Site Logo
sabato 23 ottobre 2021

La nascita di Gesù secondo le Letture di Edgar Cayce

Lettura 5749-15 sulla Nascita di Gesù,
eseguita il 22 giugno 1941 per il X Congresso Annuale dell’A.R.E.
Gertrude Cayce (GC): Avrai davanti a te la mente avida di sapere
dell’entità Thomas Sugrue, presente in questa stanza, che cerca il
seguito alle informazioni già fornite sulla vita del Maestro e la sua
storia nel mondo materiale … Allo scopo per cui queste informazioni
saranno usate, questa volta egli chiede una descrizione di tipo
letterario di certi avvenimenti nella vita del Maestro che ci sono noti a
grandi linee, ma non nei dettagli. Li fornirai nel seguente ordine –
dapprima la nascita del Maestro a Betlemme, iniziando con l’arrivo di
Maria e Giuseppe alla locanda. Includerai dettagli come il tempo, l’ora,
la conversazione con il locandiere, il numero di persone nella locanda, i
tipi che rappresentavano, i divertimenti e le occupazioni praticate
durante la serata, ciò che si mangiò e bevve, se gli ospiti sapevano che
il Bambino stava per nascere, l’esatta ora di nascita, ecc.
Edgar Cayce (EC): Sì, abbiamo le informazioni che sono state indicate
rispetto ad alcuni avvenimenti che circondano la nascita di Gesù, il
figlio di Maria, a Betlemme in Giudea.
Sono ben noti gli scopi per cui in quel periodo fu fatto il viaggio. Le
attività di Giuseppe sono ben note. Della differenza d’età fra di loro
non si parla tanto spesso, né viene indicato molto nella storia sacra o
profana sulla preparazione della madre a quel canale attraverso cui
l’immacolata concezione potesse aver luogo. Questa, l’immacolata
concezione, è uno scoglio per molte persone accorte.
L’arrivo fu in serata – non come lo si conta secondo il tempo romano,
né come quello dichiarato a Mosè da Dio quando dovette essere tenuta
la seconda Pasqua ebraica, né quello stesso tempo che era in uso
comune anche in quella terra, bensì ciò che ora rappresenterebbe il sei
gennaio.
Faceva freddo e c’era molta gente sulle vie. Poiché era solo una
giornata di sabato di viaggio da Gerusalemme. Per la via c’erano
grandi moltitudini di persone provenienti dalle colline della Giudea.
La gente era attiva nelle occupazioni di varie nature in quella terra
insolita. Alcuni erano carpentieri – come quelli della casa di Giuseppe,
che era stato trattenuto dalla condizione della Madre. Alcuni nel
gruppo erano aiutanti di Giuseppe – assistenti carpentieri.. Poi c’erano
pastori, agricoltori ed i vari gruppi che avevano i loro piccoli ambienti
com’era necessario per le condizioni dei campi intorno a Nazareth.
Poi, alla sera o al crepuscolo, Giuseppe si avvicinò alla Locanda che era
piena di persone che anch’esse si erano messe in cammino per essere
censite per la tassa imposta dai romani sulla gente del paese. Poiché
erano stati inviati coloro che dovevano valutare le capacità dei vari
gruppi da tassare. Per la legge romane tutti erano tenuti ad essere
censiti nella propria città natale.
Giuseppe e Maria erano membri della setta chiamata Esseni e per
questo furono interrogati da chi aveva il comando politico e anche
religioso nelle città.
Poi ci fu la risposta del locandiere: “Non c’è posto nella locanda”,
specialmente per una circostanza del genere. Seguirono risate e gesti
di scherno alla vista dell’uomo attempato con la bella ragazza, sua
moglie, incinta. Una forte delusione era scritta non solo sul viso di
Giuseppe, ma anche su quello della figlia del locandiere, come pure sui
visi di alcuni gruppi intorno alla locanda. Poiché molti vedevano le
possibilità di una storia insolita che poteva svilupparsi se la nascita
doveva aver luogo nella locanda. Inoltre c’era costernazione fuori, fra
coloro che avevano udito che erano arrivati Giuseppe e Maria e che
non avevano ottenuto una stanza. Cominciarono a cercare un posto, un
riparo.
Poiché, ricordate, molti di quelli – anch’essi – furono di quel gruppo
interrogato, che aveva sentito di quella ragazza, quella bellissima
moglie di Giuseppe che era stata scelta dagli angeli sui gradini; che
aveva sentito di ciò che aveva avuto luogo nelle colline dove Elisabetta
si era recata, quando ci fu la visita della cugina – e riguardo a quelle
cose che si erano verificate anch’esse nella sua esperienza. Storie di
questo tipo furono sussurrate fra l’uno e l’altro.
Così molti si unirono nella ricerca di un posto. La necessità richiese che
si cercasse un posto – velocemente. Poi fu trovato, sotto la collina,
nella stalla – sopra la quale i pastori stavano radunando le loro greggi
nell’ovile.
Là nacque il Salvatore, il Bambino, che, attraverso la
volontà e la vita manifestata, diventò il Salvatore del
mondo – quel canale attraverso cui, com’era stato detto
agli antichi, la promessa sarebbe stata mantenuta che
era stata fatta ad Eva; la ricomparsa di un altro simile a
Mosè e, com’è stato detto a Davide, la promessa fu di
non abbandonare quel canale, ma sempre più in basso è
caduto il concetto che l’uomo ha delle necessità.
Poi, quando la speranza sembrava scomparsa, gli angeli messaggeri
cantarono. Apparve la stella che fece stupire i pastori, che causò
timore reverenziale e costernazione a tutti quelli che si trovavano
intorno alla Locanda; alcuni ci scherzarono, altri furono presi dalla
convinzione che quelle cose sgarbate dette dovessero
necessariamente essere corrette nei loro rapporti con le cose future.
Tutti furono intimoriti quando apparve lo splendore della Sua stella
lucente, quando la musica delle sfere portò quel coro gioioso: “Pace in
terra! Buona volontà agli uomini di buona fede.”
Tutti sentirono le vibrazioni e videro una grande luce, non solo i
pastori sopra quella stalla, ma anche chi si trovava nella Locanda.
Certo, quelle circostanze dovettero in seguito essere dissipate da parte
delle persone dubbiose che dissero alla gente che era stata sopraffatta
dagli effetti del vino o cose simili.
Proprio quando giunse la mezzanotte ci fu la nascita del Maestro.
Di lì a poco la figlia del locandiere fu sul luogo, come anche la madre
della figlia, e i pastori che risposero al grido – ed erano andati a vedere
ciò che era accaduto.
Questi furono i modi in cui avvenne e le persone che furono presenti
poco dopo. Poiché nel periodo della purificazione la Madre rimase là,
non ritenendo partire la cosa migliore, benché tutte le forme di
assistenza venissero offerte; non partì finché ci fu la circoncisione e la
presentazione nel tempio ai Magi, ad Anna e a Simeone.
Tale fu l’ambientazione nel periodo della nascita di Gesù …
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza