Site Logo
martedì 23 aprile 2019

La Causa Karmica delle malattie

La Causa Karmica delle malattie

!
?
?R. L’eccessiva indulgenza nell’esperienza francese e anche in quella persiana, con troppa attivita` delle forze produttrici di acidi nel sistema.
Per questo nel presente, com’e` indicato nelle reazioni fisiche dal mentale e spirituale, e` necessario che sia mantenuta l’uniformita` cosi` come la coerenza nel pensiero, nella parola e nei cibi. (641-6)
Che cosa faceva in quelle incarnazioni? In Francia era accompagnatore e protettore di re Luigi XIII lasciandosi andare a molti eccessi – troppi cibi calorici – della vita di corte ... a quel tempo. Sceglieva inoltre gli abiti per il re, stabilendo il modello di abbigliamento per quell’epoca. Stranamente nella sua vita attuale [641] fu un viaggiatore di commercio di uniforme, molto impegnato nel suo lavoro e che ebbe grande successo.
!
Per la sua incarnazione persiana non sono stati forniti molti dettagli. Fu medico di corte (il
periodo storico non era certo; forse fu durante il regno di Creso nel sesto secolo a.C.) e, secondo la lettura, progredi` e perse. Perse “per l’uso erroneo che l’entita` fece di cio` che sosteneva.” (641-1) Ma le condizioni acide dovute a qualche eccessiva indulgenza misero in disordine il suo apparato digerente, e questa debolezza fu estesa alla sua vita attuale.
Secondo le sue lettere, [641] continuo` ad avere problemi di stomaco ed ebbe delle difficolta` a regolare la sua dieta, nonostante i tentativi di seguire le raccomandazioni delle letture. Un’annotazione fatta il 1 novembre 1974 da Gladys Davis Turner rivelo` che [641] aveva subito un intervento chirurgico per aggiustare un’ernia inguinale e per alleviare un colon spastico. Era inoltre stato curato per un disturbo intestinale che faceva pensare ad un’ulcera, sebbene i raggi X non mostrassero nulla. Oltre ad una costipazione cronica aveva molti dolori e fastidi per cibi che non andavano bene col suo sistema.
Inoltre Gladys fece questa ipotesi: “Potrebbero tutti questi sintomi restanti, ricorrenti essere il karma fisico causato dalla trascuratezza durante i suoi anni stressanti nel commercio [come venditore di uniforme], basato sul karma originale (condizione prenatale), menzionato nella sua lettura sulle vite passate ...?” (641-7, Relazione #7) Sembrerebbe che, dato questo lungo periodo di tempo, egli dovesse aver potuto superare questa condizione con la cura, ma qualcosa che e` stato costruito nel corso di diverse vite non puo` essere eliminato facilmente, specialmente se la debolezza e` fortemente impressa sullo stesso schema psichico dell’individuo.
Su questo argomento del karma fisico, il dott. Harold J. Reilly, un fisioterapista che lavoro` in stretto contatto con Cayce, commento`:
“ ... se una persona continua a dissiparsi per una vita intera, senza prendere provvedimenti correttivi, non ci si aspetterebbe di certo che quella persona compaia in un’altra vita con un corpo nuovo di zecca, perfetto in ogni parte e funzionante come se non ne avesse mai fatto cattivo uso! ... Se si crede nella reincarnazione con la sua legge del karma – occhio per occhio e dente per dente, come semini, cosi` raccogli – si deve includere il corpo in quel disegno.”
!
Influenze della vita attuale e di quelle passate
?
??!
D. “La cattiva salute che ho avuto negli ultimi anni e` il risultato di errori di una vita passata o e` dovuta a qualcosa che non va in questa vita attuale?” (3395-2)
Questa domanda fu posta in una lettura sulle vite passate da un’editrice di 63 anni di pubblicazioni religiose. Soffriva di paralisi facciale, mal di testa ed artrite, che a volte la confino` su una sedia a rotelle. Prima di ricevere la sua lettura commento` in una lettera:
“Sono ora del tutto convinta che nessuna vita precedente abbia necessariamente a che fare con le mie malattie degli ultimissimi anni, perche´ ci sono stati inibizioni, paure e preoccupazioni a sufficienza in questa vita attuale che ho portato con me per tanto tempo per giustificare il tipo di corpo che ho ora. Penso che tutte queste cose siano state del tutto superflue – ma se dovevo avere i risultati per portarmi a questa consapevolezza – allora li accetto con gratitudine.” (3395-1, Relazione #1)
Il suo atteggiamento positivo fu riflesso anche nella sua prima lettura in cui chiese aiuto per la sua condizione fisica. Nella sua seconda lettura fece la domanda citata sopra. Ecco la risposta di Cayce sull’origine della sua malattia – se nella vita attuale o precedente:
R. Entrambe. Poiche´ c’e` la legge del materiale, c’e` la legge del mentale, c’e` la legge dello spirituale. Cio` che e` portato nella materialita` e` prima concepito nello spirito. Quindi, come abbiamo indicato, ogni malattia e` peccato; non necessariamente del momento, come l’uomo conta il tempo, ma come parte dell’intera esperienza. Poiche´ Dio non ha inteso o voluto che un’anima dovesse perire, bensi` purifica tutti per mezzo di malattia, prosperita`, privazione, per mezzo delle cose necessarie, per affrontare se stessi – ma in Lui, per mezzo di fede e opere, siete resi completamente integri. (3395-2)
In alcuni casi, quindi, lo schema karmico di una malattia puo` avere una fonte doppia. In un modo compassionevole Cayce le offre delle parole incoraggianti di consiglio cosi` come informazioni sulla causa della sua malattia.
Come troviamo, queste sono esperienze meravigliose per questo corpo; persino nella sofferenza e nel dolore – se soltanto il corpo vuole accettarle come tali. L’hai insegnato, l’hai predicato nella tua letteratura e nelle tue attivita`, riguardo a come e che cosa la spiritualita`, applicata in modo pratico nella vita dell’individuo, dovrebbe creare per il suo ambiente, se la mente mentale o del corpo e` cio` che costruisce il corpo. Perche´ non metterlo in pratica nel tuo se´?
Queste non sono parole aspre, ne´ vogliono essere aspre, ma la mancanza di eliminazioni corrette e` la fonte dell’infezione che causa le tendenze artritiche. Nella conseguenza naturale della mente, nella ragione, questo dovrebbe indicare ad una mente cosi` meravigliosa, cosi` bella come questa entita`, la mancanza di autocontrollo, il celare di quelle cose che dovrebbero essere evidenziate nella mente, nel corpo. Queste sono indicazioni della natura del disturbo nel se´ mentale, se lo scopo dell’anima e` nella direzione giusta. E chi potrebbe mettere qui in dubbio gli scopi di questa entita`? (3395-1)
Il suo stato d’animo positivo continuo` a sostenerla. Confermando il suo appuntamento per la sua seconda lettura scrisse del progresso che stava facendo nella sua vita spirituale, menzionando
!
l’influenza nel 1939 di Glenn Clark (fondatore della CFO e scrittore spirituale). “... ho sempre pensato di essere cristiana, ma non avevo l’entusiasmo ne´ la vita interiore che ho adesso. Se l’avessi sempre avuto sono certa che non avrei il corpo rovinato che ho ora. Ma possiamo solo andare avanti da dove ci troviamo ...” (3395-1, Relazione #1)
Mantenne un interesse nel suo progresso spirituale e desiderava sapere quali cambiamenti fossero necessari nel suo modo di pensare e nelle abitudini di vita. Rispondendo nel 1947 ad un questionario inviatole da Hugh Lynn Cayce ammise di non essere stata abbastanza perseverante nel seguire le indicazioni delle letture. Dato che la sua artrite era di cosi` lunga durata credeva che il suo progresso nella guarigione fosse cosi` lento e cosi` aveva smesso di provarci. Tuttavia, quando seguiva il proprio ritmo e si riposava di tanto in tanto, non le dava poi troppo fastidio.
Cayce le fece contemplare un punto di vista ampio in questo commento conciso dalla sua lettura sulla salute: “Poiche´ lo scopo dell’anima e` stabilito nell’unione delle Forze Creatrici. Qui troviamo per questo corpo che mettere il corpo in sintonia con la mente, con lo scopo, sarebbe il modo corretto in cui mettere tutto in sintonia con un’influenza collaborativa per costruire il corpo.” (3395-1)
Il karma e` un grande livellatore; attraverso il karma siamo tenuti in equilibrio – come la bilancia della giustizia. Come promemoria: l’uso erroneo o la violazione di una legge ha delle conseguenze che alla fine devono essere affrontate e risolte. Sia che diventi importante o soltanto necessario individuare l’origine della nostra malattia, possiamo sempre trarre vantaggio dai suggerimenti e dall’incoraggiamento trovati nelle letture di Cayce: sintonizzare il nostro corpo sulla sua fonte spirituale, lavorare su noi stessi su tutti i livelli – applicazioni fisiche, cambiamenti attitudinali positivi e una pratica regolare della preghiera e della meditazione. Questa combinazione puo` aiutare a determinare nella nostra vita attuale la guarigione vivificante necessaria.
Da: Venture Inward Newsletter, True Health, inverno 2014 !
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza