Site Logo
lunedì 22 aprile 2019

L’Amore è Dare

D- Qual è la legge dell’amore?
R- Dare. Com’è dato in questa ingiunzione: “Ama il tuo Vicino come Te Stesso.” Com’è dato nell’ingiunzione: “Ama il Signore Tuo Dio con tutto il Cuore, con tutta l’Anima e con tutto il Corpo” (Luca 10:27). In questa, come in molti, vediamo sul piano fisico o terreno o materiale le manifestazioni di quella legge, senza la legge stessa. Troviamo questo con ogni condizione che è la
manifestazione del contrario delle legge dell’amore. Il dono, il dare, con la speranza di una ricompensa o un pagamento è il preciso opposto della legge dell’amore. Ricorda che non c’è ingiunzione più grande che: ”Dio così amò la Sua Creazione, o il Mondo, da dare Suo Figlio Unigenito per la loro redenzione.” Attraverso quell’amore, quando l’uomo lo rende manifesto nel suo cuore e nella sua vita, raggiunge quella legge, e in conformità con una legge la legge diventa
una parte dell’individuo. Quella è la Legge dell’Amore. Dare in azione, senza la forza sentita, espressa, manifestata, mostrata, desiderata o senza ricompensa per ciò che si ha dato. Non che la legge dell’amore abolisca altre leggi, ma rende la legge della ricompensa, la legge della fede, la legge del divino, con la legge delle forze terrene- se la vuoi vedere così - di effetto, non difettosa,bensì di effetto.
Così abbiamo: l’amore è legge, la legge è amore. Dio è amore. L’amore è Dio. In questo vediamo la legge manifesta, non la legge stessa. All’individuo, come abbiamo quindi dato, che raggiunge la comprensione del sé, che diventa parte di questo. Come si trova, ciò che arriva come un tutt’uno, così abbiamo le manifestazioni dell’unità, dell’essere tutto nell’amore. Ora se noi, come individui, sul piano terreno abbiamo tutte le altre forze elementari che agiscono per il miglioramento della vita e non abbiamo l’amore siamo come il nulla - nulla. “Sebbene uno possa avere il dono della profezia, così da dare grande comprensione anche delle grazie nella speranza, nella carità, nella
fede, e non ha la legge dell’amore in cuore, anima, mente, e sebbene metta a disposizione il corpo per manifestare proprio queste grazie e non ha l’amore, è nulla.” In molti, molti modi le manifestazioni della legge dell’amore possono mostrarsi, ma senza l’amore più grande, proprio come lo dà il Padre, proprio come lo dà l’anima, non c’è comprensione e nessuna conformità con le forze che danno effetto alla nostra legge più recente. 3744-4

Nell’amore ogni vita è stata data, nell’amore tutte le cose si muovono. Nel dare si riceve. Nel dare si acquisisce. Nel dare l’amore arriva come l’appagamento del desiderio, guidato, indirizzato nel modo che porta la conoscenza più perfetta dell’applicazione del sé in rapporto con l’influenza universale, onnipotente, che tutto guida, tutto divina nella vita – o è la vita. 345-1

L’amore è dare ... l’amore cresce; l’amore sopporta; l’amore perdona; l’amore comprende; l’amore tratta quelle cose piuttosto come opportunità che per altri diventerebbero avversità. 939-1

Non confondere l’affetto con l’amore. Non confondere la passione con l’amore. L’amore è di Dio, è Creativo; esso dà tutto. Quale sarebbe il risultato se Dio manifestasse la forza in te e non l’espressione della pazienza, non l’espressione soltanto della bellezza che è gratificazione, ma un appagamento di un forte desiderio, una speranza che è latente e profonda in ogni anima? 3545-1
Quando dovere, amore e ragione sono tutt’uno, allora tale coscienza si avvicina all’amore universale che diede tutto affinché l’uomo potesse essere tutt’uno con quell’amore universale. 31-1

Fa’ che l’amore sia senza dissimulazione—cioè senza possesso, bensì nella maniera che Egli diede:
“Amatevi l’un l’altro, proprio come io ho amato voi”; pronti di dare la vita, il sé, per lo scopo, per un ideale. 413-11

L’opposto dell’amore è sofferenza, odio, malizia, ingiustizia. 281-51

Che cosa è più reale, l’amore manifestato nel Figlio, il Salvatore, per i Suoi fratelli, o l’essenza dell’amore che può essere vista persino nella più vile delle passioni? Essi sono tutt’uno. Ma ciò che portano in essere in forma materializzata dipende da quali elementi dell’Unica Fonte sono stati combinati per produrre una materializzazione. Bellissimo, non è vero? 254-68

Vivere l’amore è essere l’amore. Essere tutt’uno con il Padre è essere uguale al Padre. 900-331

L’amore guarisce i feriti; medica chi ha il cuore infranto; conferisce comprensione dove sono sorte delle differenze. Perché Dio è amore! 688-4

Ama i tuoi nemici o coloro che ti userebbero con disprezzo. 1900-1

(L’indifferenza amorevole è) agire come se non fosse successo; ignorarlo come se non esistesse. Non animosità, perché questa crea soltanto conflittualità. 1402-2
Il pensiero più grande che venga alla mente dell’uomo ‘qualcuno si preoccupa’. 3365-1

Così l’entità si trova incerta su quanto per l’entità è davvero la verità. La verità è la legge inalterabile, immutabile, per sempre. Che cosa è la verità? Legge! Che cosa è la legge? L’amore. Che cosa è amore? Dio. Che cosa è Dio? Legge e amore. Questi sono come il ciclo della verità stessa. E dovunque sei, in qualsiasi clima, è sempre lo stesso. Poiché, com’è detto di lui, Egli è lo
stesso ieri, oggi e per sempre - inalterabile! Non come i medi e i persiani che sono costruiti su delle condizioni incerte, bensì come: Io sono ciò che sono! Quello è vero. Cercalo nel tuo sé interiore. Coltivalo nella mente, e cambierà i risultati nel tuo essere fisico. Sì, avrai molto per cui vivere. Poiché ognuno sarà amico tuo, dato che hai qualcosa da dare a tutti. Non come ciò che porta errore o mancanza e rende davvero povero un individuo, ma ciò che è una benedizione per la mente e per l’anima, dando granelli di verità che non tolgono nulla a nessuno, bensì aggiungono qualcosa a tutti. 3574-2

Interpretando quegli scopi, quegli impulsi, quelli che sono latenti e quelli che sono manifesti:
E’ manifesto il desiderio che l’entità stessa possa ancora, possa ora, essere un’influenza utile nella vita e nell’esperienza di altri. Non per mezzo di condanna quindi, ma per mezzo dell’apprezzamento di ciò che è stato, di ciò che sono le debolezze, di ciò che sono i difetti di coloro che possono, per mezzo della bellezza del tuo volto, nonché per la bellezza del tuo scopo attrarre altri a te, loro che essi stessi hanno dei problemi. Ascoltali, non condannarli. Il tuo Signore non l’ha fatto, perché lo fai tu? Consigliali e discuti con
loro, affinché possano piuttosto fare affidamento alle promesse di Lui che ha dato: “Un nuovo comandamento io do a voi, affinché vi amiate l’un l’altro, proprio come io ho amato voi; che vorrei mettermi al vostro posto, che prenderò su di me tutti i fardelli e renderò la vostra croce leggera.”
Così puoi fare a molti, e in questo troverai gioia, sì, e troverai che l’amore non ti ha affatto tagliato fuori, ma che ci sono le opportunità di essere per altri ciò che avresti voluto che gli altri fossero per te. Non è mai al di là del braccio del Signore dire a coloro che vogliono aprire la mente e il cuore e gli scopi e sapere che come la fai agli altri la fai al tuo Signore, il tuo Salvatore, il tuo Cristo. Proprio come Egli distribuisce agli altri bene per male; proprio come Egli diede allegria, conforto, anzi la vita stessa a coloro che volevano toglierGli la vita. Così puoi fare tu nelle tue attività intorno alla tua casa. Poiché qualunque cose decidi di fare, lo puoi fare fidando in Lui che serve fino all’ultimo. Per quanto riguarda le esperienze sulla terra, queste sono state molte e molto varie. Di molte di queste non è nemmeno un bene che il sé ne sappia, e così sono state cancellate dal libro dei tuoi ricordi, proprio come Egli le cancella dal libro dei ricordi di Dio, se vi amate l’un l’altro, se dai al tuo prossimo, anzi, alle tue sorelle su tutti i percorsi di esperienze, quell’amore di cui sei capace nel tuo sé. Poiché chi ha amato molto a lui può essere dato molto. 5231-1

Come in Venere - amore, musica, arte, talenti per l’espressione dell’amore materno spirituale,quell’influenza che è la base dei rapporti corretti di entità individuali sul piano materiale, mentale e spirituale. Poiché, com’è dato, Dio così amò il mondo da dare Suo Figlio unigenito. Così questa entità ha tanto amato il suo prossimo da dare se stessa, la sua vita, le sue capacità, le sue virtù, affinché anche altri potessero sapere che Dio si ricorda di loro. Questo è ciò che l’entità nella sua vita spirituale ha guadagnato nell’esperienza attuale. In Giove troviamo l’universalità, la capacità di essere tollerante. Così tante anime o entità hanno combinato l’amore sul piano materiale con la tolleranza! Poiché l’amore nel materiale diventa egoistico, e questo è l’opposto della tolleranza. 2629-1

... Mostrati gentile se vuoi avere degli amici. Cerca attraverso dei canali in modo che ci sia del servizio reso; non come un servizio fatto con gli occhi, affinché si possa diventare grato nei confronti di qualcun altro; e non dare ad un altro un colpetto sulla spalla semplicemente per ricevere un colpetto; bensì parlatevi dolcemente, con affetto; con dell’amore fraterno, preferendovi l’un
l’altro, e tieni il sé immacolato dalle cose corrotte, dalle posizioni discutibili, dalle condizioni discutibili. Agisci in modo da poter guardare ogni uomo in faccia e da poter dire loro questo: ciò che ho commesso è un libro aperto, e chi corre può leggerlo; ciò che ho fatto tutti possono farlo allo
stesso modo. 1726-1

Scegliete allora quest’oggi chi volete servire? Il Signore sacro e retto, oppure il sé che è debole e indegno dell’amore? a meno che non mostriate il Suo amore, come avete visto nelle vostre esperienze, nei confronti del vostro prossimo.
Che cosa è l’Amore Divino? Che il Padre e il Figlio e lo Spirito Santo possano dirigervi, infatti vi dirigono, vi dirigeranno in ogni pensiero, in ogni atto!
E non giudicate gli altri, non condannate gli altri. Questo non è divino amore, né è saggezza. Poiché questo costruisce delle barriere, distrugge, insidia dapprima la vita del sé e poi, nei cuori e nella mente e nelle esperienze di altri, porta dispiacere, delusioni e quelle cose che impauriscono il cuore
degli uomini. 262-104

Con quanta capacità affronti i problemi come si presentano dipende da come hai dominato, e domini, i problemi davanti a te giorno per giorno.
In Lui, il Cristo, come manifesto in Gesù, trovi questo - il primo comandamento, il più grande - “Ama il Signore tuo Dio (ciò che è manifesto nel sé come la vita stessa) e tuo vicino come te stesso.”
Ciò che porta questi due alla consapevolezza è ciò che viene chiamato così bene eppure così male amore. Dio è amore. Un’entità individuale, ogni anima, ogni entità, ogni corpo, trova il bisogno di esprimere quello che viene chiamato amore nell’esperienza materiale; dalla sua prima consapevolezza fino alla sua ultima chiamata attraverso l’altra porta di Dio - il bisogno di amore,
espresso, manifestato, dal sé e da parte di altri. Come semini, così raccoglierai - questo diventa nuovamente il fondamento di ciò che il sé, nonché
altri, possono aspettarsi. Se vuoi avere degli amici mostrati amichevole; se vuoi avere amore, amatevi l'un l'altro. Queste cose sono immutabili. Non cambiano. L'uomo le cambia soltanto nell’applicazione - che si tratti di soddisfare l’ego o l’animale o la carne o la mente. Quindi queste espressioni nei confronti del sé, come si sperimenta nella maternità, danno la massima gloria manifestata sulla terra. Così può davvero conoscerla, secondo come ti comporti nei confronti degli altri.Qual è quindi lo scopo di questa discussione? Trovi il tuo corpo, la tua mente, la tua anima - il tuo corpo il tempio del Dio vivente - la tua mente il nesso di collegamento e di comunicazione con il
Divino attraverso il quale può sempre ricevere la risposta, se soltanto vuoi stare ad ascoltare. Poiché la mente è il costruttore. Il fatto che una mente possa fare una domanda significa (dato che sei una parte del Divino) che la risposta è dentro di te. E la vera risposta può essere solo sperimentata da te
stessa! Ciò che è stato messo in rilievo qui (in un modo molto povero) può svegliare nel sé la realizzazione che da te stessa puoi fare poco, ma che, visto che Lui - il tuo Salvatore, il tuo Dio - opera in e attraverso te, tu puoi rendere la tua parte - anzi, tutte le parti della terra un posto migliore perché
l’uomo ci viva!
Nella tua condotta giornaliera stabilisci quindi quel primo principio - nell’amore preferire Lui a tutto il resto; e nell’applicazione lascia che Lui ti mostri la via. 2174-2

La prima lezione che tutti devono imparare: l’amore è il dare ad altri ciò che è nel sé. Quindi, dove disprezzo, affronti o addirittura sospetti sono potuti entrare per quanto riguarda il prossimo non ci può essere tutto ciò che l'amore dovrebbe essere, cioè, nell’esperienza di uno così. Poiché “Egli così amò il mondo da dare suo stesso figlio.” Ed è stato chiesto a tutti : “Amatemi,seguite i miei comandamenti, affinché io possa dimorare in voi proprio come dimoro nel Padre.” Tutti credono, sì; tutti sanno, sì; tutti comprendono che quelle cose che ostacolano ogni singola anima sono soltanto l’egocentrismo, l’egoismo nel sé, che presentano addirittura l’alba di quel concetto di ciò che significa amore nella loro esperienza. Tutti vedono nelle varie attività sulla terra quella dell’amore materno, quella dell’amore nell’amicizia, quella dell’amore per un ideale, per il sé, per le varie esperienze che si vedono nell’esperienza di ciascuno. Ma conoscere tutta la verità che rende davvero liberi; quell’amore che impedisce affronti, disprezzo, battute sgarbate, esitazioni qua, delusioni là - nelle cose, nella gente, nelle condizioni; non scuotere la fede, il fondamento della manifestazione nell’esperienza materiale; pochi hanno trovato questo. 262-44

E nell’amore mostra la preferenza per quell’amicizia, nelle piccole cose che rendono la vita più ampia più grande e migliore! E tieni questo sempre nei recessi più intimi del tuo cuore - che nell’amore il mondo è stato salvato e fatto; nell’odio e nell’indifferenza il mondo può essere distrutto - e rovinare la vita di qualcuno nell’indifferenza, o nel differenziare fra ciò che è
costruttivo e distruttivo è necessario per lo scopo migliore nelle azioni del corpo. Nella preferenza quindi - mostrati quella che esaudisce quelle cose che possono essere costruite attraverso queste associazioni in questa grande esperienza su cui tutti stanno ora viaggiando. 903-3
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza