Site Logo
venerdì 20 maggio 2022

Cayce e la mitologia

La mitologia ha ricevuto nuova vita fra gli scienziati dalla scoperta
archeologica dei resti fisici della città mitica di Troia. Quella scoperta
ha cambiato tutto. Il classico di Omero, l’Iliade, che racconta di una
grande guerra fra Grecia e Troia, diventò storia concreta! E’ possibile
che i miti abbiano qualche realtà nella preistoria? Edgar Cayce lascia
intendere proprio questo.
Nelle letture di Cayce troviamo una prospettiva stranamente storica
di storie e personaggi mitologici. Per esempio, Cayce fece davvero
una lettura sulle vite passate per la reincarnazione del
semidio greco (in parte dio, in parte umano) Achille, un eroe
della guerra di Troia nell’Iliade di Omero. Chi avrebbe mai
pensato che Achille fosse una persona reale? E chi avrebbe
mai preso in considerazione l’idea che avrebbe potuto
reincarnarsi? La madre di Achille fu la dea Thetis che lo rese
invincibile. Fece questo immergendo il ragazzo nel fiume Stige, ma lo
tenne per il tallone che non ricevette la protezione di invincibilità del
fiume. Così una freccia che colpì il suo tallone ferì Achille mortalmente.
Siccome era invulnerabile ovunque eccetto nel tallone, il
termine tallone d’Achille ha finito per significare la debolezza di una
persona. La lettura di Cayce aggiunge ulteriori dettagli, dicendo
all’Achille reincarnato che la ferita apparentemente lieve nel suo
tallone divenne cancrenosa, si estese in tutto il corpo e portò alla
morte l’eroe altrimenti invincibile. (900-63)
In un’altra lettura di Cayce abbiamo la reincarnazione
di Romolo(Romulus) che, secondo il mito sulla fondazione di Roma, fu
il fondatore della città di Roma, dando ad essa il suo nome. Secondo il
mito, Romolo e Remo (Remus) furono generati dagli dei e
poi allattati da una lupa. La discendenza di Romolo risale ad
Afrodite, la dea-madre del principe troiano Enea, che
generò il nonno di Romolo, re Numitore. Cayce ebbe questo
da dire al Romolo reincarnato: “Nella vita prima di questa la
troviamo nell’entità Romolo, che aiutò nella costruzione di ciò che ora
è nota come Roma. L’entità perse e guadagnò in quel periodo, poiché
con i lavori arrivò il successo e col successo arrivò l’affermazione della
sua potenza, che portò l’entità alla sopraffazione degli altri. Quanto
alla spinta interiore attuale troviamo che l’entità non sia in grado di
approvare, sopportare o tollerare la sopraffazione in qualunque modo
o forma, sia nel regno animale, minerale o vegetale.” (5618-8) Sembra
che Romolo stesse imparando dagli errori commessi nelle vite passate.
E’ possibile che, in passato, ci sia stato un tempo in cui esistessero
dei e dee, uomini e donne, bestie e strane creature? La Genesi 6
afferma: “In quel tempo c’erano sulla terra i giganti, e ci furono anche
di poi, quando i figliuoli di Dio si accostarono alle figliuole degli
uomini, e queste fecero loro de’ figliuoli. Essi sono gli uomini potenti
che, fin dai tempi antichi, sono stati famosi.” (Genesi 6,4) Cayce
vedeva questo e di più nelle sue letture sulle vite passate: “In quella
particolare esperienza ci furono ancora quelli che erano fisicamente
invischiati nel regno animale con appendici, con zoccoli caprini, con
quattro gambe, con parti di alberi, con le code, con squame, con quelle
varie cose in cui le forme pensiero (o il male) si erano lasciate andare
a tal punto da separarsi dallo scopo della creazione di Dio dell’uomo,
come uomo – non come animale ma come uomo.” (2072-8, il
commento parentetico di Cayce)
Le mitologie in tutte le culture parlano di una terribile lotta fra il bene
e il male: fra guerrieri e coltivatori, fra chi usa violenza, terrore e
potere per soddisfare le proprie necessità e chi invece coltiva, crea e
coopera. Anche nelle letture di Cayce sul mondo antico e su Atlantide,
con i Figli della Legge dell’Uno contro i cattivi Figli di Belial
troviamo questo tema.
Nelle storie mitologiche c’è il segreto della nostra psiche individuale
e collettiva, la sua storia e le forze che danno forma al suo destino.
Come un bambino che ascolta una fiaba della buonanotte, non è tanto
la trama, bensì il mistero semicosciente che percepiamo quando la
sentiamo e ci fa desiderare di dormirci sopra, cercando nel tempo del
sogno, sperando di toccare la verità di chi siamo e di quello che è la
vita.
Venture Inward, ottobre-dicembre 2011
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza