Site Logo
giovedì 21 novembre 2019

La musica copre la distanza fra le sfere

“Fa’ musica!” dice Edgar Cayce
ad una donna divorziata di 43 anni che vuole guarire delle ferite
emozionali e far ripartire la sua carriera (5201-1). Dà un consiglio
simile, con un’enfasi sugli strumenti ad arco, ad un personaggio
noto dell’alta società di New York che soffre di depressione (1804-
1). I genitori di una bambina di 5 anni si sentono dire che la loro
figlia dovrebbe studiare musica per garantire il suo corretto
sviluppo anatomico (5263-1). Una parte della cura per un paziente
adulto mentalmente disturbato è ascoltare il valzer del Danubio Blu
del compositore Johann Strauss (2712-1). La musica potrebbe
aiutare i sordi ad udire (2527-1), risvegliare in noi ed altri il
desiderio di servire (949-2), renderci “belli e simpatici” (5256-1) e
guarire e ridurre le paure (2700-1).
Questi sono solo alcuni riferimenti nelle letture sulla salute al
potere risanante della musica. Dichiarazioni ancora più notevoli
compaiono nelle letture sulle vite passate. Fra esse c’è una notizia
incoraggiante per un’attrice ventenne di Broadway. E’ progredita
moltissimo grazie ad una conoscenza approfondita delle arti
musicali ed è ora una di 18 persone identificate nelle letture per le
quali la reincarnazione è forse superflua (4353-4). La
reincarnazione non è più necessaria anche per un’insegnante di
mezza età la cui sintonizzazione intima con il divino ha portato ad
una sintonia con ciò che Cayce descrive come il coro celeste (115-
1). Non dimentichiamo inoltre che Edgar Cayce stesso, nella sua
incarnazione precedente come Ra Ta, fu “ringiovanito” dalle
vibrazioni del suono - che aggiunsero circa 100 o più anni alla sua
vita (294-150) – e che, con tecniche sperimentate per primo ad
Atlantide, egli e i suoi ingegneri egiziani usarono il canto per
innalzare blocchi di pietra che costruirono la Grande Piramide
(2462-2).
Cayce attribuisce al suono nientemeno che la creazione
dell’universo. A questo si allude nelle letture 262-78 e 281-29 con le
parole “vibrazione” e “movimento”, ed è sottinteso nella lettura
2533-8 nella quale un produttore di mentalità esoterica chiede alla
Fonte di rivelare la penultima vibrazione – la parola di Dio – che è
citata nella prima frase del vangelo secondo Giovanni e ciò che gli
scienziati descrivono come il “big bang”. Cayce dà al produttore
quasi la stessa risposta che ha dato ad uno scienziato che ha chiesto
la formula per l’antigravità. L’umanità non è ancora pronta.
Naturalmente la storia convenzionale della musica non risale al
momento della creazione, tanto meno ad Atlantide. E anche la
medicina del suono e quella medicina vibrazionale non hanno
raggiunto la fase sperimentale clinica. Tuttavia vi è sempre maggior
consenso sul valore terapeutico della musica insieme con prove
scientifiche a sostegno di molte asserzioni di Cayce. Per fortuna non
è richiesto del talento musicale – nemmeno la capacità di leggere la
musica. In altre parole non occorre suonare l’arpa per andare in
cielo anche se, probabilmente, potrebbe aiutare. Ciò che è
importante è imparare ad ascoltare le armonie di Dio, quella che
Cayce chiama la “musica delle sfere”.
“Poiché in verità è stato detto”, Cayce ci dice nella lettura 933-3,
“solo la musica è un ponte verso la sfera della realizzazione
spirituale e mentale.”
Edgar stesso, da sveglio, probabilmente non sapeva che
l’espressione “musica delle sfere” abbia avuto origine da Pitagora
circa 2500 anni prima. Il fatto che alcuni studiosi pensino che, in
un’incarnazione precedente, Cayce sia stato Pitagora e così avrebbe
potuto fare un channeling di se stesso sull’argomento non è
pertinente. Il concetto si era diffuso ben oltre Atene prima che
Cayce rivisitasse l’argomento nel 1933 a Virginia Beach. Venne
considerato scienza nel Medioevo, gli si riconobbe il merito di aver
ispirato il Rinascimento e sopravvisse per secoli nel pensiero
europeo. Leonardo da Vinci, Raffaello, Durer e molti altri grandi
artisti affermarono la sua veridicità, come anche gli ingegneri che
costruirono la cattedrale di Notre Dame, il teologo Sant’ Agostino, il
fisico pioniere Robert Fludd e l’astronomo Johannes Kepler.
All’origine del concetto della musica delle sfere fu la convinzione
che le stelle e i pianeti fossero al loro posto grazie ad un’armonia
divina che potrebbe essere espressa in proporzioni matematiche e
modelli tonali suonati su strumenti musicali. Ogni cosa nell’universo
ubbidisce alle armonie vibratorie di Dio oppure ne paga le
conseguenze. Formulato nel modo più semplice, si potrebbe
immaginare che tutta la creazione esista nello strumento musicale
gigante di Dio. Suonare note, accordi e scale porta armonia, salute e
guarigione (insieme con una stabilità di costruzione e opere d’arte
esteticamente gradevoli). In questo senso Dio non era solo il
Maestro Musicista, ma anche il Maestro di Geometria e Grande
Architetto dell’Universo.
Anche questo concetto è fondamentale nelle letture di Cayce. La
vita nelle sue manifestazioni (o sfere), così ci dice Cayce, è
vibrazione (699-1). Anche i pensieri sono vibrazioni, come “la
mente è ciò che costruisce” (906-3). La vibrazione che è creativa o
costruttiva produce armonia o sintonia che ci porta più vicino a Dio
o alla Coscienza Cristica (900-422). Una vibrazione che è distruttiva
o combattiva (provocata dall’autogratificazione e ignora la legge
universale) ci allontana ulteriormente da Dio (1861-6 e 1602-5). Un
individuo o un gruppo può innalzare la propria vibrazione talmente
che può diventare una “Forza divina” (281-3). La malattia è disarmonia,
un corpo o i suoi organi possono perdere il loro equilibrio
(2533-3) e la guarigione è “ mettersi in sintonia con il divino”
(1967-1).
Il termine Maestro Musicista nelle letture è anche
intercambiabile col Cristo, come si vede nella lettura 281-8, una
lettura per il gruppo di preghiera di guarigione Glad Helpers:
“D. [288] Vidi tutti quelli sulla lista di preghiera come delle note
musicali. Attraverso la nostra sintonizzazione e il loro cercare, il
Maestro Musicista (Cristo) iniziò a suonare le note e l’armonia regnò
ovunque. Sentii che questa era un’illustrazione delle vibrazioni nella
guarigione. E’ così che ha luogo la guarigione?
R. Un’illustrazione bellissima, ma non pensate che sia tutto qui!
Nessuna singola mente è in grado di immaginare tutto ciò che può
essere fatto grazie al potere del Maestro Musicista; poiché può
sbocciare come la rosa, può essere il canto della rana o di qualsiasi
altra cosa, persino quelli che per voi sarebbero delle vibrazioni
stridenti, poiché il grillo nel focolare per voi è sgradevole! Ma per
qualcuno porterebbe armonia e pace, come la casa!
D. E’ questo il motivo per cui sento spesso della musica durante
la meditazione e si presentano le parole di un inno [che conosco
bene]?
R. Allora cantalo! Aiuterà qualcuno – cioè, il meglio possibile!”
La lettura appena citata mette sullo stesso piano la musica e
l’”aiuto” risanatore che ne deriva. La sintonia con la vibrazione di
Dio fornisce al Glad Helper il “canale” attraverso il quale arrivare ad
altri attraverso il canto e la vibrazione. Similmente, secondo Cayce,
il suono e la musica venivano usati in Egitto nel Tempio della
Bellezza e nel Tempio del Sacrificio per ottenere la guarigione, la
purificazione e persino per la chirurgia. Fra coloro le cui letture
descrivevano reincarnazioni precedenti in Egitto a quei tempi la
vocazione di un’entità era stata innalzare la coscienza di iniziati
attraverso la danza. “…i desideri osceni” venivano trasformati con
l’esempio attraverso “bellezza, armonia, ritmo”, ci dice Cayce in
modo che si potesse “costruire il sé costituito di corpo, mente e
anima” (3418-1). Si può trovare questo concetto anche nella lettura
281-25 che fa capire come la ballerina di Broadway riuscisse a
superare il ciclo di reincarnazione: “con la musica venne quindi la
danza che mise gli altri in condizione di diventare più eretti, dritti
nel corpo, nel pensiero, nell’attività.”
Cayce rivela inoltre come gli atlantidei non usavano il suono e il
canto soltanto per connettersi con il Divino, ma anche per sfruttare
la sua potenza per realizzare grandissimi progetti ingegneristici
(519-1 e 2462-2). Cayce non è il solo a fare queste affermazioni.
Sono numerosi gli esempi nella Bibbia e comprendono il giovane re
Davide che usa la sua arpa per liberare Saul dagli spiriti maligni, e
Eliseo che usa la musica per incanalare le parole di Dio. Troviamo il
caso più famoso in Giosuè 6,20, dove i sacerdoti del tempio usano
trombe per far cadere le mura di Gerico.
Per quanto possa essere difficile accettare l’idea che i nostri
antenati usassero il suono come elemento motore, basti pensare al
tenore d’opera Enrico Caruso che intratteneva il pubblico usando la
sua voce per mandare in frantumi dei vetri e come le armi soniche,
una volta considerate fantascienza, siano oggi una tecnologia
d’avanguardia. Inoltre per quanto gli scettici siano pronti a
respingere la fonte e il contesto delle informazioni presentate su
come fu costruita la Grande Piramide, la levitazione acustica è un
fatto scientifico. I ricercatori per ora non hanno fatto altro che
spostare le matite da un posto all’altro, ma entro i prossimi dieci
anni i volopattini del film il Ritorno al Futuro saranno sotto l’albero
di Natale (insieme con le auto senza guidatore nel garage).
Anche gli archeologi stanno aiutando a convalidare delle
affermazioni che in passato venivano respinte come pura fantasia.
Fra le scoperte più recenti ci sono le prove che circa 40000 anni fa
gli aborigini australiani usassero l’equivalente di un didgeridoo per
accelerare la guarigione di ossa rotte e muscoli strappati. In modo
simile gli antichi babilonesi
usavano sonagli e tamburi, i
primi strumenti conosciuti,
nelle loro tradizioni
curative. Le culture
precolombiane del Peru
usavano campane durante le
procedure chirurgiche
per le fratture del cranio.
Anche la professione
medica cerca di recuperare.
Fra i molti benefici di oggi la terapia musicale concordata aiuta i
pazienti con Parkinson e Alzheimer. L’ascolto di musica è stato
usato per facilitare un aumento di peso nei neonati prematuri,
rafforzare il sistema immunitario, stimolare il recupero da ferite
cerebrali, aumentare la sensibilità, abbassare la pressione
sanguigna, migliorare la prestazione atletica, migliorare il gusto del
cibo e favorire la crescita delle piante. Sono stati molto
incoraggianti gli sviluppi verificatisi con la tecnologia
dell’ultrasuono, che comprendono la frantumazione dei calcoli renali
e la riduzione di tumori. Gli studi hanno dimostrato che si possono
usare le frequenze del suono per aiutare a rigenerare i nervi ottici e
acustici danneggiati, proprio come Cayce suggeriva. Inoltre si
stanno sviluppando delle tecnologie che rilevano segnali
vibrazionali deboli e simultaneamente emettono delle frequenze
correttive. Cayce parlò di questo apparecchio “eteronico” già 80
anni fa (440-3), e negli archivi dell’A.R.E. di Virginia Beach se ne
possono trovare dei prototipi!
Le letture di Cayce inoltre offrono un’ampia gamma di idee sul
suono e sulla musica che non esistono da nessun’altra parte. Una
perla si trova in una lettura per una bambina di otto anni (3621-1).
La madre sconvolta desidera sapere perché sua figlia cammina e
parla nel sonno. Cayce dice alla madre che sua figlia è “vicina alla
musica che copre la distanza fra il finito e l’infinito”.
Un’altra lettura ispirante è per una donna che ha raggiunto una
tale sintonia che la sua testimonianza akashica ha la forma di
un’arpa (1473-1), che, come le lettura rivelano per coincidenza, era
lo strumento preferito di Gesù (5749-1). Inoltre ci sono delle
affascinanti letture relative agli affari per grandi intrattenitrici
come le Sorelle Boswell (887 e 938) che ricevettero il consiglio di
rimandare il matrimonio perché avevano ancora tanto da dare al
mondo. In breve, facendo musica compivano l’opera di Dio. Un altro
consiglio fu dato al direttore d’orchestra Vincent Lopez (2897) che
si sentì dire che, in un’incarnazione precedente, era stato un
grande artista proprio come lo era in quella attuale.
Come mettono in chiaro tante letture connesse con la musica, si
può ottenere molto con lo studio della musica. “Se impari la musica
imparerai qualcosa su ogni cosa”, Cayce dichiara (3063-1). Anche
qui la scienza moderna dimostra che Cayce aveva ragione. Gli studi
indicano che i bambini che fanno musica sono “più felici, più
intelligenti e più creativi” dei loro coetanei. Anche le loro capacità
cognitive e di comunicazione migliorano sensibilmente. Inoltre gli
scolari che fanno musica non sono tanto aggressivi, un argomento
che anche Cayce tocca nella lettura 622-6: “Quando l’entità ha
cantato Alleluia è stato molto più difficile dire ‘maledizione’”.
In che cosa consiste esattamente la musica buona e salutare?
Cayce fornisce commenti su diversi strumenti, fra cui il banjo
(2780-1), gli strumenti a corda, l’organo e gli strumenti ad ancia
(1566-1 e 276-3). Offre anche consigli su mantra o canti da usare
nella meditazione (1861-18). Vi sono inoltre riferimenti a diversi
compositori, fra cui Chopin (949-
13), Franz Liszt (2584-1) e
Beethoven (3697-1 e 3633-1).
Tuttavia Cayce non dice alla gente
quale musica ascoltare. Questo
avviene probabilmente per
lo stesso motivo per cui le letture
non raccomandano una
particolare bibbia o chiesa.
Qualsiasi bibbia che una persona
desidera leggere e la chiesa che si desidera frequentare è la
migliore. “Le scelte devono essere fatte da loro stessi!” Cayce
afferma nella lettura 852-16. La stessa cosa viene dichiarata ancora
nella lettura 1861-12:
“D. Come posso usare la musica e vibrazioni più elevate nelle
energie elettriche per far guarire, come è stato indicato attraverso
questo canale?
R. Ogni entità individuale è in una determinata vibrazione. Ogni
dis-agio o malattia sta creando nel corpo la vibrazione opposta o
non-coordinante con le vibrazioni in una corpo-mente e spirito
dell’individuo. Se si usano determinate vibrazioni se ne può vedere
la reazione. In qualcuna ci vorrà una controazione, in altre ci
vorranno dei cambiamenti.
Quindi il modo migliore è sviluppare dapprima nella tua propria
coscienza, con i vari individui, con i tuoi allievi, con le tue
conoscenze o col tuo compagno, quella vibrazione che è nello stesso
ritmo della vibrazione di quel corpo.
Certo, gli stati d’animo all’apparenza spesso cambiano questa
vibrazione; però con lo studio, con la pratica e l’applicazione, la
vibrazione del corpo può essere accertata.
Occorre quindi aiutarle per usarle per la guarigione o la
dissipazione – cioè, la dissipazione delle repressioni. Ed è questo
che ci serve per la tua propria compagna [2072], e lei è ottima per
fare pratica!
D. Quali mezzi di applicazioni si possono usare?
R. Come abbiamo appena indicato, trovare ciò a cui la corpomente
risponde; non solo ciò che le piace o non piace, bensì ciò che
tocca un tasto intenso nella coscienza dell’individuo, capisci?
“… Certo, ciò che potrebbe essere terapeutico per l’uno potrebbe
impedire la concentrazione all’altro.” (1861-12)
“Allora l’entità fu fra coloro che furono i capi in quella che ora si
conosce come la terra egiziana, portando con sé molto di ciò che
può essere creato con la musica elettronica dove colore, vibrazione,
attività portano ad armonizzare questa con le emozioni degli
individui o persone che possono fare sì che i loro caratteri cambino.
Ciò può essere applicato dall’entità in quei rapporti con ciò che si
può chiamare le indoli degli individui, dove essi sono posseduti, per
così dire, dalle influenze esterne, e coloro che sono affetti da
malattie che hanno assunto nel corpo una natura o influenza
vibratoria tanto da stabilirvisi come vibrazione. L’entità può
produrre delle tonalità, dei colori, dei suoni, delle attività con cui
può recare grande giovamento a coloro che l’entità forse desidera
aiutare.” (824-1)
Inoltre raccogliere i frutti dell’ascolto e dell’apprezzamento di
musica o dell’apprendimento di uno strumento non richiede capacità
o talento musicale. Questa fu la dichiarazione della signora 5201
che fu scioccata e sorpresa a sentirsi dire che avrebbe dovuto fare
musica. “In questo campo sono così incapace da non riuscire a
distinguere un baritono da un tenore,” dichiarò, ma ammise: “Una
dei miei desideri più profondi è essere una grande cantante …”
Cinque anni dopo aver seguito il consiglio di Cayce scrisse per
esprimere la sua felicità. Ciò che riguardava la musica, la lettura
aveva “proprio, proprio ragione!” (5201-1, relazioni)
Cayce non ci fornisce una lista di spese su iTunes, bensì spiega
perché certi schemi tonali all’apparenza insignificanti che sono
superflui per la sopravvivenza biologica dell’uomo – ciò che la
musica è in essenza – sono stati così centrali per l’esperienza
umana e perché certe melodie o capolavori hanno una resistenza
così forte. Cayce ci dice che è così perché ogni entità ha nell’anima
la memoria di aver udito la musica delle sfere. Abbiamo udito il
meglio dopo che siamo passati attraverso “l’altra porta di Dio”. Certi
compositori sono in grado di coglierla o imitarla meglio di altri
perché sono capaci di attingere con maggiore efficacia alla loro
memoria subconscia. Questa è forse una delle chiavi per
comprendere il fenomeno dei bambini nati con talenti musicali
sbalorditivi e perché così tante persone che hanno vissuto delle
esperienze di premorte raccontano di ciò che descrivono una musica
“ultraterrena”. Tuttavia tutti noi possiamo imparare ad apprezzare
tali capolavori divinamente ispirati e trarne piacere perché le
armonie di Dio sono ovunque intorno a noi.
“Ascolta gli uccelli. Osserva il colorito della rosa. Ascolta la vita
che sorge nell’albero. Questi servono il loro Creatore … Attraverso
quella forza psichica che è la Vita stessa, nella loro rispettiva sfera –
che furono disposti per il servizio dell’uomo. Impara la tua lezione
… da ciò che c’è intorno a te!” (364-10)
“Pensa, per un istante, alla musica delle onde sulla riva, alla
mattina che spunta con la musica della natura, alla notte che cade
con il ronzio dell’insetto, a tutti i regni che si uniscono nel loro canto
di gratitudine ad un’influenza onnicreatrice che dà alla natura la
coscienza o consapevolezza di essere se stessa, e inseriscilo
armonicamente nella tua propria gratitudine, affinché ciò porti con
sé una musica simile al canto delle sfere.” (2581-2)
Il messaggio è chiaro: si può fare esperienza della musica di Dio
nell’armonia della natura. Ascoltando e cercando di imitare le Sue
armonie risonanti imitiamo il nostro creatore, diventando
cocreatori. “Fate musica!” non è semplicemente un consiglio per
avere una buona salute, è un invito a connettersi con Dio e una
prescrizione per elevare le nostre proprie vibrazioni e quelle di altri,
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza