entità - o altri - - dovesse essere proposta.
Nello Yucatàn c’è l’emblema di questi. Chiariamo questo, poiché può essere trovato più facilmente
- - poiché verranno portate in questa America, questi Stati Uniti. Una parte deve essere portata,
come troviamo, al Museo di Stato della Pennsylvania. Una parte deve essere portata nei luoghi di
conservazione di Washington di tali ritrovamenti, o a Chicago.
Le pietre collocate sul davanti del tempio, fra il tempio di servizio e il tempio del cortile esterno - -
o l’attività del sacerdote, poiché più tardi fecero nascere da questo (cosa che può dare un’idea
migliore di ciò che si intende) le attività degli ebrei - - nell’altare che stava davanti alla porta del
tabernacolo. Questo altare o questa pietra nello Yucatàn sta quindi in mezzo alle attività del
sacerdote (perché questo è naturalmente degenerato dall’uso e proposito originale, ma è quella che
verrà trovata per primo).
Quanto all’uso della stessa e come deve essere applicata: bisogna preparare il sé - - e non può essere
dato interamente attraverso alcun canale, finché un individuo no avrà così purificato i suoi intenti e i
suoi desideri. 440-5
A Poseidia l’entità abitò fra quelli dove c’era il deposito, per così dire, delle forze motivanti nella
natura provenienti dai grandi cristalli che così condensavano le luci, le forme, le attività da guidare
non soltanto la nave sul seno del mare, ma anche nell’aria e in molte di quelle cose ora note come
comodità per l’uomo come nella trasmissione del corpo, come nella trasmissione della voce, come
nel documentare quelle attività in ciò che presto diventerà una cosa pratica nel creare le vibrazioni
tanto da produrre la televisione. 813-1
(Ci fu) ciò che può essere noto al presente come la fotografia dalla distanza, o la ... capacità di
leggere delle iscrizioni attraverso i muri - - anche a distanza ... (e ) ci fu il superamento delle
(chiamate così oggi) forze della natura o della gravità stesa; e le preparazioni attraverso il cristallo,
il cristallo potente, terribile. 519-1
D- Qual è la migliore sostanza per l’induzione, la conduzione, la trasmissione di energia eteronica ?
R- Questa è un’energia provocata che verrebbe prodotta da una combinazione di cristalli ... E’
molto simile a quella usata dal corpo nelle forze distruttive nel soggiorno ad Atlantide. Non quella
che causò il raggio cosmico, o il raggio della morte, o il raggio risanante - - bensì il raggio che
proveniva dalla messa a punto delle influenze prismatiche da un riscaldamento elevato - - può
essere proveniente da Arturo o può essere dal Sole; anche se Arturo sarebbe più adatto. Il sole può
essere indotto a produrre delle forze distruttive o costruttive. 440-3
D- Descrivete alcune delle capacità mentali che vennero sviluppate dagli abitanti di Atlantide al
tempo del loro maggiore sviluppo spirituale.
R- Impossibile descrivere i raggiungimenti fisici nel loro sviluppo spirituale. L’uso delle condizioni
materiali e gli attributi spirituali in un mondo materiale diventerebbero e diventano quelli che sono i
miracoli del Figlio nel mondo materiale; poiché persino con Lui presente [fisicamente nel mondo] –
e quando Lui camminò, in Galilea, in Egitto, in India, in Francia, in Inghilterra o America - - ci
furono quei periodi in cui le attività del fisico erano come era ciò che verrebbe definito la vita
quotidiana dei Figli di Dio nell’esperienza di Atlantide o Eden; poiché come quelli portarono i vari
cambiamenti dal massimo dello sviluppo spirituale al massimo del mentale, poi dello sviluppo
materiale o fisico, quindi la caduta - - chiaro? 364-7
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza