Site Logo
sabato 23 ottobre 2021

L’Apocalisse di Giovanni: lo studio del sé

- - L’interpretazione spirituale dalle Letture di Cayce –

 fatelo sapere a gruppi, classi, paesi, nazioni: lo studio più grande del sé  è e
dovrebbe essere il grande studio per la famiglia umana  3744 -4
Le letture di Edgar Cayce indicano che la prima necessità dell’umanità intera sia
seguire il grande comandamento. Tuttavia non possiamo amare Dio né il nostro
prossimo finché non avremo una comprensione migliore di noi stessi. Perciò ci
viene detto che lo studio più grande, anche per le nazioni, dovrebbe essere lo
studio del sé. Come dobbiamo fare?
Le letture dicono che, per giungere ad una comprensione maggiore di noi stessi
e di altri, dovremmo studiare l’Apocalisse (o Rivelazione) di San Giovanni il Divino.
Lo studio dell’Apocalisse fu menzionato per la prima volta quando fu raccomandato
ad un medico il cui paziente si era rivolto a Cayce per trovare aiuto. La lettura disse:
“ vi è quell’attività su quelle forze che operano verso e attraverso la ghiandola
pineale verso la porzione superiore del corpo, che corrisponde a quelle forze di cui
si parla  nell’Apocalisse. Sarà ottimo per questo dottore leggere l’Apocalisse e
capirla! Specialmente in riferimento a questo corpo!” (2501-6) Questo medico deve
essere stato davvero sorpreso! Questa lettura arrivò prima che fossero fatte tutte le
altre sull’interpretazione dell’Apocalisse. In seguito, sostenendo questo medico,
chiesero: “Dove può studiare l’Apocalisse?” La risposta fu:
“Paragonando, chiunque studierà ciò che viene offerto nel Libro e lo paragonerà
con le condizioni anatomiche di un corpo fisico, imparerà il corpo spirituale, il
corpo mentale – non è metafisica!” (2501-7)
Un altro medico, che era di orientamento psicoanalitico, arrivò con molte
domande sul comprendere ed analizzare se stesso. Gli fu detto: “ se leggerai il
Libro dell’Apocalisse con l’idea del corpo come l’interpretazione, capirai te stesso
ed imparerai davvero ad analizzare, psicoanalizzare, analizzare mentalmente gli
altri.” (4083-1)
Si noti che ci dicono che, col metodo di “paragone, chiunque” può studiare
l’Apocalisse in relazione con le “condizioni anatomiche di un corpo fisico” e
“imparare il corpo spirituale, il corpo mentale.” Questo fu detto prima delle circa 24
letture che specificatamente interpretarono l’Apocalisse. Se questo studio è così
importante e se l’Apocalisse è così istruttiva riguardo alla natura del sé, allora a
ciascuno di noi individualmente si presenta una sfida notevole!
La Bibbia per il mondo cristiano è il Libro senza paragoni, unico. Questo Libro
straordinario di tale chiarezza nel comprendere la vita spirituale culmina con un
libro che, nell’insieme, è un mistero per chi lo avvicina. Non dovrebbe essere così.
Dovremmo aspettarci da un Libro di tale ampiezza ed importanza come la Bibbia
che il capitolo finale fosse di qualche applicabilità, rilevanza e bellezza speciale in
più!
Benché ci sia qualche controversia accademica sull’autore dell’Apocalisse, le
letture di Edgar Cayce confermano che fu l’apostolo Giovanni che era noto come
l’Amato. Il Vangelo di Giovanni, uno dei libri più importanti e belli della Bibbia, fu
scritto senza alcun dubbio quando Giovanni era un uomo giovane. Dovremmo
aspettarci che la crescita spirituale di uno così vicino al Maestro abbia potuto
produrre un capolavoro ancora più grande nei suoi ultimi anni.
Sfortunatamente, a causa della natura simbolica dell’Apocalisse, l’approccio
solito alla Bibbia è a questo punto dimenticato, cioè, l’attenzione sui problemi
dell’uomo, l’applicabilità personale dei testi e l’ispirazione. Quando lavoriamo con il
simbolismo abbiamo questo problema: il simbolo nella sua presentazione è
esteriore; per questo possiamo pensare che abbia rilevanza o applicabilità
esteriore. Se sogniamo un amico, il sogno è, per così dire, proiettato verso
l’esterno. Sperimentiamo il sogno come qualcosa che esiste al di fuori di noi stessi
che si riferisce a quell’amico. Tuttavia, gli approcci più sofisticati al sogno ci
inviterebbero a capire che la proiezione esteriore è simbolica e connessa con un
processo interiore. Questo è un progresso nella comprensione del simbolismo che
può essere illustrato da alcune ricerche sui sogni di bambini.
Lo psicologo francese Piaget chiese ad alcuni bambini piccoli da dove venissero
i loro sogni. Un bambino molto piccolo che sogna i cani dice qualcosa come:
“Penso che il cane mi sia arrivato dalla strada.” Un altro bambino dice qualcosa
come: “Penso che mi sia uscito dagli occhi e che sia stato progettato nella stanza.”
Un bambino ancora più grande, però, potrebbe dire semplicemente: “Tutta ha avuto
luogo nella mia testa.” Questo progresso nella conoscenza smentisce la nostra
esperienza personale: se sogniamo un cane, lo sperimentiamo come se fosse
davvero “là fuori”. Questa idea, quando pensiamo all’evoluzione del pensiero nei
bambini, può anche essere vista come una possibile evoluzione del pensiero nella
storia della religione.
Per esempio, nell’Antico Testamento vengono fornite istruzioni molto dettagliate
e specifiche per la costruzione di un tempio o tabernacolo, tuttavia, nel Nuovo
Testamento, apprendiamo che il corpo è il tempio. Possiamo quindi pensare al
tabernacolo dell’Antico Testamento come un simbolo proiettato come il bambino
che sperimenta il cane come se fosse là fuori. Quando arriviamo a capire che il
corpo è il tempio, possiamo anche comprendere la simbologia dettagliata del
tabernacolo che ci istruisce sul modo in cui noi stessi siamo costruiti. (vedi Ebrei 9)
Quando lavoriamo con la simbologia, dapprima identifichiamo il simbolo e poi
cerchiamo il referente. Le istruzioni nelle letture di Cayce sul nostro approccio
all’Apocalisse sono di studiarla con l’idea che il corpo, i suoi processi e strutture
sono proiettati nel simbolismo di questo libro. Le letture sottolineano varie volte
che questa non è l’interpretazione, bensì un’interpretazione. Questa interpretazione,
però, ci dà qualcosa che è individualmente rilevante ed applicabile. Altre
interpretazioni consistono principalmente di speculazioni su paesi, guerre, conflitti
e distruzione invece che di sintonia ed applicazione nella vita individuale.
C’è un linguaggio di notevole valore nell’Apocalisse stessa che ci indica che è
personalmente applicabile ed importante. Per esempio, nel primo capitolo, terzo
verso, si dice: “Beato chi legge ad alta voce le parole di questa profezia e beati
coloro che ascoltano e mettono in pratica le cose che vi sono scritte, perché il
tempo è vicino.”
Poi sono state scritte sette lettere alle sette chiese e ciascuna
termina con un’espressione come questa: “Chi ha orecchi, ascolti ciò
che lo Spirito dice alle Chiese.” Inoltre in tutte queste sette lettere vi è una
promessa come: “Al vincitore darò da mangiare dell’albero della vita” o “il vincitore
non conoscerà la seconda morte”. Tali passaggi indicano che in queste
informazioni c’è qualcosa di applicabile e rilevante per noi personalmente.
Perché allora fu scritto in un linguaggio che sembra così difficile da capire
intellettualmente? Per esempio, considerate le parole e il linguaggio della poesia.
Sono intesi maggiormente per creare una risposta che informare o dare delle
istruzioni. Un’opera veramente creativa stimolerà una risposta nel profondo del
nostro essere, l’inconscio. Per questo, anche quando non c’è una comprensione
intellettuale del libro o di una grande opera d’arte, le immagini simboliche e
poetiche possono essere fortemente efficaci e suscitare nel nostro essere profondo
una risposta.
Questo è un libro che ha veramente influito la gente profondamente per quasi
2000 anni. E’ stato tradotto in centinaia di lingue. Se fosse presentato in una forma
concepita per la comprensione intellettuale non sarebbe affatto così universale o
incisivo nel suo effetto come è in virtù del suo linguaggio simbolico, concepito per
scuotere l’anima del lettore.
La tradizione giudeo-cristiana è una tradizione del verbo.
Nel primo capitolo del Vangelo di Giovanni leggiamo: “In principio
era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio. Tutto è
stato fatto per mezzo di Lui.” In quel senso, il Verbo
significa mantra – cioè la capacità di dar vita a quella realtà che
viene espressa. Quando prendiamo in considerazione il potere della
parola (verbo), riesaminiamo questo passo: “Beato chi legge ad alta voce le parole
di questa profezia e beati coloro che le odono” (Apo, 1,3). La risposta interiore non
richiede una comprensione intellettuale.
Le immagini contenute nell’Apocalisse possono avere l’effetto di certe frasi
musicali, brevi frequenze da considerarsi archetipiche, che sempre ci elevano o ci
abbattono, indipendentemente dalla nostra provenienza sociale o culturale.
Il simbolismo nell’Apocalisse è archetipico. Il concetto di archetipi, sviluppato
più pienamente dallo psicologo svizzero Carl Jung, suggerisce che noi siamo fatti in
un modo simile tale, psicologicamente e neurologicamente, da avere esperienze
specifiche in comune. Un esempio: la risposta di rabbia, che tutti capiamo così
bene, è universale. Nasciamo, siamo programmati (per usare un’analogia
computeristica) con un insieme molto complesso di connessioni o collegamenti
elettrici che influisce su molti dei sistemi del corpo in modo assai complicato ed
integrato. La fisiologia della risposta di rabbia è tale che possiamo invocarla
pienamente al minimo stimolo nel giro di mezzo secondo. Possiamo considerare
questo come base fisiologica per una risposta archetipica.
Per quanto siamo sicuramente programmati per questa reazione fisiologica
davanti a un pericolo, che ci prepara alla fuga o all'attacco, siamo anche
programmati per essere in grado di metterci in sintonia con l’Infinito e di
manifestare lo schema completo dell’amore. Quando diciamo che siamo fatti a Sua
immagine, diciamo che dentro di noi c’è uno schema per essere integri. Ciò
significa che, potenzialmente, possiamo manifestare l’integrità nella nostra salute
fisica e anche nei rapporti amorevoli con gli altri.
Secondo la visione di Jung, questo schema per essere integri, questo schema
fondamentale, è chiamato l’archetipo del Sé. Nell’Antico Testamento si dice:
“Poiché questo comando che oggi ti ordino non è nascosto da te, né lontano da te
... Ma la parola è molto vicina a te, è nella tua bocca e nel tuo cuore, perché tu la
metta in pratica.” (Deuteronomio 30, 11 e 14) Nel Nuovo Testamento questo passo
dall’Antico Testamento è parafrasato ed interpretato così: “ Non dire nel tuo
cuore: Chi salirà al cielo? (Questo significa farne discendere Cristo;) oppure: Chi
discenderà nell’abisso? (Questo significa far risalire Cristo dai morti.) Che dice
dunque? Vicino a te è la parola, sulla tua bocca e nel tuo cuore: cioè la parola della
fede che noi predichiamo ” (Romani 10, 6-8) La legge, scritta nell’intimo, equivale
al Cristo in noi, che Carl Jung chiamerebbe un archetipo del Sé. Nella sua
dichiarazione ultima, l’Apocalisse è quindi una sequenza di immagini archetipiche
fornite allo scopo di spingerci, attraverso guarigione, purificazione, sintonizzazione,
verso l’unione grazie ad una comprensione dell’archetipo del Cristo in noi.
Nel testo stesso ci sono alcuni indizi su come il libro avrebbe potuto essere
interpretato. Per esempio, il libro inizia con una visione di una base con sette
lampade. Dall’Antico Testamento facciamo il collegamento che stiamo entrando
nel tempio o tabernacolo. Allora, con gli insegnamenti di Gesù e di altri scrittori del
Nuovo Testamento dovrebbe sovvenire al lettore che il corpo è il tempio. Così
affrontiamo direttamente la considerazione che Giovanni sta entrando in una
consapevolezza della sua stessa sintonizzazione interiore.
Nella visione iniziale Giovanni vide una base con sette lampade e
uno come il Figlio dell’uomo che camminava in mezzo ad esse. Le
letture di Cayce indicano che le sette lampade o sette luci si riferiscano
ai sette centri spirituali nel corpo. Il Cristo sta camminando in mezzo ad
essi. Perciò quel processo dinamico della consapevolezza del Cristo
sembra connesso con i sette centri. In parecchi passi dell’Antico
Testamento che descrivono il Sancta Sanctorum, dove il sacerdote incontrava Dio
faccia a faccia, leggiamo dell’arca dell’alleanza con in cima il trono propiziatorio. Su
questo trono ci sono le figure di quattro cherubini, le stesse delle quattro bestie che
Giovanni vide nella sua visione. Ci sono i volti di un vitello, un uomo, un leone e
un’aquila. Nell’Antico Testamento leggiamo che Dio apparve in mezzo ai cherubini,
un’altra affermazione ancora del fatto che la Sua apparizione fa parte di un
processo e non solo di un luogo.
In seguito a Giovanni viene data una lettera per tutte le sette chiese che rileva
particolarmente difetti e virtù di ogni chiesa. Nel nostro studio personale dei difetti e
delle virtù menzionati possiamo trovare difficile comprendere il linguaggio preciso.
Tuttavia possiamo approfondire il lavoro con il principio. Secondo le letture di
Cayce qui si tratta di analizzare i nostri difetti e le virtù personali connessi con tutti
questi centri motivazionali.
Sappiamo tutti qualcosa di almeno due di questi come riguardano le nostre
motivazioni più profonde. Sappiamo qualcosa della forza motivazionale delle
ghiandole sessuali e surrenali. Forse comprendiamo che hanno un effetto
motivazionale nella nostra vita. Un terzo centro che abbiamo nel nostro linguaggio
popolare è quello del cuore, ma non ci sfiora mai seriamente l’idea che il timo, la
ghiandola del centro del cuore, possa avere un effetto motivazionale sulla nostra
vita nello stesso modo delle ghiandole surrenali. Come mai abbiamo compreso che
le ghiandole surrenali sono connesse con la risposta all’azione, le ghiandole
sessuali sono connesse con la motivazione sessuale, e non ci è mai nemmeno
venuto in mente che anche la pituitaria, che sappiamo è la ghiandola maestra del
corpo, possa avere un potenziale motivazionale?
Prendiamo dapprima in considerazione i quattro centri inferiori. La termologia
delle letture di Cayce riguardo alla pulsione motivazionale di questi quattro centri è
questa: per le ghiandole sessuali (le gonadi), sostentamento e per quelle di Leydig,
la propagazione della specie. Per la ghiandola surrenale c’è l’autoconservazione e
per il timo, l’appagamento del sé. Queste quattro – sostentamento, propagazione
della specie, autoconservazione ed appagamento del sé – comprendono tutte le
motivazioni note orientate al terreno.
Le letture di Cayce non specificano le motivazioni per i tre centri
superiori, tuttavia le parole chiave che si potrebbero associarvi potrebbero
essere: per quello tiroideo, dato che è il centro dello Spirito Santo, la vita;
per quello pineale – il centro Cristico – la luce; per quello pituitario, visto
che è il centro del Padre, l’amore nel suo senso più pieno, poiché Dio è
amore.
La prima mossa per rendere l’Apocalisse applicabile è analizzare se stessi
quanto a difetti e virtù per quanto riguarda questi sette centri motivazionali. Notate
nella tabella qui sotto che la sesta chiesa (la Chiesa di Filadelfia), il centro Cristico,
è una porta aperta e non furono forniti difetti. Lo spirito o centro tiroideo o della
volontà, siccome è connesso alla scelta, ne è la chiave. Via via che rendiamo la
nostra volontà tutt’uno con Lui, l’energia che sale attraverso questi centri può
passare direttamente attraverso il tiroideo e il pineale al pituitario. Allora è come se
arrivassero i messaggi attesi con impazienza dagli avamposti: e, quando tutti i sei i
centri riportano di essere pronti, il settimo si apre e procede con il suo piano più
grande, la Legge più grande. Tutti i centri maggiori di controllo della gerarchia del
corpo restano in disparte e poi il re può mettere in atto la sua prossima mossa.
Questo è simboleggiato nell’Apocalisse dalle quattro bestie che si inchinano e
dai 24 anziani che si inchinano davanti al trono. Le quattro bestie rappresentano i
quattro centri inferiori; i 24 anziani rappresentano i sensi. Fisiologicamente i dodici
nervi cranici, 24 se rappresentati bilateralmente, riguardano i cinque sensi, come il
nervo acustico, il nervo ottico, ecc.
Le istruzioni sono queste: quando le quattro bestie s’inchinano – cioè quando
queste quattro motivazioni di cui abbiamo parlato s’inchinano e quando i sensi
s’inchinano, i 24 anziani – quindi l’Apocalisse o la sintonizzazione può procedere.
A questo punto Giovanni vede un libro con sette sigilli. Egli piange perché sa che
nessuno in cielo o in terra è degno di aprire i sigilli di quel libro. Tuttavia appare un
agnello con sette occhi. L’agnello è il Cristo. I sette occhi rappresentano i sette
centri e il loro rapporto con “i Sette spiriti di Dio inviati su tutta la terra”. L’Agnello
prende il libro e comincia ad aprire i sigilli. Il libro è il corpo, i sette sigilli sono lo
stato attuale di chiusura di questi centri come centri spirituali. Le istruzioni sono:
nessuno è degno di interferire con quei centri eccetto il Cristo.
Sappiamo che questi centri possono essere aperti o influenzati da diversi mezzi
– come farmaci psicoattivi, esercizi yoga di respirazione profonda, posture yoga o
forse ipnosi. Siamo messi in guardia di non interferire con i centri in questo modo.
Una volta che comprendiamo come i sette nell’Apocalisse riguardano i sette
centri spirituali, possiamo facilmente afferrare l’intero schema e la sequenza del
libro.
Per rendere questo pratico possiamo usare la seguente tabella come schema per
scrivere a noi stessi sette lettere che valutino i difetti e le virtù di tutti questi centri
motivazionali come li sperimentiamo nella nostra vita personale.
Centro Motivazione Difetti Virtù
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
7 Pituitario Amore – il Tutto, il Corpo
6 Pineale Luce – Mente nessuno
5 Tiroideo Vita – Volontà, Spirito
4 Timo Appagamento del sé
3 Surrenali Autoconservazione
2 Leydig Propagazione della specie
1 Gonadi Sostentamento
Una volta che abbiamo fatto questo possiamo procedere con le seguenti mosse
di apertura e sviluppo:
Lettere alle 7 chiese Fare un bilancio di dove siamo
Apertura dei 7 sigilli Apertura, per mezzo del Cristo, dei 7 centri. Sette
visioni sono associate con questi centri.
Il segnale delle 7 trombe Purificazione fisica dei centri.
Il riversamento delle fiale Affrontare schemi karmici connessi con i centri.
La caduta di Babilonia Eliminare il sé inferiore.
Il drago rosso gettato L’aspetto dello spirito di ribellione dell’ostinazione posto
nel lago di fuoco nella vicinanza perpetua dell’amore purificante di Dio.
La Nuova Gerusalemme Stabilire il nuovo ordine nella piena integrazione del Sé
simboleggiata dal matrimonio della sposa purificata
con l’Agnello o Cristo.
Questo approccio allo studio del sé, secondo Cayce, è una delle interpretazioni,
non l’unica:
Bisogna tenere a mente, com’è stato indicato, che, sebbene la maggior parte dei
riferimenti – o tutti – si riferiscano al corpo fisico come lo schema, vi è ciò di cui
si può dire che sia l’interpretazione letterale, spirituale e metafisica di quasi tutte
le porzioni della Sacra Scrittura e specialmente dell’Apocalisse come fornita da
Giovanni.
Tuttavia, perché tutte queste siano vere, pratiche, applicabili nelle esperienze
degli individui, esse devono essere coordinate: o essere come un tutt’uno 281-31
 via via che viene fornito ogni emblema, ogni condizione, esso rappresenta o
presenta al sé uno studio del tuo stesso corpo, con tutte le sue emozioni, tutte le
sue facoltà. Tutti i suoi centri fisici rappresentano esperienze attraverso cui
passano il tuo stesso essere mentale, spirituale e fisico. Poiché è davvero la
rivelazione del sé. 1173-8
Allo scopo di fare l’esperienza dell’Apocalisse come un tutto, due suggerimenti
possono essere utili e pratici. Dapprima possiamo memorizzare i punti principali del
libro:
1. Rivolgersi alle sette chiese.
2. Aprire i sette sigilli.
3. Suonare le sette trombe.
4. Iniziare il regno del Cristo.
5. Riversare le sette fiale.
6. Disfarsi di Babilonia.
7. Costituire il Nuovo Regno.
Un secondo modo per ottenere una visione d’insieme del libro è leggerlo per
intero, preferibilmente ad alta voce e tutto di un fiato. Lo si può leggere ad alta voce
in circa 75 minuti. Ricordate, ci dicono che “(Apo. 1,3) Si raccomanda allo studioso
di leggere e rileggere questo libro, specialmente per intero e di lasciare che le
immagini risveglino delle risposte appropriate nel corpo fisico, mentale e spirituale.
Lo studioso dell’Apocalisse vorrà anche leggere le ventiquattro letture fatte da
Edgar Cayce che interpretano l’Apocalisse [Libro acquistabile sul sito
www.edgarcayce.org: Edgar Cayce on the Revelation (John van Auken)]
Rivolgersi alle Sette Chiese
Capitoli 1 – 5
L’Apocalisse inizia con le parole di Giovanni che era nello spirito, vale a dire, in
meditazione, il Giorno del Signore. L’immagine chiave di questa parte del libro è la
figura del Cristo in mezzo ad una base con le sette lampade che tiene sette stelle
nella Sua mano destra. La base con le lampade rappresenta i sette centri spirituali
come un singolo sistema o sette sensi o punti spirituali di consapevolezza nel
corpo umano. La figura del Cristo è il mediatore fra questi centri e le sette stelle che
rappresentano i sette spiriti di Dio.
Finora abbiamo forse pensato al Divino come uno e trino, tuttavia, considerando
seriamente l’espressione “i sette spiriti di Dio”, possiamo vedere il rapporto di
questi sette spiriti con i sette centri spirituali dentro di noi. Allora possiamo vedere
come all’Unica Forza può essere data espressione in molte forme o colori, quando
la luce bianca del Cristo traspare dal prisma dei centri del corpo nei sette colori
dello spettro. Queste variazioni rappresentano il modo in cui usiamo l’Unica Forza e
la modifichiamo per mezzo dei nostri stessi desideri e motivazioni. La luce che
riflettiamo può non sempre essere la luce bianca pura, a seconda della
sintonizzazione o disarmonia delle nostre stesse motivazioni.
Giovanni fu istruito a scrivere una lettera a ciascuna delle sette chiese. Per
mettere questo in pratica bisognerebbe scrivere sette lettere a noi stessi, valutando
difetti e virtù delle potenzialità motivazionali maggiori nella nostra vita personale
rappresentate da questi sette centri. Ci dicono di “cercare di sapere di cosa
difettiamo” e “apprendere che potete essere salvati solo dalla scomparsa del sé”
(281-16).
“Non temete quelle cose che state per soffrire” (2,10). Questa è forse
l’indicazione più importante fornita nel libro sull’orientamento dell’atteggiamento da
tenere per quanto riguarda il modo in cui affrontiamo le nostre stesse rivelazioni.
Dobbiamo sempre tenere a mente che non dobbiamo temere le cose che dovremo
soffrire, perché questo è un processo di purificazione.
Le quattro bestie dell’Apocalisse sono le immagini archetipiche che raffigurano
gli schemi motivazionali dei quattro centri inferiori. Il vitello, l’uomo, il leone e
l’aquila rappresentano, rispettivamente, le motivazioni per il sostentamento o la
sicurezza, la propagazione della specie, l’autoconservazione e l’appagamento del
sé. Le immagini di queste quattro bestie corrispondono a quelle sperimentate da
Ezechiele e alle sue visioni dei quattro cherubini. Lo studioso può studiare i
capitoli 1 e 10 di Ezechiele, particolarmente l’espressione “lo spirito dell’essere
vivente era nelle ruote” (Ezechiele 1,20). Si ricordi che in sanscrito, ruota è chakra.
Dovunque andasse lo spirito, vi andavano anche la ruota e la bestia, perché “lo
spirito dell’essere vivente era nelle ruote”.
Aprire i Sette Sigilli
Capitoli 6 – 7
Ora vediamo un libro con sette sigilli che nessuno eccetto il Cristo è degno di
aprire. Quando prende il libro, le quattro bestie e i ventiquattro anziani cadono a
terra davanti a lui.
Il libro è il corpo; i sette sigilli sono i sette centri spirituali. Il contenuto del libro,
le testimonianze dell’anima, sono chiusi. Quando l’Agnello o il Cristo prende il libro,
Egli può aprire i sigilli. Sappiamo che ci sono molte secrezioni ormonali connesse
con ciascuna ghiandola. La mia ipotesi è che quell’apertura dei centri significhi la
secrezione di ormoni che solitamente non sono secreti. Esistono alcuni casi noti di
questo, come nell’adolescenza o in gravidanza.
Ogni apertura è accompagnata da una visione. Con l’apertura dei primi quattro
sigilli, ogni visione che l’accompagna presenta un cavaliere su un cavallo. Le
immagini dicono che questi continuano a cavalcare distruggendo una certa
porzione della terra. Dobbiamo considerarle come secrezioni ormonali guidate per
ripulire, purificare e guarire il corpo fisico, così come la terra.
Poi ci sono le visioni dei tre centri superiori. Per il quinto centro, le anime dei
fedeli uccisi, la tiroide; per il sesto centro, un terremoto, la pineale. Poi, in uno di
quei piccoli accenni che mostrano che questo è per l’individuo e non per la profezia
storica, ci viene detto che, con l’apertura del settimo sigillo, ci fu silenzio in cielo
per circa mezz’ora (8,1).
Fra l’apertura del sesto e settimo centro c’è un intervallo con una visione
speciale ed istruttiva. Giovanni vede quattro angeli che trattengono i quattro venti
dalla terra. Le letture parlano di questi angeli come delle quattro forze o fattori
determinanti che agiscono nelle nostre vite: eredità, esperienze nella vita attuale,
mente (o esperienze fatte nelle vite precedenti) e spirito (o esperienze fatte in
soggiorni planetari fra le vite).
I quattro venti trattenuti dalla terra è un tipo glorioso di esperienza che possiamo
avere quando arriviamo sul sentiero spirituale. Tutto sembra mettersi a funzionare
bene! A questo punto, la persona che fa tale esperienza forse pensa che Dio sia
entrato nella sua vita e che da allora in poi tutto andrà bene. E’ l’esperienza comune
di un convertito evangelico. Si rallegra perché è “salvo” e si aspetta da allora in poi
di trovarsi sotto la grazia di Dio. Lo studio dell’Apocalisse ci offre una maggiore
comprensione del fatto che questo periodo di grazia sia un’occasione per
assicurarci il nuovo schema che, a quel punto, è emerso. La simbologia di questo è
i 144.000 che sono sigillati – 12.000 di ognuno delle dodici tribù. Le dodici tribù
rappresentano i dodici sistemi più importanti del corpo.
Più di una volta le letture dicono di studiare l’Apocalisse e l’anatomia umana
fianco a fianco. Nel corpo esistono circa dodici sistemi maggiori: (1) ossa, (2)
giunture e legamenti, (3) muscoli, (4) sistema circolatorio, (5) sistema linfatico, (6)
sistema nervoso, (7) sensi, (8) pelle, (9) sistema respiratorio, (10) apparato
digerente, (11) sistema urogenitale, (12) sistema endocrino.
Il principio è questo: all’interno di ciascuno di questi sistemi maggiori ci sono
alcune cellule perfettamente funzionanti, cioè ispirate dal Cristo. Con l’apertura dei
centri e con i quattro cavalieri che continuano a cavalcare portando i loro messaggi
ormonali, può essere dato il giusto stimolo a quelle cellule che hanno uno schema
di funzionamento perfetto. Quando sono sigillati, stabiliscono il giusto
funzionamento di ogni sistema.
Il periodo per trattenere i quattro venti è un’opportunità per essere liberi, così
che i 144.000 possano essere stabiliti. Poi il testo dice che con la sigillatura dei
144.000, una moltitudine da tutte le nazioni del mondo si raduna. Questi
rappresentano tutte le cellule del corpo. Ci dicono che Dio asciughi ogni lacrima,
ma questa è solo una prima mossa.
Suonare le Sette Trombe
Capitoli 8 – 11
La serie successiva di visioni è il suono delle sette trombe. Dopo l’apertura dei
sigilli c’è il periodo di purificazione fisica. Le visioni della purificazione sono date
per i quattro centri inferiori. Poi per la purificazione dei tre centri superiori ci sono
tre guai: “Guai, guai, guai agli abitanti della terra [il corpo] al suono degli ultimi
squilli di tromba che i tre angeli stanno per suonare” (8,13).
I tre guai possono essere interpretati così:
• La stella che cade e l’abisso senza fondo si riferiscono alla tiroide, il centro
della volontà, e all’inizio della detronizzazione dello spirito ribelle in noi. E’
accompagnato in modo particolare dall’eliminazione e purificazione fisiche. (Il primo
guaio)
• La liberazione dei quattro angeli ci espone ora alle quattro forze determinanti
precedentemente trattenute, ma adesso sono sotto la direzione del centro Cristico.
(Il secondo guaio)
• Poi con la purificazione e la consacrazione è possibile entrare nel tempio e
dare un rapido sguardo all’arca nel Sancta Sanctorum, il supercosciente. (Il terzo
guaio)
Di nuovo c’è un intervallo fra la sesta e la settima mossa. Giovanni deve
affrontare un grande angelo con un piede nell’oceano e un piede sulla terraferma.
sette tuoni fecero udire la loro voce. Poi una voce dal cielo dice: “Metti sotto sigillo
quello che hanno detto i sette tuoni e non scriverlo.” (10,4)
Il grande angelo intercede dicendo che il tempo è giunto! Poi ci dicono che
Giovanni vede un libro che in bocca sarebbe dolce come il miele, ma amaro nelle
viscere. Quando mangia il libro, prova proprio questo e si sente dire: “Devi
profetizzare ancora davanti a molti popoli, nazioni, lingue e re.” (10,11) Questo
simboleggia la bellezza – dolce in bocca – della realizzazione spirituale, con un
avvertimento riguardo alla responsabilità di tale realizzazione. Allora abbiamo un
lavoro da fare: profetizzare davanti a molti popoli, nazioni, lingue e re.
Parliamo del morire e dell’andare in cielo. Questo incarico dato a Giovanni
sembra indicare che, con una vita di realizzazione spirituale, possiamo aspettarci di
reincarnarci per lavorare con quelli con cui potremmo condividere la nostra
realizzazione. Questo tipo di ideale ed impegno è stato fornito nel modo più
specifico nel buddismo con il voto del Bodhisattva. Il Bodhisattva è chi si è messo
sul sentiero della realizzazione. Secondo il voto, dopo la realizzazione egli tornerà
finché tutte le creature viventi avranno ottenuto la realizzazione. La realizzazione
spirituale è seguita da una sfida di una grande opera.
Dopo questa realizzazione Giovanni riceve quindi una canna con cui misurare il
tempio. Una volta ottenuta la realizzazione, quanto sarà grande il nostro paradiso?
Chi serviremo? Di nuovo un’altra caduta nell’abisso sul sentiero spirituale –
affinché, dato che un certo insegnamento ci ha portato alla nostra realizzazione, noi,
a nostra volta, serviamo solo coloro che restano fedeli a quell’insegnamento.
Iniziare il regno di Cristo
Capitoli 12 – 14
La seconda metà del libro si riferisce all’applicazione. Comincia con la visione di
una donna in travaglio di parto che sta per dar vita ad un bambino (12,2). La donna
rappresenta tutte le esperienze terrene che ci hanno portato a questo momento di
realizzazione. Stiamo per dar vita all’ideale e allo schema del Gesù Bambino in noi
stessi. Questo nuovo potenziale è accompagnato da una guerra in cielo. Dal cielo
l’Arcangelo Michele lancia un drago rosso sulla terra. Questo rappresenta la
detronizzazione dello spirito ribelle, il drago, e la costituzione dello spirito
d’ubbidienza , il Cristo, come l’ideale. Tuttavia, quando lo spirito ribelle è
detronizzato, non se ne va o scompare semplicemente. Viene gettato dal cielo sulla
terra. E’ detronizzato dal regno nei tre centri superiori, il paradiso ( o cielo); ma
comincia ad influire sui quattro centri inferiori, la terra. Per questo il testo dice:
“Esultate, dunque, o cieli  guai a voi che abitate sulla terra ” (12,12)
Gettato sulla terra, il drago emette una marea d’acqua per distruggere la donna e
il bambino. L’interpretazione è che, con la detronizzazione dello spirito ribelle, da
questi centri inferiori sorgeranno emozioni che ci sconvolgerebbero.
Un falso profeta capace di fare miracoli sorge dalla terra. Il falso profeta non è
qualcuno là fuori, bensì rappresenta una fase nel nostro stesso sviluppo spirituale o
psichico in cui noi siamo in grado di fare miracoli. Questo è l’inizio delle nostre
capacità di guarire o avere poteri telepatici o sogni precognitivi, l’inizio delle nostre
capacità psichiche. Vi è un forte avvertimento per quelli che sono sul sentiero
spirituale che non pensino prima del tempo di essere arrivati. Questo è solo
lo stadio iniziale nelle proprie rivelazioni. Se questo non va riconosciuto, la
rivelazione può essere interrotta a questo punto cruciale, la fase di sviluppo del
falso profeta.
Forse una delle cose più sentite sulle cose nell’Apocalisse è il mistero del
numero 666. Questo è il marchio della bestia. Qui si tratta di qualsiasi struttura a
cui noi diamo la preferenza invece di farci guidare dallo Spirito vivente. Negli affari
un’azienda può avere una sua linea di condotta; forse agiamo perché la linea di
condotta lo dice invece che spinti da uno spirito buono. Quando scegliamo il tipo
fisso di una linea di condotta invece di una risposta nello Spirito vivente, portiamo il
marchio della bestia. Un padre ha un appuntamento con tre persone per giocare a
golf. Suo figlio si rivolge a lui perché ha bisogno d’aiuto e lui risponde alla struttura,
all’accordo, invece che allo spirito della disponibilità; egli porta il marchio della
bestia. Un sacerdote ha un problema nella congregazione; egli ricorre al dogma
invece che alla preghiera. Questo è il marchio della bestia. Dobbiamo considerare
che questo è attivo in noi – abitudini invece che guida, strutture fatte dall’uomo che
guidano la nostra vita invece che lo Spirito vivente – questi sono i marchi della
bestia.
Nuovamente in antitesi con il marchio della bestia c’è lo schema dei 144.000.
L’eliminazione del marchio della bestia avviene solo con il marchio dell’Agnello.
L’Agnello, ancora un animale che rappresenta il Cristo, qui simboleggia
l’ubbidienza allo Spirito. (Lettera agli Ebrei 5,8)
Riversare le Sette Fiale
Capitoli 15 – 16
Nel capitolo 15 i sette angeli hanno le fiale delle sette ultime piaghe: la risposta
della legge, gli schemi karmici connessi con i sette centri. Possiamo affrontare
questi karmicamente per molte incarnazioni successive o possiamo affrontarli ad
un livello più alto. Se li trasformiamo spiritualmente, non dobbiamo far fronte ad
essi nel dettaglio nella nostra vita fisica.
Tuttavia la sequenza fornita qui indica che tutte le sette fiale devono essere
riversate prima che ci possa essere l’apertura dell’arca dell’alleanza (15,8)
contenente la legge, lo schema archetipico del Cristo in noi. Può essere manifestata
pienamente solo dopo che abbiamo affrontato gli schemi karmici conservati nei
sette centri.
In questi tempi c’è una grande battaglia, e anche solo accennarvi causa paura nei
cuori di tutti, la battaglia di Armageddon. In altre parole, questa vittoria sugli schemi
karmici provenienti dal passato viene rappresentata in modo teatrale come una resa
dei conti – all’interno dell’individuo. Questa è la vittoria dello spirito sul sé inferiore.
Disfarsi di Babilonia
Capitoli 17 – 18
Babilonia rappresenta il sé inferiore. Quando le sette fiale sono riversate e
affrontate, il sé inferiore è distrutto. La complessità del sé inferiore è in forte
contrasto con la semplicità dello schema del sé superiore, l’archetipo del Cristo.
Proprio come Babilonia rappresenta il sé inferiore, Gerusalemme rappresenta il sé
superiore.
La disposizione finale degli aspetti del sé inferiore è quando il drago rosso, lo
spirito ribelle, è gettato in un lago di fuoco. Questo fuoco, essendo di Dio, è un
fuoco purificante d’amore. In definitiva lo spirito ribelle in ciascuno può restare in
perpetua vicinanza dell’amore purificante di Dio.
Per illustrare questo diciamo che devo fare una decisione. C’è un lasso di tempo
fra la realizzazione di quella necessità e la mia disponibilità di schierarmi con lo
spirito giusto. Via via che divento più spiritualmente impegnato e in sintonia, vi è un
tempo più breve fra la realizzazione di due scelte e la mia disponibilità di fare la
scelta giusta. Ad un certo punto quello spirito ribelle potrebbe ricevere una
purificazione immediata in risposta all’amore di Dio.
Costituire il Nuovo Regno
Capitoli 19 – 22
Quando rivendichiamo fermamente la prima premessa dell’Unione di ogni Forza
e che Dio è Amore, allora l’Apocalisse diventa un libro bellissimo perché offre uno
schema per la trasformazione di ogni anima. Se dimentichiamo che Dio è Amore,
allora diventiamo ansiosi riguardo alla natura all’apparenza minacciosa di alcuni
passi. Ricordate: “Non temete le cose che soffrirete.” (2,10)
Leggete per voi stessi e per tutte le anime degli uomini le promesse d questo
libro. Se vi rimangono dei dubbi, eliminateli meditando sul significato della parabola
del Buon Pastore (Matteo 18, 12-14). L’Apocalisse di San Giovanni è il processo
interiore che permette all’anima, in quanto prodiga, a ritornare al Padre.
Un bel passaggio riferito a questo si trova nel Capitolo 19, verso 8. Il testo dice:
“Le hanno dato una veste di lino puro splendente”. La simbologia significa che la
sua verginità è ristabilita; per quelle nozze cosmiche in cui la sposa si unisce in
matrimonio con l’Agnello, ella ha il permesso di indossare il bianco. Vale a dire,
ciascuno di noi può apparire davanti al trono, davanti allo Sposo, il Cristo, vestito di
bianco. Proprio come la piena Figliolanza fu restituita al Figliol Prodigo, a tutti noi
sarà concesso di indossare la purezza del bianco.
Infine ci viene detto che non ci sarà più notte, non avranno bisogno della luce
delle lampade o del sole perché il Signore Dio sarà la loro luce. Questa è da
considerare una promessa letterale per ogni anima: “Ecco, io faccio nuove tutte le
cose!” (21,5) “Chi ha sete venga; chi vuole attinga gratuitamente l’acqua della vita.”
(22,17) “Sì, verrò presto. Amen. Vieni, Signore Gesù.” (22,20)
da: Covenant, A.R.E. Membership Course
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza