Site Logo
domenica 17 novembre 2019

Sviluppo e Regressione dell’Anima

SVILUPPO E REGRESSIONE DELL’ANIMA
D- E’ stato fatto qualche progresso nelle ultime due o tre incarnazioni?
R- Il progresso c’e`, sia che vai avanti che indietro! L’importante e` muoversi!
D- Che progresso o regresso ho fatto durante questa vita attuale?
R- Nessuno puo` essere il giudice di cio` che hai scelto. Fa’ il giusto! 3027-2 F.34 6/28/43
Non tutto quello che viene considerato da qualcuno successo materiale e` successo per l’anima. Non tutto cio` che e` sviluppo dell’anima, come considerato in altre sfere, viene considerato successo materiale.
Perche´ ogni anima entra nell’esperienza materiale con opportunita` nelle capacita` che sono state raggiunte o acquisite come parte dell’individualita` e della personalita` dell’entita`. Ogni entita`-anima entra con quella speranza di prepararsi per una comunione piu` stretta o piu` grande con la sua prima causa o primo scopo. Perche´ ogni anima e` (stata fatta) nell’immagine del Creatore. E dato che nello scopo e` spirito, cerca di magnificare o manifestare lo spirito del Creatore...
E a meno che ogni entita`-anima...non renda il mondo migliore, quell’angolo o posto del mondo un po’ migliore, un poco piu` pieno di speranza, un poco piu` paziente, dimostrando un poco piu` di amore fraterno, un poco piu` di gentilezza, un poco piu` di sopportazione - con le parole e azioni stesse dell’entita`, la vita e` un fallimento; in particolare per quanto riguarda la crescita. 3420-1 F.57 12/17/43
Cercate; perche´ soltanto chi cerca puo` trovare. Non perdere la fiducia in te. Sappi in che cosa hai creduto, e se non risponde a cio` che hai stabilito come il tuo ideale - sappi che diventera` nient’altro che argilla, e cosi` soddisfera` soltanto i forti desideri. Ma lascia che il tuo cuore, la tua mente, la tua anima siano gioiosi per aver guadagnato nella tua esperienza, perche´ esprimere amore nelle tue attivita` verso il tuo vicino e` il servizio piu` grande che un’anima possa dare in questa sfera mondana. 499-2 F.22 1/25/34
Lo sviluppo maggiore dell’anima puo` essere trovato nello studio di quelle cose che fanno parte del mistero, si`, dell’Egitto, ma applicate agli insegnamenti di Lui che diede: “Venite da me, voi che siete deboli ed affaticati, e vi daro` ristoro; perche´ il mio giogo e` leggero per coloro che mi amano, e` il mio fardello e` leggero se amate il Signore. Venite - e trovate ristoro per le vostre anime.” E questo vale per ogni anima che cerca di conoscerLo faccia a faccia. 590-1 F.52 6/19/34
Mentre tempeste e prove sono necessarie per ogni anima, come vediamo manifestato nella natura, soltanto nella contentezza si manifesta la crescita. Non contentezza fino al punto della soddisfazione, perche´ una mente o un’anima soddisfatta smette di cercare. Ma soltanto nella contentezza puo` ricevere e dare. Nel dare un’anima cresce, proprio come un albero, proprio come una roccia, come un tramonto, come un mondo cresce nella sua influenza su cio` che ha intorno. Cosi` e` cresciuta quella forza che troviamo manifesta sulla terra, che veneriamo come influenza costruttiva di Dio, rispetto allo scopo saggio in tutto, o rispetto allo Spirito Santo, o rispetto a quelle influenze che rendono vivo nel dare, nel rendersi manifesto. Cosi` siete degli dei in via di formazione, disse Colui che cammino` fra gli uomini come il piu` grande insegnante di tutte le esperienze e epoche. 699-1 M.34 10/18/34
Conosci te stessa! E allora potrai conoscere i rapporti piu` importanti che ogni emozione porta nella tua esperienza.
Quando sei assalita dalla rabbia, ti sei fermata a considerare che cosa il frutto di parole dure avrebbe portato? Non hai piuttosto detto, “Si`, io perdono, ma non posso dimenticare. Si`, non me ne voglio ricordare, ma non mi ricordare che cosa hai fatto.”
Come e` stato dato? Se vuoi essere perdonata, devi perdonare. Se vuoi conoscere l’amore, devi
essere amorevole. Se vuoi avere la vita, dalla! Che cosa e` la vita? Dio! - nell’azione con il tuo prossimo!
Questo comporta anche un desiderio per espressioni del se´ in molti campi di attivita`, nel mentale, nel sociale, nella casa, nei ragionamenti e negli ambienti economici. Si`, tutti questi possono essere riassunti, “Appartengo al Signore. Voglio che la Sua volonta` mi diriga; e voglio fare cio` che e` in armonia, non con cio` che altri pensano, non con cio` che altri hanno detto, ma con cio` che io so ! Io sono il mio ideale, il Cristo - cio` che Egli vuole che io dica, e sia, e faccia!”
Cosi` l’entita` puo` trovare nella monotonia delle sue associazioni, nelle prove e nelle attenzioni di altri, davvero quel canto che puo` essere nel cuore e nella mente e sulle labbra di ogni anima, “Egli cammina e parla con me. Va con me in giardino, nelle mie gioie, nei miei dispiaceri. Tiene le mie mani, i miei piedi costanti nel mio servizio ai miei cari, ai miei amici, ai miei nemici; perche´ anche loro sono Suoi. E in me possono vedere che Egli cammina e parla con me.” 793-2 F.53 8/27/36
D- Visto che l’anima di ogni individuo fa parte dell’Unica Anima, la Grande Anima, o cio` che Emerson chiama “La Superanima” - perche´ allora i suoi impulsi non vengono uditi chiaramente e singolarmente in ognuno di noi? E che cosa si intende con le parole “una lezione dell’anima” - come se l’anima, invece di essere la nostra guida e il nostro destino, avesse bisogno di lezioni dal se´, l’entita` incarnata?
R- Questo, per comprendere perfettamente, potrebbe richiedere tutto questo periodo per l’interpretazione. Ma l’entita` dimentica che Dio, la Forza Creatrice, nel creare le anime - con gli attributi della “superanima” o l’Uno - ha dotato ogni anima con il libero arbitrio, nel suo movimento attraverso tempo e spazio - essendo quindi dotata di una coscienza in qualsiasi dimensione di manifestazione l’anima si muova in quel periodo di espressione.
Dio, la prima Causa, non ha voluto che alcuna anima perisca, e ha con ogni tentazione dato una via, un mezzo di fuga. L’entita` o anima, in ogni dato periodo di tempo di manifestazione nello spazio, puo` usare quegli attributi di quella fase della sua coscienza in qualunque regno essa si muova, a seconda dei dettami di cio` che la spinge - attraverso la sua volonta`.
Se l’anima si tenesse in ogni momento, in tutte le manifestazioni, in accordo perfetto, o legge, con la “superanima”, o la Prima Causa, o l’Anima da cui proviene, allora ci sarebbe soltanto un’unita` continua con la prima Causa.
Ma quando un’entita`, un’anima, usa un periodo di manifestazione - in qualunque regno di coscienza - per il proprio appagamento, allora c’e` bisogno di una lezione, o che l’anima comprenda o interpreti, o diventi consapevole dell’errore dei suoi modi di agire.
Quale, allora, fu la prima causa di questa consapevolezza? Fu il mangiare, il prendere parte, della conoscenza; conoscenza senza saggezza - o cio` che puo` portare piacere, soddisfazione, gratificazione - non dell’anima ma delle fasi di espressione in quel regno in cui la manifestazione fu data. Cosi` nelle fasi tridimensionali della coscienza tali manifestazioni diventano piacevoli per l’occhio, piacevoli per gli appetiti del corpo. Cosi` l’interpretazione dell’esperienza, o di quella prima consapevolezza di deviazione dalla legge divina, viene data nella forma di mangiare dell’albero della conoscenza...
D- Trovate che io stia costruendo un’esperienza in questa incarnazione che sia troppo limitata al pensiero, e troppo poco espressa nell’azione?
R- Chi mi ha reso giudice, dice il Signore? Hai ricevuto la capacita`, nella tua anima, nella tua mente, ed essa puo` trovare espressione nel corpo - se studi i modi di Dio, non i modi dell’uomo. Perche´ ognuno nella legge spirituale diventa un mondo a se´. Se renderai questo compatibile con le Sue regole, il Suo amore non manchera` mai, e la merce´ del Signore durera` per sempre.
D- Ci sono degli esercizi che potete darmi per lo sviluppo della mia facolta` di intuizione?
R- Molto si potrebbe dare, ma per ora non ne sei molto pronto. Dapprima trova la tua relazione con il tuo Creatore. Questo lo puoi trovare probabilmente al meglio interpretando per la tua stessa esperienza il 30° del Deuteronomio, il 14°, 15°, 16° e 17° di Giovanni; sapendo, quando leggi queste cose, che e` a te, a te stesso [815] che si sta parlando - per mezzo dello spirito di verita` che vi
viene espresso. Non nelle sole parole che vengono dette, bensi` nello spirito che ha mosso quelle entita` nel dare espressione al rapporto individuale dell’anima dell’uomo con Dio.
Come trovi questi? Che tipo di esercizio? Dapprima - cercare! Poi - l’applicazione per conoscere il se´. Quindi - nella sua espressione e nei suoi rapporti con gli altri. Perche´ come fai all’ultimo delle tue conoscenze passeggere, lo fai al tuo Creatore. E quando avrai studiato questo saprai la verita`, e la verita` che ti liberera` da quelle cose terrene; e non per quanto riguarda i legami materiali ma la liberta` mentale e spirituale in Lui che e` la via, la verita` e la luce.
Sappi che questo puo` essere valido in questo rapporto con te stesso: corpo, mente, anima; Padre, Figlio, Spirito Santo. Questi testimoniano uno per l’altro. Perche´ “Il mio Spirito - dice il Signore - testimonia per il tuo spirito, che siate figli di Dio o no.” E ad ognuno che cerca Egli da` il potere per diventare il figlio di Dio! Perche´ tu sei di Colui che veneri! 815-7 M.39 12/3/42
L’immobilita` non esiste. O si progredisce o si rallenta, e chi non usa ogni mezzo per svilupparsi e per giungere ad una migliore comprensione di come usare cio` che ha in mano rallenta. Chi si applica nella maniera dello schema stabilito nel materiale lo trova soltanto magnificato nella coscienza spirituale, chiaro? 900-309 M.31 3/28/27
Applicati, nelle tue associazioni con gli altri, tanto da rendere ogni rapporto qualcosa per cui sperare, qualcosa da migliorare, per il fatto stesso che gli individui sanno, partecipando alle attivita` dell’entita` ...
Perche´ il tentativo - il tentativo - e` la rettitudine nella materialita`. Perche´ Dio guarda lo scopo e non come l’uomo conta la rettitudine. 880-2 F.52 11/1/37
Perche´ ogni anima deve imparare a tenersi lontano da quelle cose come decidere di fare a modo suo, senza rispetto delle idee e degli ideali e delle esperienze di altri. Allora si crea (facendo cosi`) una barriera, finche´ questo non abbia portato cio` che puo` essere chiamato nelle esperienze degli altri non come apertura mentale - piuttosto come cio` che consente la tolleranza; sapendo che c’e` tanto di buono nella vita di ogni singola anima che tenta in ogni maniera di dare espressione di se stessa, dato che i suoi ideali vengono manifestati nella sua vita, che essa ne sia consapevole o meno. 1193- 1 F.15 4/30/36
Perche´ ogni anima affronta continuamente se stessa, e solo il se´ puo` separare la comprensione dalle Forze Creatrici che portano armonia, gioia, pace, si`, felicita` nell’esperienza di ogni anima - se soltanto si vuole accordare per essere buona per qualcosa, piuttosto che essere soltanto buona o soltanto andando avanti guadagnando o prendendo - o con i “dammi” da tutte le associazioni e attivita`...
Impara la pazienza se vuoi avere la comprensione, se vuoi avere armonia e grazia in questa esperienza! “Perche´ nella pazienza possedete la vostra anima.” E’ quando gli individui sono diventati impazienti e desiderano la loro propria volonta` o desiderano la loro espressione o desiderano che essi come individui vengano sentiti, che essi vengono sempre meno nella loro stretta associazione con il Divino - e sempre di piu` di cio` che e` umano e animalesco si manifesta. Questo e` un potere, senza dubbio, ma carico di egotismo diventa un potere distruttivo.
E il cattivo e` soltanto il bene andato male o il bene che si allontana da Dio. 1201-2 F.31 12/14/36
D- Qualche consiglio per questo corpo, o fisico o spirituale?
R- Si dovrebbe tenere, senza dubbio, un atteggiamento costruttivo, pieno di speranza rispetto al proprio benessere materiale e fisico, nonche´ nella propria applicazione spirituale e negli atteggiamenti spirituali. Perche´ ogni anima dovrebbe raggiungere quella comprensione che, qualunque sia l’esperienza, se non c’e` risentimento, se non c’e` contesa, se non c’e` offesa, e` allora per la comprensione propria dell’anima e costruira` nella coscienza dell’anima cio` che puo` portare la comprensione maggiore dello spirituale nel corpo fisico.
Quindi la tua preghiera, la meditazione, sia sempre:
“Eccomi qui, Signore. Tu conosci i miei sbagli, conosci le mie debolezze: ma sono Tuo, e vorresti usarmi per cio` che Ti sembro adatto. La Tua volonta`, Oh Dio, sia fatta in me e attraverso di me, a tal punto che io possa essere un canale di benedizioni per gli altri. Perche´ come io perdono, possa io essere perdonato. Come benedico possa io essere benedetto dal Tuo amore e dalla Tua presenza. “Quindi tienimi sulla via, nel corpo, nella mente, nello spirito, che dovrei percorrere.”
1242-6 M.40 11/30/36
Perche´ ogni entita` sulla terra e` cio` che e` per quello che e` stata! E ogni momento dipende da un altro momento. Cosi` un soggiorno sulla terra, come indicato, e` come una lezione nella scuola della vita e dell’esperienza. Proprio come lo si puo` illustrare in quanto ogni entita`, ogni entita`-anima, e` come un corpuscolo nel corpo di Dio - se una tale entita` si e` applicata in tal modo da essere una forza utile e non una forza ribelle... 2823-3 F.34 1/8/44
Cio` che e` in armonia con la legge delle Forze Creatrici, o energie, si sviluppa. Cio` che e` soltanto del se´, l’aumento di prestigio del se´, la compiacenza di se´, rallenta.
2329-1 F.41 8/23/40
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza