Site Logo
venerdì 22 novembre 2019

La Zealandia è Lemuria?

In un nuovo studio pubblicato nella rivista della Società Geologica dell’America, gli scienziati neozelandesi hanno dichiarato l’esistenza di un grande continente sommerso nel oceano Pacifico sudoccidentale. Zealandia, come gli scienziati lo chiamano, ha circa due milioni di miglia quadrate ed è sott’acqua per il 95%, con cime di montagne sopra il livello del mare che costituiscono l’arcipelago di isole assai disseminate della Nuova Zelanda e Nuova Caledonia. Potrebbe Zealandia essere una parte del continente sommerso di Lemuria trattato nelle letture di Cayce? Nuove prove lasciano intendere che potrebbe essere così.
Si sono fatte ipotesi sull’esistenza di Zealandia dagli anni ’60 quando rilevamenti subacquei su vasta scala sono stati condotti da società petrolifere che stavano costruendo piattaforme di perforazione offshore. Ma solo negli ultimi dieci anni i dati dagli ingegneri minerari subacquei che cercavano metalli preziosi hanno fornito sufficienti prove per indicare che la terra emersa di Zealandia è un autentico continente e non un gruppo di frammenti di isole.
“Se potessimo togliere gli oceani, sarebbe chiaro per tutti che abbiamo delle catene montuose e un grande continente elevato sopra la crosta oceanica“, disse il geologo Nick Mortimer, l’autore principale dello studio “Zealandia, il continente nascosto della Terra”.
Secondo Mortimer e i suoi coautori si pensa che Zealandia si sia staccata dall’Australia circa 80 milioni di anni fa e sia sprofondata sotto il mare come parte della disgregazione del supercontinente Gondwana che una volta comprendeva l’Australia e gran parte del restante emisfero meridionale. Come un ghiacciaio gigantesco Gondwana si disgregò circa 180 milioni di anni fa, e alcuni pezzi – Zealandia – scomparvero sotto le onde.
In parallelo a questa scoperta gli scienziati sudafricani hanno annunciato recentemente che un altro grosso pezzo del continente di Gondwana – soprannominato Mauritia – si trovi sotto l’isola di Mauritius nell’oceano Indiano. Ciò che rende queste scoperte paralleli così emozionanti per gli studiosi delle letture di Cayce è che ora sta prendendo forma il quadro di una terra emersa gigantesca nell’oceano Pacifico che, prima di sprofondare nell’oceano, può aver subita fortissimi cataclismi per milioni di anni – esattamente ciò che secondo Cayce avvenne con il continente di Lemuria.
Le letture su Lemuria non sono numerose come le letture meglio conosciute di Cayce su Atlantide, ma sono sufficienti per comprendere Lemuria, anche nota come Mu, come una terra emersa nell’oceano Pacifico che esistette prima del suo corrispettivo atlantideo. Simile ad Atlantide, Lemuria fu patria di una civiltà di gran lunga più avanzata di quelle che esistono oggi. Straordinariamente Lemuria può in realtà essere stata tecnicamente superiore, come viene indicato nella lettura 877-26, in quella che Cayce chiama “l’era lemuriana”. Come con i loro corrispettivi atlantidei, i lemuriani diventarono sempre più egoisti, cosa che portò con sé, come Cayce dice, “distruzione all’uomo e il suo inizio delle necessità del viaggio in salita attraverso l’egoismo.” (1602-3) Come conseguenza si verificarono dei cataclismi e i sopravvissuti furono costretti a migrare nel Nord e Sud America.
Fra le prove convincenti per Zealandia (e quindi per il racconto di Cayce su Lemuria) c’è la testimonianza geofisica. Scoperte di rocce, minerali e cristalli presentano questo continente sommerso come un tutto omogeneo che, a sua volta, può quindi essere collegato con Gondwana.
Anche le prove antropologiche indicano l’esistenza di un continente perduto. Ciò è fondato sulla teoria che antiche civiltà del Pacifico siano così collegate nelle credenze e nell’architettura che devono tutte avere in comune una civiltà di origine più antica. Inoltre gli studi sul DNA indicano collegamenti genetici con una civiltà di origine e, benché altamente controverse e generalmente respinte dalla scienza convenzionale, le teorie collegano l’origine del tipo sanguigno 0 negativo a regioni che, nelle letture di Cayce, corrispondono a Lemuria e Atlantide. Tutto questo significa che la cronologia di Cayce delle migrazioni da Atlantide e Lemuria è diventata del tutto ragionevole.
In ultimo, Cayce dice che Lemuria, come Atlantide, sorgerà di nuovo. I segni rivelatori saranno i cambiamenti terrestri nel sud Pacifico che, secondo Cayce, hanno già iniziato (311-8). Qui ancora una volta le dichiarazioni di Cayce riguardo alla geologia delle regioni si stanno dimostrando straordinariamente esatte. Il 2016 è stato un anno record per i terremoti in Nuova Zelanda con 32.828 terremoti, due dei quali hanno superato la magnitudo di 7,5 e causato 80.000 frane, due tsunami e un’eruzione vulcanica. Forse Lemuria sta davvero sorgendo – quanto prima.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza