Site Logo
mercoledì 13 novembre 2019

La Musica e la Luce

di Judith Pennington
Il maestro del jazz Alvin Batiste mi disse che la storia della
musica è uno studio sull’elevazione delle frequenze. Visibilmente
commosso egli si chinò sul suo pianoforte per farmi sentire gli accordi
profondi, risonanti della musica antica, proseguendo fino alle tonalità
moderne di soprano per dimostrare il risveglio del mondo a frequenze
sonore più elevate.
Sapevo intuitivamente che esattamente allo stesso modo ci
stiamo svegliando a frequenze più alte di Luce. Siamo venuti qui per
sperimentare questa Luce in corpo, mente e anima.
Non possiamo fare a meno di evolverci quando apriamo i
nostri sensi interiori a ciò che è al di sotto e al di sopra di noi. Nel
regno subatomico della materia vediamo come gli elettroni
interagiscono fra di loro scambiando fotoni di luce che unificano
l’universo letteralmente in “un’unica vibrazione”. Ogni giorno la vita ci
dimostra che la luce del sole fa fiorire le piante e gli alberi che danno
vita a ogni cosa su questo pianeta, e tutto evolve in schemi percettibili
di guarigione, crescita e trasformazione.
Al di sopra del nostro regno di luce visibile ci sono dimensioni
esplorate dal pioniere della coscienza, Robert A. Monroe, un uomo
d’affari della Virginia, la cui vita cambiò nel 1958 quando,
all’improvviso, il suo spirito saltò fuori dal suo corpo dormiente. Per i
successivi 30 anni Monroe esplorò scientificamente questi regni di
luce, uno dei quali è un luogo di bellezza, gioia e pace.
In questo posto, morbide nuvole di colori squisiti vagano
attraverso l’anima una per volta e la elevano con una musica
bellissima che si ripete a cicli e le cui armonie si innalzano di tonalità
come un coro di angeli. Lo spirito, ora a casa, salta dalla gioia via
quando altri spiriti lo attraversano, ogni anima una parte unica
dell’Uno, tutte riposando nella beatitudine finché non viene l’ora di
reincarnarsi o andare avanti verso altre dimensioni di luce.
Visibile o invisibile, si tratta sempre di Luce, non è così?
Secondo il fisico Peter Russell, siamo vicini a Dio quanto lo siamo alla
luce.
Ecco cosa la scienza ha provato come verità: i fotoni della luce
trasportano l’amore che ci unisce l’uno con l’altro e con Tutto Ciò Che
E’. Il collegarci coscientemente con l’amore “superluminante” in
questa Luce ci rende più “simili alla Luce”, innalzando la nostra
consapevolezza alle frequenze più elevate dell’unione. Queste
frequenze uniscono il sé interiore, ricollegano i circuiti neurali,
guariscono la corpo-mente e ci trasformano negli dei che possiamo
essere.
Che epoca sorprendente quella in cui stiamo vivendo, dato che
la scienza della spiritualità conferma ciò che i mistici hanno detto fin
dall’inizio! Paramahansa Yogananda descrisse questa luce
amorevolmente: “Non appena eleverete la vostra coscienza allo stato
della divina consapevolezza, vedrete la corrente oceanica della luce di
Dio fluire dietro ogni materia. Vedrete ogni cosa in termini di Spirito.”
Se la consapevolezza è il primo passo verso l’illuminazione,
quali sono il secondo e il terzo? Il buddista Bhikkhu Nyanasobhano
traccia il sentiero: “L’illuminazione – quella magnifica fuga da angoscia
ed ignoranza – non avviene mai per caso. Deriva dalla battaglia
coraggiosa e a volte solitaria di una sola persona contro le proprie
debolezze.”
Il Gesù esseno, nel vangelo gnostico di Tommaso, dice di andare
dentro di noi nella Luce Vivente di cui siamo stati fatti in principio.
Unitevi a questa luce nella quiete della meditazione, accendetela
imparando a conoscere voi stessi, e portate questa luce all’esterno per
guarire e trasformare il mondo. Edgar Cayce insistette sulla stessa
cosa.
Tutto ciò che dobbiamo fare è lasciar andare la paura e
permettere alla Luce di fluire visibilmente dai regni superiori. La Luce
superiore che scende in nuvole colorate ci evolverà in frequenze
sempre più elevate e nella pace e fratellanza universali della prossima
Era dell’Acquario le cui energie già ci accolgono a braccia aperte.
Non importa ciò che ci dicono le apparenze: stiamo
rapidamente progredendo verso accordi più elevati di luce e suono.
Guardando da vicino vedrete la presenza luminescente della pace in
arrivo sulla Terra. State in ascolto per sentire il canto degli angeli
mentre la Terra s’innalza verso il cielo e il cielo arriva sulla Terra.
Troviamo in noi stessi la verità di questo, e sarà così per tutti noi.
Da: Personal Spirituality, agosto 2007
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza