Site Logo
martedì 23 aprile 2019

La cura con l'oro via bocca

La cura con l’oro via bocca
L’oro è un elemento che si trova in molte cure nelle letture di
Cayce, specialmente quelle per le malattie del sistema ghiandolare e
nervoso. Queste disturbi vanno dalla sclerosi multipla e l’artrite
reumatoide al morbo di Alzheimer e la depressione. Tipicamente le
letture prescrivono il cloruro d’oro per usarlo nel “vaso di soluzione”
della batteria a pile umide, un contenitore inserito nel circuito che
contiene una sostanza le cui vibrazioni vengono trasportate nel corpo.
Sono meno conosciute le oltre 140 letture in cui Cayce raccomandò
di assumere il cloruro d’oro via bocca in piccolissime quantità. L’oro
via bocca fu prescritto per la stessa varietà di malattie quanto l’oro
vibrazionale, ma meno frequentemente. Sembra che l’oro via bocca sia
un medicamento più forte, ma non è chiaro perché le letture lo
raccomandassero meno spesso. Una prescrizione tipica di Cayce fu di
preparare una soluzione di un grano per oncia di cloruro d’oro la
stessa concentrazione usata per la batteria a pile umide), e una
seconda soluzione di due grani per oncia di bicarbonato di sodio o
bromuro di sodio. Una volta o due al giorno, secondo le istruzioni, si
dovevano miscelare una goccia di soluzione d’oro e due gocce della
soluzione di bicarbonato di sodio in un bicchiere d’acqua e berlo
subito. Esistono molte varianti di questo schema di base.
Nella medicina convenzionale i farmaci contenenti oro vengono usati
soprattutto come cura per l’artrite reumatoide, e di tanto in tanto per
altri disturbi autoimmuni. Presentati per la prima volta nel 1929,
questi farmaci contengono oro in una molecola organica con zolfo. Uno
di questi farmaci, l’auranofin, può essere assunto via bocca. Tuttavia
questi farmaci aurici sono spesso piuttosto tossici. Gli effetti collaterali
possono variare dal prurito della pelle alla morte per insufficienza
renale o epatica.
Storicamente l’oro è stato usato in modo molto più ampio. Il cloruro
d’oro era un componente della “cura di Keeley”, un trattamento ben
conosciuto per l’alcolismo alla fine dell’800 (anche le letture
raccomandano l’oro nel trattamento dell’alcolismo). I libri di medicina
dalla fine dell’800 all’inizio del 900 menzionano il cloruro d’oro come
terapia per varie condizioni, identificandolo a volte come “nervino”,
una terapia per disturbi del sistema nervoso. La prima edizione del
Merck Manual, pubblicato nel 1899, si riferisce al cloruro d’oro come
trattamento per la tubercolosi e il lupus, e al bromuro d’oro come cura
per l’epilessia e l’emicrania. Inoltre il Merck Manua elenca l’oro sotto
gli afrodisiaci!
Sorprendentemente poco lavoro è stato fatto sul ruolo dell’oro come
sostanza naturale esistente nel corpo umano. La pubblicazione
scientifica recente più interessante è uno studio di A. El-Yazigi, un
ricercatore dell’Arabia Saudita. Esaminò la concentrazione di oro ed
argento nel fluido cerebrospinale di pazienti affetti da tumori al
cervello. Scoprì che le concentrazioni di argento erano fortemente
aumentate nei pazienti con tumori maligni. Stranamente, benché non
ci fosse alcuna relazione logica fra oro e tumori rispetto ai soggetti di
controllo, per il singolo paziente affetto da pinealoblastoma la
concentrazione di oro era circa due volte la concentrazione per i
soggetti di controllo o per altri tipi di tumore. Siccome la ghiandola
pineale ha un ruolo così importante nello schema di Cayce, vale la
pena esplorare questa scoperta.
Sebbene oggigiorno il cloruro d’oro non sia solitamente usato, ci
sono dei rapporti interessanti sugli effetti di un’altra forma di oro, l’oro
colloidale: consiste di particelle molti fini di metallo d’oro. Guy
Abraham, un medico della California, ha dimostrato che l’oro colloidale
sia una cura efficace per l’artrite reumatoide, senza la tossicità dei
farmaci a base di oro organico. In un altro studio di Abraham e dei suoi
colleghi, si dimostrò che l’oro colloidale sia utile per migliorare la
prestazione mentale, portando il QI ad aumentare del 20%! Ciò
concorda certo con l’importanza che Cayce dava all’utilità dell’oro per
ricostruire il sistema nervoso.
Due persone ci hanno raccontato la loro esperienza con l’uso del
cloruro d’oro via bocca. Una, un uomo sulla quarantina affetto da
depressione, trovò che il cloruro d’oro cambiava positivamente il suo
stato d’anima, paragonabile agli antidepressivi. Un’altra, una donna
sulla sessantina affetta da tremore essenziale, un problema
neurologico, ebbe una remissione effettiva con la terapia con l’oro via
bocca. In entrambi i casi, la sospensione della cura con l’oro dopo
alcune settimane portò alla ricomparsa dei sintomi. Bastava continuare
ad assumere la cura per avere un miglioramento.
Per il momento siamo cauti riguardo al cloruro d’oro a causa
dell’incertezza sulla sicurezza, ma siamo entusiastici per le possibilità
di guarigione. Nelle piccolissime dosi raccomandate da Cayce (meno di
un ventesimo della dose giornaliera tipica di oro per l’artrite) vi è
probabilmente poca tossicità, ma nulla si sa sugli effetti di un uso a
lungo termine.
Riferimenti:
Abraham, G. E., & Himmel, P. B. (1997). Management of rheumatoid
arthritis: rationale for the use of colloidal metallic gold. Journal of
Nutritional and Environmental Medicine, 7(7), 295-305.
Abraham, G. E., McReynolds, S. A., & Dill, J. S. (1998). Effect of
colloidal metallic gold on cognitive functions: A pilot study. Frontier
Perspectives, 7(2), 39-41.
El-Yazigi, A., Al-Saleh, I., & Al-Mefty, O. (1984). Concentrations of Ag,
Au, Bi, Cd, Cu, Pb, Sb, and Se in cerebrospinal fluid of patients with
cerebral neoplasms. Clinical Chemistry, 30, 1358-1360.
Merck's Manual of the Materia Medica. (1899). NewYork:Merck&Co.

Da: Meridian Institute News, Vol. 3, n. 3, maggio 1999.]

Disclaimer: Le informazioni contenute in questa sezione sono destinate alla crescita e allo
sviluppo personali e non devono essere considerate come guida all'auto diagnosi o
all'autotrattamento. Per qualsiasi problema medico Vi preghiamo di consultare un medico.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza