Site Logo
giovedì 21 novembre 2019

L’aurascopio di Cayce

Una delle letture più provocatrici che Cayce eseguì fu per il ricercatore di medianità
Arthur Lammers di Dayton, Ohio. Quando gli fu chiesto se qualcun altro poteva trasmettere
informazioni medianiche come faceva Edgar Cayce, Cayce, in trance, rispose: “Tutti possono
farlo.” Alla richiesta di chiarire questa affermazione Cayce osservò: “Tutti possono già farlo
… Con il soggiogamento di uno degli elementi … quei poteri, quelle forze, quelle leggi dell’altra
porzione del corpo entrano … in gioco e hanno solo bisogno dell’occasione per la loro libera
espressione.” (3744-1)
Cayce ci sta dicendo che tutti hanno la capacità di essere medianici. Attingere ad una
coscienza più elevata, così lascia intendere questa lettura, richiede di sopprimere le fonti di
distrazione o interferenza, come faceva Cayce quando entrava in una trance auto indotta. Egli
escludeva una parte di se stesso per ottenere l’accesso ad un’altra. Grazie ad una scoperta
emozionante fatta recentemente dai membri di un gruppo di studio Una Ricerca di
Dio (URDD) di Miami in Florida (USA) abbiamo nuove prove convincenti per la verità delle
osservazioni di Cayce indotte dalla trance. Utilizzando una serie di letture date nel 1933 ad
uno studente di ingegneria di 23 anni, il gruppo URDD di Miami ha creato un prototipo
funzionante di un “aurascopio”, un congegno che secondo Cayce può essere usato in egual
misura da esperti e profani per leggere le aure ed aumentare la capacità medianica. Ciò che
una volta era generalmente creduto un talento posseduto solo dai sensitivi – leggere i campi
energetici elettrici colorati che circondano il corpo umano – potrà presto essere un’esperienza
disponibile a tutti.
Come molti dei congegni tecnici più esotici descritti nelle letture di Cayce, l’aurascopio non
venne mai sviluppato con successo durante la vita di Cayce. Mitchell Hastings, lo studente di
ingegneria di Harvard che ricevette le istruzioni in trance su come costruire il congegno, negli
anni ‘30 del XX secolo provò e non riuscì a costruire un modello operativo. Nemmeno i
tentativi successivi da parte di Frank Moeser e Lester Babcoke negli anni ’60 e ’70 e da parte
di Avery Jeffers ebbero successo. Probabilmente ci sono stati anche altri tentativi, benché non
documentati, di costruire il congegno; quasi ogni studente impegnato di Cayce con
un’inclinazione scientifica alla fine trova la strada verso le letture sull’aurascopio, e i
visitatori della sede centrale dell’A.R.E. a Virginia Beach spesso chiedono di esaminare i
congegni dei prototipi dell’aurascopio nel sotterraneo di Cayce.
La ragione dell’interesse per l’aurascopio è evidente. Sembra che il congegno, presentato in
tre letture (440-3, 440-6, 440-7), sia relativamente facile da costruire e, a quel che si dice, che
possa essere usato da tutti per leggere l’aura ed accrescere la capacità medianica, simile a
come Cayce, nello stato di veglia, leggeva le aure. I componenti più importanti del congegno
sono quattro coppie abbinate di prismi di vetro - due trasparenti, due rosso rubino, due blu
lapislazzuli e due giallo limone. Ogni coppia di prismi (una dello stesso colore per i due occhi)
è montata su un volano che è configurato in modo che, quando il volano è ruotato, i prismi
passano in successione uniforme davanti agli occhi dell’osservatore.
Il primo prototipo noto ha una lente di messa a fuoco con i prismi che ruotano davanti
all’osservatore come le pale di un ventilatore da tavolo. Sui modelli successivi i prismi sono
montati su un tamburo rotante, simile ad una ruota a pale sui battelli del Mississippi. In
entrambe le configurazioni l’osservatore tiene il congegno ad una distanza di circa 23 cm
dagli occhi e guarda il soggetto attraverso i prismi rotanti per ottenere l’effetto desiderato. La
sfida principale nel realizzare il congegno non sta nel suo montaggio o nella sua costruzione,
bensì nella sua fabbricazione e nell’allineamento dei prismi: ogni prisma deve essere tagliato e
colorito secondo le istruzioni rigorose. Cayce non solo fornì le istruzioni, ma indicò anche
quale società, in Germania, sarebbe stata la migliore per fabbricare i prismi.
Ecco, in breve, nelle parole di Cayce, la base teorica per mezzo della quale l’aurascopio
avrebbe funzionato: “Com’è noto, il corpo in azione – o un corpo vivente – emana dallo stesso le
vibrazioni … sia fisiche sia spirituali. Proprio come vi è un’aura quando la corda di uno
strumento musicale è vibrata – il tono è prodotto dalla vibrazione. Nel corpo il tono viene emesso
piuttosto nella vibrazione, o nel colore, più elevato. Quindi questa è una condizione che esiste in
ogni corpo fisico. Nelle cose materiali troviamo che … [alla ricerca del] tono o per trovare un
tono o il colore per l’occhio, solo tre colori sono necessari per rendere perfette le varie sfumature
o toni che si possono avere in ogni vibrazione.” (440-6)
Oltre a fornire queste idee illuminanti e le istruzioni per la costruzione del congegno,
Cayce non ha molto altro da dire. Gli artisti e gli optometristi – o persone con mestieri in cui
hanno allenato gli occhi a vedere variazioni nel colore e nel dettaglio – insieme con individui
psichicamente dotati, sono definiti come quelli per i quali è più facile leggere le aure.
Cayce offre ulteriori idee illuminanti in un esperimento sulla chiaroveggenza cosciente che
condusse nel 1941, nel quale descrisse, in dettaglio in stato di veglia, esattamente ciò che
vedeva quando leggeva le aure dei membri del suo corso di biblistica del martedì sera (vedi le
relazioni sulla lettura 5746-1). Qui si dà risalto al come leggere le aure può rivelare i
sentimenti, gli atteggiamenti, le emozioni e pensieri di una persona.
“Hai più viola nella tua aura di qualunque altro nella stanza,” disse ad un uomo di 37 anni
da Norfolk. “Il viola indica sempre il cercatore, chi cerca qualcosa. Hai di più … grigio, azzurro,
opale, bianco o rosa. Molto rosa o corallo nell’aura di un individuo indica una mentalità
materiale. “ Disse ad un ventottenne che presto avrebbe dovuto entrare nell’esercito: “Hai
molto azzurro, molto grigio – perché a volte ti scoraggi facilmente. Vai spesso avanti e indietro;
esci dai gangheri o perdi le staffe con altrettanta facilità.” Una casalinga di Virginia Beach si
sentì dire: “Vedo dalla tua aura che ti stanno arrivando nelle notizie molto insolite. Questo è
indicato dal modo in cui la tua aura si muove intorno alla testa – un cerchio e uno sopra questo
… di più come di solito immaginiamo un’aureola … C’è dell’oro e del bianco, che indica buone
notizie.”
L’ingegnere Mitchell Hastings non investigò a fondo cosa avrebbe potuto vedere usando
l’aurascopio, perché non riuscì a far funzionare il suo prototipo. Non lo fecero nemmeno
Babcoke nè Jeffers. O utilizzarono prismi che mancarono a soddisfare le istruzioni rigorose di
Cayce o montarono il congegno in modo sbagliato. C’era inoltre la possibilità che le letture
fossero imprecise. Qualunque fosse la ragione, gli ingegneri non riuscirono ad ottenere
l’effetto medianico desiderato. Per ironia della sorte non ci volle un ingegnere per costruire o
far funzionare il congegno, un argomento toccato nella terza ed ultima lettura
sull’aurascopio: “Inizialmente non rivolgerti ai vostri professionisti!” La lettura disse a
Hastings: “Fa’ la sperimentazione invece con i profani.”
Alla fine dei conti, i profani sono coloro che sembrano essere riusciti laddove gli
ingegneri fallirono. L’idea di costruire il prototipo del gruppo URDD di Miami appartiene
all’avvocato di Florida Ed Brian, che pensò che sarebbe stato un esperimento divertente
provare a costruire tale congegno. “Studiare le letture di Cayce è una cosa,” dice Brian. “Ma
fare il lavoro pratico è la cosa più importante.” Furono d’accordo con lui un altro membro del
gruppo di studio URDD Gary Cohen, operatore immobiliare di successo, e Ruben Miller,
filantropo e studioso dell’opera di Cayce per oltre mezzo secolo. All’inizio del 2011 misero
insieme le loro risorse finanziarie e le conoscenze collegiali delle letture di Cayce e si misero a
costruire due nuovi prototipi dell’aurascopio.
La prima difficoltà fu trovare un’impresa disposta a fabbricare una piccola quantità di
prismi fuori serie. Fu ancora più arduo trovare qualcuno in grado di fornire dei prismi che
rispondessero alle istruzioni precise di Cayce, specialmente la tonalità particolare di azzurro
lapislazzuli descritta nelle letture. Alla fine il gruppo dovette accontentarsi di blu di cobalto e
sperare per il meglio.
Un anno più tardi e dopo un investimento di 5000 US$ il gruppo ebbe quelli che riteneva
fossero i prismi richiesti nelle letture. Il passo successivo fu decidere del tipo di volano sul
quale i prismi dovevano essere montati – su un meccanismo simile ad un ventilatore di eliche
rotanti in senso contrario simile al disegno usato da Hastings oppure su un cilindro a
tamburo, come si trova su due congegni dell’aurascopio nel sotterraneo di Cayce all’A.R.E.
Il primo prototipo del gruppo URDD di Miami fu montato nella configurazione a tamburo.
Per comodità i prismi furono fissati con il nastro adesivo sul tamburo e l’armatura consisteva
di parti di un giocattolo di legno per bambini che Gary Cohen aveva trovato nel suo garage.
Per quanto il gruppo facesse ruotare il congegno e a prescindere da come l’osservatore si
posizionasse davanti ai prismi rotanti, il loro aurascopio non funzionò. Così iniziarono diverse
lunghe discussioni che ebbero come risultato la ricostruzione del congegno secondo i piani di
Hastings, con la costruzione che assomigliava ad un ventilatore. Invece di attaccare i prismi
con del nastro adesivo, utilizzarono una supercolla, e per l’armatura scelsero di usare un
gioco delle costruzioni per bambini più robusto fatto di plastica.
Ancora una volta il gruppo fu deluso con i risultati. “Sembrava che stesse succedendo
qualcosa,” osservò Ed Brian, “ma non il fenomeno indicato dalle letture.”
Brian continuò l’esperimento. Il momento magico arrivò dopo vari tentativi all’inizio del
2012. Stava seduto a casa sul divano guardando il suo gatto attraverso l’aurascopio. Tutto ad
un tratto, dopo aver ruotato il volano molto lentamente da un colore a quello successivo,
bagnando gli occhi nella luce di ogni prisma colorato e dopo aver fatto un giro completo del
volano, vide uno schema di colore che tracciava il contorno del corpo del suo gatto. Sbigottito
ripeté l’esperimento, ruotando nuovamente il volano al rallentatore e ottenendo i medesimi
risultati.
La chiave per far funzionare il congegno non era far ruotare il volano a una velocità
elevata, come Hastings e gli altri ingegneri avevano solitamente pensato e come il gruppo
URDD di Miami aveva dato per certo, bensì guardare attraverso una serie di prismi un giro
per volta, aspettando che gli occhi dell’osservatore si abituassero al cambiamento di ogni
sfumatura di colore prima di passare alla coppia successiva di prismi. Quando Brian
raggiunse la coppia trasparente finale di prismi, l’aura semplicemente saltò fuori.

Anche a questo punto, tuttavia, Brian non poteva essere certo che ciò che stava vedendo
fosse una vera aura com’era descritta nelle letture di Cayce. Forse, dopo aver guardato
attraverso il congegno per così tanto tempo, gli occhi gli facevano degli scherzi. Dopo aver
riposato gli occhi, ci provò di nuovo il giorno successivo. Dopo aver ruotato i colori molto
lentamente – 30 secondi per ogni colore – e dopo poi essere arrivato al prisma trasparente,
ancora una volta ebbe l’effetto. Dato che ora comprese che rallentare il processo era la chiave
al funzionamento del congegno, riconfigurò il suo aurascopio ancora una volta, tornando al
disegno del tamburo, visto che era molto più facile calibrare la rotazione dei prismi. Questo fu
il congegno che portò con sé all’incontro successivo del gruppo URDD che si tenne nella sala
del consiglio d’amministrazione dell’impresa immobiliare di Cohen.
Sia Cohen sia Miller fecero la stessa esperienza di Brian. Quando si guardarono l’un l’altro
attraverso il congegno e ruotarono i prismi molto lentamente, una sagoma luminosa
multicolore comparve in modo continuo intorno alla persona che stavano guardando. La cosa
più convincente fu che questi colori non erano fissi o statici, bensì in qualche modo vivi e
pulsanti.
Il gruppo ebbe ogni motivo per credere di avere ora un aurascopio funzionante. Erano
sicuri di esserci riusciti quando Cohen notò qualcosa di irregolare nell’aura i Brian. “Che
cosa sta accadendo intorno al tuo orecchio destro?” chiese Cohen. “Vi è qualche
scolorimento.”
L’osservazione, al modo di pensare di Brian, fu prova certa che il loro congegno
funzionasse. Cohen non poteva assolutamente sapere che da molto tempo Brian aveva un
problema con una delle membrane del suo orecchio interno destro; la malattia gli procurava
vertigini se si muoveva troppo rapidamente. Il disturbo era così grave che aveva consultato
uno specialista. Cohen non sapeva questo. Si era accorto dell’anomalia telepaticamente
osservando l’aura di Brian.
Via via che la notizia della loro invenzione si estendeva oltre il gruppo di studio URDD di
Miami, altri studiosi dell’opera di Cayce ottenevano la possibilità di usare il congegno per
conto proprio. Il direttore commerciale dell’A.R.E. Pat Belisle, che visitò questo gruppo nel
2013, vide ciò che questo autore fece quando guardava attraverso l’aurascopio: una prova
inconfondibile che ciascuno di noi ha la sua propria aura individuale e, come Cayce affermava
nelle letture, quelle aure sono visibili.
Benché non siano ancora stati condotti studi scientifici, a quanto pare l’aurascopio
funziona acclimatando le cellule dell’occhio sensibili alla luce ad un insieme di frequenze.
Polarizzando la luce che entra nell’occhio in modo sistematico – evitando che gli occhi vedano
oggetti come faremmo normalmente – il nervo ottico comincia a leggere uno spettro di
vibrazioni o emanazioni di luce che il cervello ha dimenticato di riconoscere o diversamente
elimina. In altre parole, l’insieme di colori stimola una capacità innata comune a tutti. Ciò che
potrebbe essere definito “fenomeno psichico” può essere realmente un processo che è sempre
a nostra disposizione. Abbiamo solo imparato come non usarlo. A questo proposito
l’aurascopio è forse simile all’allenamento con i pesi. Uno comincia ad usare dei muscoli che
non sa di avere finché non li contrae.

Ora l’obiettivo è studiare l’effetto. Un’idea che è stata suggerita è usare gli stessi metodi e
tecniche manifatturieri impiegati da Brian per produrre i vari prototipi, distribuire questi
congegni agli studiosi delle letture di Cayce e selezionare dei gruppi di studio URDD volontari
in tutto il paese. Si possono ottenere molte informazioni nuove stabilendo dei protocolli di
ricerca e classificando i risultati sperimentali in modo scientifico.
Tutti sono davvero in grado di usare l’aurascopio per vedere le aure? Ogni osservatore
vede esattamente la stessa aura intorno ad una persona? Una pratica regolare avrà come
risultato la capacità di vedere le aure senza usare il congegno? Che aspetto hanno le
emanazioni vibrazionali intorno ad un neonato? La gravidanza può essere osservata? Si può
osservare un’anima che lascia il corpo?
Tali domande intriganti aspettano ancora la loro risposta. Tuttavia, finora abbiamo
appreso diverse cose importanti. I pochi individui che hanno sperimentato l’aurascopio di
Cayce, compresi gli anziani, hanno riferito un successo modesto usando il congegno, e più a
lungo si fa pratica, più facile, a quanto pare, diventa il processo. Senza dubbio la luce solare
naturale è l’ambiente migliore per usarlo. Le luci fluorescenti ed incandescenti interferiscono
o fanno sì che l’effetto sia più difficile da osservare. I principianti trovano a volte utile non
guardare direttamente l’obiettivo da osservare, ma prima dal loro campo visivo periferico. I
vestiti colorati indossati da un soggetto distraggono l’osservatore; è preferibile uno sfondo
neutrale ed anonimo che sia più chiaro o più scuro del soggetto, dato che fa risaltare l’aura
più chiaramente. Sembra che si ottengano i risultati migliori se gli esperimenti vengono
condotti all’aria aperta, con il cielo come sfondo.
Per ulteriori informazioni: aurascope@info-1.com
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza