Site Logo
giovedì 14 novembre 2019

L’elettricità e Dio secondo Cayce

“Sappi quindi che la forza in natura che è chiamata elettrica o elettricità è
quella stessa forza che veneri come Creativa o Dio in azione!” (1299-1)
Dio è come l’elettricità? Oggigiorni, in questa epoca, questo è forse un
paragone facile. Nel nostro mondo sembra che ogni cosa sia fatta funzionare
per mezzo di elettricità. Nelle nostre case e sui posti di lavoro, l’elettricità è
una forza invisibile a cui possiamo avere accesso per ottenere luce, calore,
preparazione alimentare, informazioni e, naturalmente, intrattenimento. E’
difficile immaginare di vivere senza elettricità: quando la linea elettrica ha un
guasto, “le cuci sono spente” e non si riesce a combinare un granché.
Questa, però, non è di certo l’analogia che Cayce aveva in mente quando
disse:
“Elettricità o vibrazione è quella stessa energia, la stessa forza, che chiami
Dio. Non che Dio sia una luce elettrica o una macchina elettrica, ma quella
vibrazione che è creativa fa parte di quella medesima energia della vita
stessa.” (2828-4)
“Poiché ogni vita è energia elettrica.” (3491-1)
Dato che la vita è un’espressione di Dio e, secondo le letture di Cayce, la
vita è di natura elettrica, allora l’elettricità in un sistema vivente è una
manifestazione di Dio. Esploriamo quindi che cosa è la vita da un punto di vista
biologico.
La vita cellulare
La cellula è l’unità di vita. Viene causata la morte del corpo quando le sue
cellule cessano di funzionare. La salute è un riflesso del funzionamento corretto
di ogni cellula del corpo. In realtà le letture di Cayce indicano che ogni cellula è
un “universo di per sé” e che ognuna di queste entità individuali ha coscienza.
Così ogni cellula del corpo non è soltanto un’unità di vita, ma anche un’unità di
coscienza.
Di recente si è stimato che il corpo umano sia costituito da 37,2 trilioni di
cellule. Secondo il primo capitolo di Una Ricerca di Dio: la cooperazione esse
devono collaborare diligentemente. Ogni cellula contiene 10.000 “macchine”
biomolecolari (enzimi ed organelli). Il diverso “equipaggiamento” all’interno di
una data cellula le permette di portare a termine 6000 reazioni chimiche al
secondo. E’ difficile immaginare la complessità delle comunicazioni necessarie
per coordinare tutte le attività nelle cellule, fra le cellule e fra i sistemi del
corpo.
Per cominciare a mettere tutto questo insieme prendiamo in considerazione
il ruolo che l’elettricità ha nel funzionamento del corpo fino al suo livello più
profondo e come questo riflette le influenze del divino.
La bioelettricità
L’elettricità è una forza che deriva dall’interazione fra carica positiva e
negativa. Cariche uguali si respingono, mentre cariche elettriche di segni
opposti si attraggono. Nel corpo ci sono diversi atomi e molecole che hanno
cariche positive o negative. Chiamiamo queste particelle cariche ioni. La
bioelettricità (il tipo di elettricità usata nel corpo) è generata dal movimento di
questi ioni.
E’ il flusso controllato di ioni che fa sì che i segnali siano trasportati dai
nervi del nostro cervello e dal sistema nervoso. Ciò significa che ogni pensiero
che abbiamo sia un risultato della bioelettricità. Questo stesso processo di base
è responsabile per la contrazione dei nostri
muscoli. Così ogni movimento che facciamo e
ogni battito del nostro cuore è alimentato
dall’elettricità. Ma ci sono implicazioni ancora
più profondi della bioelettricità.
L’energia della forza vitale
La fonte energetica in ogni cellula è un
organello chiamato mitocondrio. La cellula
media contiene 1000 mitocondri e questi
prendono un decimo del volume totale della
cellula. I mitocondri trasformano glucosio, grassi, e proteine dal cibo e
l’ossigeno dalla respirazione in energia creando adenosina trifosfato (ATP), che
è il rifornimento energetico per molte “macchine” cellulari e biomolecolari.
I mitocondri svolgono il loro compito pompando protoni (ioni con carica
positiva) dall’interno all’esterno delle membrane dei loro organelli. Questo crea
un gradiente di carica elettrica dove la parte interna del mitocondrio è negativa
paragonata con la parte esterna. Siccome le cariche positive e negative si
attraggono, si crea un campo elettrico. In questo modo il mitocondrio diventa
una bio-batteria in miniatura.
E’ l’energia elettrica di queste batterie cellulari ad alimentare il processo per
creare l’ATP. Se l’elettricità mitocondriale dovesse esaurirsi, l’ATP non potrebbe
essere prodotto e il meccanismo cellulare si fermerebbe. Quando questo si
verifica nelle cellule cerebrali o nel cuore, sopraggiunge la morte del corpo.
Così, com’è indicato dalle letture di Cayce, l’elettricità è l’energia fondamentale
della forza vitale.
Per di più le cellule del corpo trasportano attivamente ioni di sodio positivi
fuori da se stesse usando pompe alimentate dall’ATP. Questo crea un altro
gradiente di carica dove la parte esterna è positiva paragonata alla parte
interna. Similmente ai mitocondri le cellule stesse funzionano come batterie.
Quando la membrana cellulare lascia entrare e uscire dalla cellula alcuni ioni, si
crea una minuscola corrente di elettricità. Questa corrente ulteriormente
alimenta il meccanismo cellulare della vita.
Di recente un chimico biofisico dell’Università del Michigan usò un voltmetro
minuscolo per misurare il potenziale elettrico delle cellule cerebrali dei topi e in
tutte scoprì dei campi di una potenza di 15 milioni di volt per metro. Si tratta
effettivamente di una quantità esigua di elettricità per cellula, ma, quando la si
moltiplica per trilioni di cellule, diventa una forza immensa. In realtà,
supponendo che le misurazioni con i topi si riferiscano anche agli esseri umani,
abbiamo tutti dentro di noi la potenza elettrica di un fulmine! E’ ciò che chiamo
il potere dell’Onnipotente!
La corrente di lesione
Un altro aspetto della differenza di carica dall’interno all’esterno della
cellula è qualcosa chiamato corrente di lesione. Quando la membrana di una
cellula è portata alla rottura, vi è un flusso molto veloce e non stabilizzato di
ioni, dato che sono attratti a ioni di carica opposta. Questa corrente di lesione
mette il corpo in stato d’allerta che si sia verificato un danno ed è questo
segnale che provoca la risposta di guarigione del
corpo.
La corrente di lesione opera anche su una scala
più ampia. Risulta che le cellule della pelle hanno
più pompe di sodio sul lato cellulare che è rivolto
verso l’interno del corpo. Quando tutte le cellule
della pelle pompano insieme, la superficie esterna
della pelle diventa relativamente negativa rispetto
alla superficie interna. Quando la barriera della
pelle è interrotta, come quando c’è un taglio, si
crea una corrente di lesione nella pelle che
trasmette un segnale al sistema di riparazione dl corpo.
Il divino, manifestandosi come bioelettricità, è responsabile per la
guarigione del corpo. La fonte di Cayce attingeva a questo potenziale di
guarigione con molti congegni che venivano fuori dalle letture come p.e.
l’apparecchio radiale e la batteria a pile umide. Anche l’agopuntura utilizza
questa forza risanante potente.
Il corpo bioelettrico
Le forze elettriche generate dalle cellule del corpo formano uno schema
complesso di campi elettrici. E’ l’insieme e l’interazione di tutte le attività
elettriche del corpo e della mente a creare il campo bioelettrico generale che
permea il corpo ed è emesso dal corpo. Questo campo elettrico che riflette la
corpo/mente è una parte di ciò che alcune persone sono in grado di percepire
come l’aura del corpo.
I campi bioelettrici di embrioni anfibi e anche pulcini sono stati analizzati ed
è stato scoperto che sono molto simili. Secondo diversi studi, cambiando i
campi elettrici di embrioni di pulcini e anfibi si causano cambiamenti nel loro
sviluppo. Ulteriori ricerche hanno rivelato che il campo bioelettrico guida la
formazione del corpo.
Qual è il significato di tutto questo? Gli scienziati pensano di sapere tutto
perché hanno trovato il codice genetico. Spesso pensiamo al DNA come il
programma per il corpo, ma ciò non è del tutto corretto. In realtà il DNA
contiene codici per i mattoncini delle proteine per ogni cellula del corpo. Certi
geni nel codice genetico possono essere “accesi” e creare un fegato, altri geni
possono essere “accesi” e produrre un cervello. Il codice genetico in ogni
cellula del corpo è identico. E’ l’attivazione di geni specifici a determinare il
sistema e la funzione degli organi di una cellula.
Il DNA non spegne e accende i propri geni; pertanto il DNA non è un
programma per il corpo. Quindi come mai nell’embrione il cervello si forma
sempre nel cranio, mentre il fegato si sviluppa nell’addome? Come fa il corpo a
sapere dove spegnere e accendere i geni necessari? Secondo la ricerca
menzionata in precedenza è il campo elettrico del corpo a dettare le regole dei
geni connessi con lo sviluppo appropriato del corpo. Il campo elettrico
dell’embrione agisce come un “template” per il corpo che si sta formando. La
mano elettrica di Dio è all’opera fin dal momento del concepimento.
I campi bioelettrici e la rigenerazione corporea
Ricerche fatte negli anni ’60 e ’70 dal dott. Robert Becker hanno rivelato
alcun effetti ancora più sbalorditivi della bioelettricità. Becker scoprì che il
campo elettrico al moncone dell’amputazione dell’arto è diverso nelle rane
rispetto alle salamandre. Ipotizzò che sia questa differenza nel campo elettrico
che permette alla salamandra di far ricrescere naturalmente una gamba
quando è stata troncata, mente la rana non può farlo.
In realtà Becker scoprì che, se la gamba di una
salamandra è amputata e sul moncone viene ricreato il campo
elettrico della rana, la gamba non ricresce. Incredibilmente,
se la gamba di una rana è amputata e si “imita” il campo
elettrico della salamandra, la gamba della rana ricresce. In
effetti è stato provato che questo sia il caso anche con i topi
giovani da laboratorio.
A quanto pare, il campo elettrico del corpo non è solo un “template” per la
formazione del corpo, ma è anche responsabile per il mantenimento della
forma corporea. Questo fatto mette in evidenza il potenziale per tutte le
modalità di guarigione che manipolino il campo bioelettrico del corpo. Dimostra
inoltre un altro ruolo di Dio come una manifestazione dell’elettricità.
Come possiamo vedere, l’affermazione delle letture di Cayce che Dio si
manifesta come elettricità nel corpo è assai profonda. Parlando in termini della
biologia, è l’energia elettrica all’interno dei mitocondri ad essere la forza vitale
fondamentale. Il flusso di elettricità nei nostri sistemi nervoso e muscolare
rende possibili i nostri pensieri ed azioni. I campi bioelettrici sono un modello
per la formazione, la rigenerazione e le reazioni di guarigione del corpo.
L’interazione di cariche positive e negative nei sistemi biologici è veramente
un’espressione di potenza divina.
Venture Inward, gennaio-marzo 2015
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza