Site Logo
martedì 25 giugno 2019

Elisabetta I

Considerata una dei monarchi più grandi dell’Inghilterra, la regina Elisabetta I è nota per l’era che ha ispirato, così come per il fascino della sua corte, il suo successo come regnante e la sua verginità a lungo conservata. La colonia della Virginia (USA) ha preso il nome da lei. Durante il suo regno l’Inghilterra si affermò come potenza nella politica, nel commercio e nelle arti. Era figlia di Enrico VIII e della sua seconda moglie, Anna Bolena. Elisabetta era esperta di lingue straniere, amava la musica e stabilì saldamente la Chiesa Protestante d’Inghilterra durante il suo regno.
Durante la sua lettura una donna trentenne domandò perché spesso aveva delle “visioni” di un universo rotante costellato di stelle. La risposta di Cayce fu che simboleggiava il potere che lei aveva conseguito, perché una volta aveva “governato l’universo come la Regina!”

L’entità fu fra quelli della famiglia reale, e in quelle esperienze
come regina Elisabetta portò a quelle attività che da molti
vennero contestate, ma che a molti portarono quei periodi della
maggiore considerazione per i sudditi del paese; i favori che furono
elargiti dall’entità a quelli dei vari periodi di attività nelle relazioni
con altri paesi portarono a molti interrogativi.
Se era un periodo di sviluppo o di rallentamento può essere meglio
determinato dalla maniera in cui l’entità ancora incute rispetto a molte
persone di certi gruppi o ceti in quel particolare
paese. E tutte queste dovrebbero avere un
un interesse particolare. 2378-1

Nella sua vita più recente era nata nell’America delle colonie dove aveva imparato ad apprezzare profondamente la terra, la vita all’aperto e l’armonia della natura. In Palestina aveva conosciuto grande scompiglio a causa di pregiudizio e ingerenza religiosi - una situazione che la sua anima aveva tentato di mettere a posto come regina d’Inghilterra. Si interessava di musica e suono e inoltre apprezzava i colori. Tutte queste qualità risalivano all’antico Egitto dove era stata occupata nei templi e aveva primeggiato nella musica (specialmente l’arpa).
[2378] si sentì dire che aveva delle capacità mentali elevate, era attratta dalla natura e dalla musica e poteva eccellere in qualsiasi lavoro che richiedesse informazioni dettagliate, che si trattasse di lavoro di segreteria o l’insegnamento della musica. Fu messa in guardia dalla sua tendenza alla testardaggine e le fu consigliato di cercare lavoro in “parti di Tidewater, in Virginia”. Quando chiesero a Cayce quale fosse il suo talento latente, rispose che “può trovare l’espressione maggiore nei campi indicati. Naturalmente il talento latente è governare! Per questo la casa è un posto migliore di altri per esprimerlo, nelle attuali circostanze.”
Non ci sono relazioni successive per [2378] in archivio.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza