Site Logo
mercoledì 28 ottobre 2020
  • » Misteri
  • » Misteri
  • » Trovare la Sala delle Testimonianze attraverso l’astronomia

Trovare la Sala delle Testimonianze attraverso l’astronomia

La seguente ipotesi rivela che è ancora possibile sviluppare interpretazioni
alternative dalle testimonianze dell’antico Egitto, che sono fra le più antiche sulla
Terra.
L’informazione presentata qui è un breve riassunto di 16 anni di ricerca
investigativa. Per necessità molte informazioni importanti hanno dovuto essere
escluse per sintetizzarle per questo articolo.
Da qualche parte nell’antichità remota, molto tempo prima della storia
documentata, ci fu una civiltà in Africa che costruì una città e dei monumenti. A
causa di cambiamenti geologici il continente fu sommerso per
duecentocinquantamila anni, ma poi gradualmente riemerse. Man mano che la lenta
emersione continuava, della gente entrava in ciò che ora è conosciuta come la valle
del Nilo e vi si stabilì. Col passare del tempo videro un grande monticello levarsi
dalle acque ed esso fu conosciuto come il tumulo primordiale.
Altro tempo passò e la gente che veniva dal nord invase il paese. Fra di loro si
trovava Araaraart, che più tardi divenne re, e il suo clan. Questi invasori si
mescolarono con gli abitanti della valle del Nilo e divennero la civiltà egizia. Persino
allora ci fu la ricerca archeologica: dissotterrarono il tumulo primordiale e in cima vi
costruirono un tempio (5748-6). L’anno della sua ultimazione fu il 10.390 a.C.
All’interno del tempio sigillarono il loro possedimento più prezioso: una
testimonianza scritta della storia dell’umanità dal suo inizio. Quando re Araaraart
morì, anche il suo corpo fu seppellito nel tempio. Paragonando la storia dell’antico
Egitto come viene rivelata nelle letture di Edgar Cayce con la tradizionale leggenda
egizia di Osiride, pare che ci sia stata una fusione delle vite di Araaraart e Ra-Ta, il
primo Gran Sacerdote egizio. Insieme furono conosciuti come il dio Osiride.
Nelle letture la piramide di Chefren viene a volte menzionata come la prima
piramide, ed altre volte come la seconda.
La tomba di Osiride era in cima alla piramide, guardata da un grande dio serpente.
La base, la parte inferiore costruita nell’antichità remota, fu la prima piramide
costruita a Giza, quindi ha senso che ci si riferisca come la “prima piramide”.
Tuttavia, nel senso accademico accettato, la piramide di Chefren viene definita la
seconda piramide. Questo spiega perché a volte le letture ci si riferiscono come la
“seconda piramide”.
Quella è la storia, messa insieme dalle letture di Cayce, di come ebbe origine la
piramide (tradizionalmente chiamata la piramide di Chefren). Usando astronomia,
scritti antichi e disegni tombali, e con la guida dalle letture di Cayce, la storia della
piramide originale di Giza si anima e ci dirige al posto della sala delle testimonianze.
L’ASTRONOMIA E LA MENTE EGIZIA
Prima che qualcuno potesse scoprire la tomba di Osiride e il sito di quelle
testimonianze dell’antica storia, si doveva comprendere questo indizio: “Con il
magazzino o la casa delle testimonianze (dove le testimonianze sono ancora da
scoprire) vi è una camera sotterranea o un passaggio dalla zampa anteriore destra
all’ingresso della camera delle testimonianze o tomba delle testimonianze. Non vi si
può entrare senza una comprensione, perché coloro che furono lasciati come
guardie non possono essere oltrepassati fino a dopo un periodo della loro
rigenerazione nel monte.” (5748-6)
La nostra interpretazione di queste frasi criptiche è questa: c’è una camera
sotterranea delle testimonianze nel monte (la piramide). C’è una via di passaggio
dalla zampa anteriore destra (della costellazione del doppio leone) all’entrata della
camera delle testimonianze. Per trovarla è richiesta una certa comprensione
(astronomica).
I sacerdoti egizi erano astronomi. Usavano le costellazioni stellari che erano
generate dalla natura nel cielo (Centauro, Idra e Leone) per identificare e conservare
il luogo dell’ingresso alla camera delle testimonianze; le immagini dovevano essere
riconosciute e rigenerate nella piramide (monte), nelle stesse posizioni che avevano
occupato all’equinozio autunnale del 10.390 a.C., la data in cui le testimonianze
furono sigillate nella camera delle testimonianze.
Il Papiro Leiden rivela: Le loro forme sono segrete e senza queste conoscenze
segrete non si vedrà l’immagine di questo dio in cielo. Queste immagini sono simili
all’immagine nei dipinti che Ament ha fatto di Tuat.
Dipinto di Ament dalla tomba di Ramses VI
L’illustrazione riportata sopra tratta dal capitolo 5 dell’Am Tuat contiene una
grande ricchezza di informazioni. Per apprezzare ciò che rappresenta dobbiamo
pensare come i sacerdoti astronomi. I loro testi dicono che le loro immagini dipinte
sono immagini trovate nel cielo. Quando conservavano delle informazioni, sia nella
rappresentazione scritta sia in quella visiva, usavano il simbolismo dell’astronomia.
Questa scienza era compresa dal clero privilegiato, ma non dalla popolazione
generale. Tramandavano le informazioni in modo che solo un “iniziato” che fosse
educato nell’astronomia potesse capire. Per interpretarle dobbiamo volgere i nostri
pensieri verso il cielo.
I testi geroglifici dal libro Am Tuat nella tomba di Seti I indicano
che queste immagini ebbero origine dalle stelle nel cielo notturno.
Le righe che seguono sono una traduzione parziale del testo geroglifico che
comincia davanti al leone con testa di uomo sul lato sinistro e continua sopra
l’ovale.
• Queste immagini sono nei disegni dell’oscurità più profonda.
Questo implica che le immagini sono costellazioni, perché sono dei disegni che
si trovano nell’oscurità del cielo notturno.
• Questo dio all’orizzonte è collegato con l’alba.
Questo indica il tempo dell’apparizione della costellazione, appena prima
dell’alba.
• Le immagini di sopra sono il grande, radioso, brillante dio Af stesso.
Questo spiega che le immagini di Af (le due sfingi con testa da uomo dal capitolo
5 dell’Am Tuat) sono brillanti e radiose.
• Gambe nel gran dio doppio custodiscono il corpo.
Questo spiega che le gambe del dio a doppio leone custodiscono un corpo.
• Dopo questa ora questo grande dio passa di sopra.
Questo spiega che la costellazione è solo visibile per un breve periodo, perché,
quando il sole sorge, le stelle scompaiono.
IL CIELO PRIMA DELL’ALBA
Ciò che segue è un dipinto del dio a doppio leone, trovato in forma radiosa
nell’antico Libro Egizio di Aker. Dato che il sole è appena sotto l’orizzonte, esso
indica che l’apparizione delle costellazioni a doppio leone ha luogo durante l’ultima
ora della notte, subito prima dell’alba.
Il testo geroglifico sopra le zampe dice: (sinistra) “L’apparizione di Aker - (destra) che è nel dio
doppio Aker.”
All’interno del leone doppio dice “Aker”, accompagnato da un’immagine di una doppia sfinge.
In un’altra illustrazione nel Libro di Aker la costellazione con doppia sfinge sorge
sull’orizzonte. Subito sotto l’orizzonte il sole sta per sorgere, rappresentato da un
disco alato.
La doppia sfinge qui sotto viene dall’antico Libro Egizio delle Caverne.
L’immagine della doppia sfinge sull’orizzonte, insieme con le iscrizioni geroglifiche
sopra la zampa destra, trasmette questo messaggio: Quando il dio a doppia sfinge è
sull’orizzonte partite dalla stella nella zampa destra.
Dio a doppio leone sull’orizzonte
Nell’illustrazione qui sopra, la stella Alpha Centauri sorge a 114 gradi est-sudest
alle ore 4.50 sull’equinozio autunnale del 10390 a.C. nella zampa della costellazione
del Centauro. Vediamo perché questo è rilevante.
Nell’antico Egitto Alpha Centauri era una stella importante. Nello zodiaco del
grande tempio di Hathor, la sfinge è ritratta nella posizione della costellazione del
Centauro. Quando sovrapponiamo la sfinge sulla costellazione, la stella nella zampa
destra è Alpha Centauri.
Intorno al 1890 Sir Norman Lockyer (1836-1920), uno degli astronomi inglesi più
importanti del suo tempo, si interessò ad un problema che aveva attratto anche
Newton: quello di usare l’astronomia per aiutare a determinare la cronologia della
storia. Nel 1894 pubblicò il suo studio sulla venerazione dei templi e sulla mitologia
degli antichi egizi, che spiegò l’importanza di Alpha Centauri.
Nel suo libro Star Names Their Lore and Meaning, Richard Hinckley Allen
affermò:
“Lo splendore di Alpha lo rese naturalmente un oggetto di venerazione sul Nilo, e
la sua prima visibile comparsa dai raggi solari, la mattina dell’equinozio autunnale,
è stata collegata da Lockyer con l’orientamento di almeno nove templi nel nord
dell’Egitto a partire dal 3800 a.C.”
Lockyer provò che alcuni templi erano orientati verso le stelle sull’equinozio
autunnale. Questi templi stellari erano costruiti in modo che ogni asse
(l’allineamento del corridoio principale) catturasse il raggio di luce stellare e lo
concentrasse nel passaggio centrale.
Per questa ragione crediamo che il passaggio in cima alla piramide, che porta
alla sala delle testimonianze, possa essere allineato da sudest a nordovest. Il suo
ingresso era probabilmente collocato al livello dove la costruzione cambiava vicino
alla parte superiore, alla posizione di 114 gradi est-sudest; il punto sulla bussola
collegato con l’alzarsi di Alpha Centauri.
LA COSTELLAZIONE DI IDRA
La costellazione più grande nel cielo è Idra, il serpente d’acqua. Nell’antichità
remota, gli antichi egizi ritraevano Idra come un serpente alato.
Vari cartografi stellari, compresi Flamsteed e Hevelius nel XVII secolo, divisero la
vecchia costellazione di Idra in Sextans (il sestante), Crater (la coppa), Corvus (il
corvo) e una nuova, ridotta Idra.
Molto tempo prima che Flamsteed e Hevelius la sezionassero, i fenici
immaginavano la costellazione di Idra come appare sopra.
Oltre 800 anni prima, nel 2084 a.C., i babilonesi riportavano Idra nel grafico con
due ali.
Sebbene Idra sia stata separata dalle sue ali dai cartografi moderni, assomiglia
ancora al serpente nell’illustrazione del capitolo 5 dell’Am Tuat, con il suo
guardiano-leone su entrambi i lati.
STILI UNICI DI COSTRUZIONE
L’archeologo Mark Lehner notò la differenza nello stile di costruzione fra la cima
della piramide di Chefren e la sua parte inferiore:
“Appena sotto il corso superstite più basso di pietre di
rivestimento è visibile una striscia di pietre centrali a gradini regolari, il resto della
superficie fino alla base – la parte maggiore della piramide – consiste di pietre
sconnesse molto rozze ed irregolari.
Che cos’è questa striscia inferiore sconnessa? E’ un riempimento fra il centro e il
rivestimento, esposto quando il rivestimenti fu tolto? Ciò sembra probabile finché,
salendo sugli angoli della piramide, si vede che questa muratura irregolare sembra
continuare fino ad una certa profondità nella parte centrale della piramide. La
discontinuità potrebbe indicare diversi stili di costruzione, forse anche un vuoto,
poi una ripresa di costruzione.”
Ora diventa più facile immaginare che la parte inferiore della piramide possa
essere stata costruita molto tempo prima che fosse costruita la successiva piramide
“in cima”. Ciò concorda con la lettura di Cayce che dice che, in tempi antichi,
“cominciarono a costruire su quei tumuli che furono scoperti attraverso la ricerca”
(5748-6). Queste idee forniscono inoltre una spiegazione per la comparsa di due stili
di costruzione diversi.
La foto qui sopra dimostra chiaramente una striscia orizzontale piana dove fu
aggiunta la costruzione più nuova. La stella Alpha Centauri indica dove si potrebbe
trovare un’apertura ad un passaggio?
LE TAVOLE SEPPELLITE IN CIMA
Ora guardiamo il capitolo 5 dell’Am Tuat della tomba di Thutmose III, illustrata da
Piankoff. Nella parte destra inferiore ci sono quattro figure sedute.
Nel dipinto della tomba di Seti I, la stessa figura seduta tiene nelle mani un
oggetto della forma di tavole incise di pietra o stele commemorative.
Quando si chiese a Cayce dove si potessero trovare e studiare le tavole di quel
periodo, egli rispose:
Nella Tomba delle Testimonianze, come indicato. Poiché la tomba dell’entità faceva
allora parte della Sala delle Testimonianze, che non è ancora stata scoperta. Si trova
fra – o lungo quell’ingresso dalla Sfinge al tempio – o la piramide; naturalmente in
una piramide separata (2329-3).
Le tavole o testimonianze sono in una piramide che non è ancora
stata scoperta. Lo strato ricoprente della pietra di rivestimento non è ancora stato
rimosso dalla parte superiore della seconda grande piramide a Giza. Nel geroglifico
tep o tepi (= cima) la testa è attaccata alla piramide, indicando il concetto di
“piramide in cima”.
Le letture dicono che la Sala delle Testimonianze è “naturalmente in una
piramide separata.” Questa potrebbe benissimo essere una piramide più piccola
che fu costruita in cima ad un tumulo più antico; perché le letture sostengono:
“Quando ci fu l’ingresso di Arart e Araaraart, essi cominciarono a costruire su quei
tumuli che furono scoperti attraverso la ricerca” (5748-6).
Ci si dovrebbe ricordare che Cayce si era precedentemente incarnato come un
gran sacerdote nell’antico Egitto. Quando faceva delle letture sull’antico Egitto,
sembrava che la sua mente ritornasse nel tempo o si collegasse con una coscienza
universale che conteneva ricordi di quell’epoca remota. Dato che esistono ancora
molte testimonianze dell’antico Egitto, sembra logico cercare correlazioni fra quei
testi antichi e le letture di Cayce.
CONCLUSIONE
Lockyer sembra aver avuto ragione quando pensava che l’astronomia sia uno
strumento efficace che potrebbe essere usato per aiutare a determinare in modo più
preciso la data di avvenimenti nel tempo e a fornire un collegamento con le civiltà
che fiorirono nell’antichità remota. La tomba di Osiride, se ancora esiste, può
essere un deposito di artefatti e testimonianze dall’antico passato dell’umanità. Può
servire da prova del fatto che l’umanità ha un’unica origine e con questo
promuovere pace e fratellanza fra tutti i popoli. Questo è forse il più grande tesoro
di tutti.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza