Site Logo
domenica 17 novembre 2019

Il Tao dell’abbondanza

I tempi difficili ci mettono alla prova sul modo in cui gestiamo il denaro –
non solo come lo spediamo, ma anche come ce lo procuriamo, come gli
permettiamo di influenzare o controllare la nostra vita e quale valore gli
attribuiamo. Tuttavia la vera causa del problema ci può sfuggire se, secondo
gli esperti, non riusciamo a riconoscere il nesso fra denaro e spirito. Il denaro
ha creato problemi alla gente fin dalla sua invenzione 700 anni prima di
Cristo. Anche la Bibbia (I Timoteo 6,10) avvisò: “Poiché l’amore per il denaro
è la causa di ogni male.”
In un nuovo libro profondo, Money and the Meaning of Life (Il denaro e il
significato della vita, n.d.t.) il filosofo Jacob Needleman riprende
quell’ingiunzione biblica, dicendo che oggi la ricchezza è diventata un fine a
se stesso, il massimo valore nella vita della gente, il nuovo Sacro Graal. I
capolavori artistici sono acclamati per i milioni che ottengono nelle aste. I
giocatori di calcio sono più conosciuti per gli stipendi multi-milionari che per
le prestazioni impressionanti. I capi di imprese che falliscono si tirano fuori
con arroganza in paracaduti dorati.
Gli americani pazzi per il gioco del lotto venerano il vitello grasso dei soldi
a palate. Questa ossessione del denaro è una “ricerca religiosa nel posto
sbagliato”, scrive Needleman. Ha preso il posto dello spirito come
l’esperienza più vivida ed intensa della nostra vita perché ci manca il
“contatto con un mondo interiore”. Quando sentono un conflitto fra
materialità e spiritualità, molte persone le separano l’una dall’altra, ma, egli
dice, non erano destinate ad essere scollegate.
Anche Edgar Cayce metteva in relazione il denaro e lo spirito. La lettura
531-3 disse: “Guarda nei cuori di coloro che, all’apparenza, hanno successo
con le cose materiali, e se tali successi non sono basati sullo spirito di
giustizia, misericordia e sopportazione e gentilezza fraterna, devono
affievolirsi e svanire. Tuttavia, se sono costruiti su queste cose che sono i
frutti dello spirito, cresceranno e sbocceranno come la Rosa di Sharon e per
sempre, nello spirito del tuo angelo che sta davanti al Suo viso, troverai
piacere e grazia e misericordia agli occhi e nel cuore del tuo Creatore.”
La filosofia di Cayce del denaro è una filosofia dell’abbondanza. Le letture
indicano che viviamo in un universo di risorse abbondanti e il giusto
atteggiamento spirituale ci permette di partecipare a quell’abbondanza. Negli
ambienti dell’A.R.E. il termine “guarigione economica” è stato usato per
molti anni come espressione di come passare dall’impoverimento
all’abbondanza.
Il concetto della guarigione economica fu sviluppato negli anni ’60 da un
gruppo di membri dell’A.R.E. di New York che soffrivano della “malattia
economica”, come l’espressero. Dieci volontari investigarono la premessa che
“penurie finanziarie venivano causate più dai blocchi mentali degli individui
che dall’insuccesso di talenti e capacità.” Il loro esperimento produsse un
programma di preghiera e meditazione, pagamento in tempo e denaro,
miglioramento di atteggiamenti e rapporti personali e consigli per gestire i
soldi.
Coloro che completarono il progetto di tre mesi hanno sperimentato aiuto
finanziario e crescita personale. Da quell’esperienza si ricavò una disciplina
utile per gruppi di guarigione economica, simili ai moderni gruppi di
sostegno, per persone che avevano subito penurie economiche e che erano
disposte ad applicare i principi spirituali.
Barbara Bullard, un capo dell’A.R.E. che fa conferenze sulla guarigione
economica, dice che ebbe la sua prima esperienza con il tao dell’abbondanza
prima ancora di sentire parlare di Edgar Cayce, ma aveva a che fare con
l’A.R.E. Conferienziere all’Orange Coast College della California, istruì un
gruppo di studenti che avevano in programma di partecipare nel 1971 al
campionato nazionale di orazione del Michigan, a condizione che fossero stati
capaci di procurarsi il denaro per le spese. Dopo molto progetti per la
raccolta fondi non raggiunsero la loro meta e questo significava che uno degli
studenti sarebbe rimasto a casa, ma l’istruttrice Bullard aprì il suo libretto
degli assegni personale per tenere integro il suo gruppo. “Ho fatta la mia
prima scelta economica effettuando allora un’alta donazione invece di vedere
lo studente a casa,” ricorda.
Fu subito ricompensata: il suo gruppo vinse il torneo e quando ella tornò a
casa ricevette una chiamata da un’organizzazione che la voleva come
istruttrice d’orazione per i suoi oratori. Apprese che il compenso che erano in
grado di pagare era “l’ammontare esatto che avevo donato per mandare lo
studente al torneo.” Quell’organizzazione era l’A.R.E. “Nell’istante in cui udii
parlare gli oratori dell’A.R.E. della filosofia di Edgar Cayce mi iscrissi
all’associazione e da allora ho avuto tutti i momenti nuovi ricompensi.”
Alcuni anni dopo fece ricerche nelle letture di Cayce per trovare dei
consigli finanziari. “In genere le letture concludono che quando ci ritroviamo
ad avere a che fare con necessità economiche, la paura bussa alla porta. La
paura di penuria fu identificata come una delle cause principali della
depressione del 1930. Le letture ci incoraggiano ad allontanarci
dall’atteggiamento di paura e dubbio in cui ci troviamo di solito in casi di
privazioni economiche, e ad andare verso un atteggiamento di fede e fiducia.
Confidare nell’abbondanza di Dio è un primo passo importante.”
Cita due letture:
“Ricordate, figli miei, è la paura delle condizioni materiali a rovinare il
corpo materiale. E’ la paura di questo o quello ad impedire ad un canale di
portare ad una grande riserva.” 254-85
“Quando si verifica la paura del futuro o la paura del passato …
metti tutto questo da parte con questa preghiera … Nel corpo,
nella mente e nell’anima dì: eccomi, Signore – sono tuo! Tienimi
sulla via che Tu vuoi che io percorra, invece che su quella che
potrei scegliere io.” 2540-1
La prof.ssa Bullard ritiene che la paura blocchi il flusso dell’abbondanza e
accumulare tante cose sia un segno che non abbiamo fiducia nella generosità
di Dio. Per questo consiglia di ripulire le nostre case dalle cose superflue e di
donarle a chi ne ha bisogno, in modo da creare un vuoto in cui l’abbondanza
può fluire verso di noi. Grazie all’iniziativa di un senzatetto negli anni ’60 fu
creata negli USA la prima “banca del cibo” con i cibi dei supermercati gettati
nella spazzatura perché non ”presentabili” ma commestibili. Questo è il
principio esposto nella lettura 1809-1: “Usa quindi ciò che hai in mano oggi ed
Egli può accrescerlo, sì, 30, sì 60, sì 100 volte – se soltanto tu volessi ascoltare
e confidare interamente in Lui.”
Le persone in difficoltà economiche forse pensano di non potersi
permettere dare qualcosa agli altri. Tuttavia le leggi universali e le letture di
Cayce incoraggiano le persone proprio in questi tempi difficili a fare una
piccola offerta, ma fatta col cuore. Dando il poco che abbiamo diventiamo
tutt’uno con il flusso dell’abbondanza.
Del resto le letture di Cayce dissero: “Se non si riesce a rendere servizio
anche quando con il proprio reddito si riesce a stento a sbarcare il lunario,
nemmeno se fosse triplicato o moltiplicato per un milione si farebbe di
meglio!” 2409-1
L’esperienza della prof.ssa Bullard conferma le scoperte del gruppo di
guarigione economica di New York, che pagare in tempo e denaro è un
ingrediente essenziale per superare la malattia economica. “La differenza
principale fra i tempi di abbondanza economica e di penuria economica è
causata dalla nostra mancanza di applicazione delle leggi e non sta nella legge
di rifornimento stessa.” Cita tre principi della filosofia di Cayce sul successo
materiale:
1. Dovrebbe arrivare come il risultato della ricerca dei nostri ideali
spirituali.
2. Non dovrebbe mai essere cercato per indulgenza verso se stessi o per
esaltazione di se stessi.
3. Dovrebbe andare di pari passo con l’ideale del servizio, che “sono il
custode di mio fratello”.
Le letture indicano che certe leggi universali entrano in gioco per influire
sul nostro stato di abbondanza. L’ideale del servizio, p.e., è connesso con la
legge dell’amore. Un’altra è la legge della fede – confidare in Dio e non temere
la penuria. Vi è anche la legge di causa e effetto – ciò che seminate, nei
rapporti mentali, materiali e fisici, vi ritornerà indietro. Un’altra ancora è la
legge del rifornimento che assicura abbondanza se lavoriamo in armonia con
l’universo.
Vi è inoltre ciò che Bullard chiama la legge della ricompensa, che implica la
moltiplicazione degli sforzi da parte di Dio di dare per aiutare la Sua opera
sulla terra: “Date e vi sarà ridato quattro volte tanto. Date, date, date, se
volete ricevere” (254-11). Dio aiuta chi si aiuta, come illustra la parabola dei
talenti in cui l’uomo che investì le sue monete fu ricompensato, come segno
della responsabilità personale per la guarigione economica.
Infine c’è la legge della speranza. La lettura 1463-1 dice: “Se non ti aspetti
nulla, come può essere creativo? Per l’aumento nelle cose materiali, nelle
attività che necessariamente devono essere aumentate per soddisfare quella
necessità che continuerebbe per lo sviluppo dell’anima?”
Le letture di Cayce “hanno cambiato il mio modo di pensare al denaro”, dice il
programmatore finanziario Frederick Brown di Santa Fe nel New Messico. Ex
operatore di borsa e consulente finanziario Brown disse che quando cominciò
a mettere in pratica la filosofia di Cayce al proprio lavoro a Wall Street, si rese
conto che “rendere la gente più ricca sul mercato azionario non
necessariamente arricchiva le loro anime”. Così corresse la sua carriera per
diventare consulente ed insegnante finanziario personale. Chiama i suoi
seminari “Denaro e Spirito: fare il collegamento”. Il suo messaggio è questo:
benché il denaro non dia sicurezza o felicità, può essere un catalizzatore per
entrambe le cose se usato per esaltare lo spirito.
“Una volta che le persone hanno rivisto il loro quadro finanziario e capito
come le loro paure creano i loro dilemmi finanziari, sono più che disposte ad
occuparsi delle loro finanze. Grazie al loro nuovo impegno la tensione lascia il
loro corpo e sento improvvisamente che sono alla presenza del loro vero
spirito. Da quel momento non abbiamo più problemi per trovare soluzioni
per i loro problemi. Quando le persone si rendono conto che le paure
finanziarie sono illusioni e che lo scopo della loro vita non è essere ricchi ma
giungere alla realizzazione spirituale attraverso l’amore, il denaro non è più
una minaccia bensì una risorsa molto preziosa per la loro crescita.”
Curare e guarire la “malattia economica”

Quando 10 membri dell’A.R.E. idearono un esperimento di 13 settimane sulla
guarigione economica per cercare di affrontare le loro disgrazie finanziarie
personali si trovarono d’accordo di:
• Pregare e meditare tutti i giorni per superare paura e preoccupazione
• Scrivere una breve biografia finanziaria per percepire pratiche passate ed
identificare atteggiamenti correnti che potessero contribuire alle proprie
sventure con il denaro.
• Fare al gruppo un contributo settimanale, anche piccolo. Lo scopo iniziale
per questo fu di condizionare le persone a dare, anche con scarsezza di fondi,
perché le letture di Cayce dicono che dare stimola il flusso dell’abbondanza.
Via via che il fondo aumentava, il gruppo lo rendeva disponibile a chi ne aveva
bisogno. Sapere di avere qualcosa a cui ricorrere aveva un effetto rilassante
su quelle persone ansiose e nessuno ne prese mai a prestito.
Un obiettivo dell’esperimento era sostituire abitudini ed atteggiamenti
negativi. Ogni persona doveva registrare ogni giorno il progresso in tre
campi:
• Preparazione – preghiera e meditazione.
• Azione – servizio verso gli altri; relazioni con altre persone; appagamento di
talenti e capacità; pronto pagamento dei debiti; pagare con denaro;
pagare con il proprio tempo.
• Risultati – reddito regolare; pagamenti straordinari; nuove opportunità;
riconoscimento.
Tenere una tabella serviva come promemoria giornaliero di un nuovo
approccio alla propria guarigione finanziaria. Come lo espresso un membro
del gruppo: “Naturalmente le azione stesse vennero registrate nell’anima.”
Cinque delle dieci persone originali seguirono la procedura per 13 settimane.
Il gruppo concluse che, per questo tipo di condizionamento, ci sarebbe forse
voluto più tempo e che sarebbe dovuto seguire un secondo periodo di 13
settimane. Si dice che coloro che continuarono siano stati “grati per ciò che
riguarda ricompense e maggiori responsabilità.”
Dopo il gruppo iniziale diverse giovani coppie di sposi, per i quali preghiera e
meditazione erano pratiche sconosciute, provarono l’esperimento. Via via
che la loro condizione finanziaria migliorava, ogni coppia abbandonò il
gruppo perché consideravano le ricompense finanziarie il loro obiettivo.
Alcuni membri del primo gruppo, tuttavia, cominciarono ad insegnare ad
altri i principi dell’abbondanza. Pubblicarono un Manuale per la Guarigione
Economica, ormai fuori stampa, e sponsorizzarono gruppi per la guarigione
economica di non più di 12 membri. I loro incontri settimanali iniziarono con
una preghiera e compresero la condivisione delle esperienze personali. Ogni
persona teneva la propria tabella ma diede una copia ad un conduttore
perché esaminasse nuovi schemi comportamentali che avrebbero potuto
contribuire alla comprensione del gruppo, ma, come dichiara
l’opuscolo, “il vero insegnante è dentro di voi”.
Il Manuale per la Guarigione Economica offriva queste riflessioni:
• Il posto di lavoro è un mezzo per un fine, per servirvi, non per
rendervi schiavi. Il lavoro durante le ore lavorative, il gioco
durante il tempo libero. Godetevi il vostro lavoro, se possibile. Se
avete paura di perderlo, l’avete già perso. Prendete le decisioni in termini di
servizio invece che guadagno personale.
• I rapporti lavorativi mettono alla prova la nostra capacità di cooperare, di
lavorare per unione e comprensione. Non fatevi comandare a bacchetta né
date la colpa agli altri per le vostre manchevolezze.
• Prendetevi il tempo per le cose che ne valgono la pena. La maggior parte
delle persone che hanno una malattia economica conduce una vita caotica.
• Pagate sia in denaro sia in tempo, aiutando senza aspettarvi alcuna
ricompensa.
• Atteggiamento – agite secondo quanto avete chiesto in preghiera, senza
orgoglio o ostentazione, sapendo che la Fonte è dentro di voi. Assumete un
atteggiamento libero da giudizi verso gli altri, ricchi o poveri. Le loro
tribolazioni richiedono comprensione e, possibilmente, aiuto. Agite in modo
prospero, ma non andate orgogliosi di ricchezza o povertà – vantarsi è un
sintomo di malattia. Conservate un concetto di salute economica come un
fiume che scorre agevolmente, non come una pozza che può diventare
stagnante. Per tenerlo scorrevole, datelo, fatelo circolare. La Fonte è infinita.
• Pregate e meditate liberi da preoccupazioni. La meditazione ci apre gli occhi
ai nostri errori. Solo allora possiamo vincerli.
• Gestire il denaro – siate scrupolosamente onesti, mantenete le promesse,
riparate velocemente i torti commessi, chiedendo perdono e prontamente
perdonando coloro che vi derubano.
• Spendere – pagate le fatture prontamente con il denaro a portata di mano,
aspettandovi che ne arrivi dell’altro. Comprate il meglio, ma evitate
l’indulgenza verso voi stessi.
• Dare – di ogni euro che ricevete date un decimo in beneficienza, alla ricerca
o alla chiesa; fatelo con gioia o non fatelo affatto. Siate tutti i giorni un canale
di benedizione. Date in segreto affinché il beneficiario non si senta debitore
nei vostri confronti. Date con abbondanza, anche le ultime cose che avete,
perché il vuoto che create sarà colmato e avrete di più.
Da: Venture Inward,maggio/giugno 1992
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza