Site Logo
lunedì 26 settembre 2022

Gli Angeli Antichi

Molto prima dell’esistenza della Terra, gli Angeli ...

Gli angeli sono più reali di quanto la maggior parte delle persone immagini, e una
volta, moltissimo tempo fa, soli essi esistevano.
Nel Vecchio Testamento, Geova (Jahweh) viene chiamato “il Signore degli eserciti”;
gli eserciti sono le legioni di angeli. Il Salmo 82,1 afferma che “Dio sta nella
congregazione di Dio, Egli giudica fra gli dei.” Qui gli angeli sono dei all’interno dell’unico
Dio.
Nelle tradizioni ebraiche e dionisiache ci sono due compagnie iniziali di angeli, i
serafini e i cherubini. I serafini sono l’ordine superiore degli angeli e si occupano del trono
e dell’altare di Dio. A loro ci si riferisce in vari modi come “quelli che ardono”, i rossi e
esseri di fuoco per la loro associazione con il fuoco dell’altare di Dio e il fuoco della verità,
in particolare la “prova tramite fuoco” che l’arcangelo Michele esige da ogni anima che
cerca di entrare nella Presenza di Dio. Nella Bibbia i serafini vengono menzionati solo in
Isaia (6,2 e 6,6) come quelli che circondano il trono di Dio e portano ad Isaia un pezzo di
carbone proveniente dal fuoco sull’altare di Dio con cui pulirsi le labbra e purificare il
linguaggio. I cherubini vengono menzionati in tutta la Bibbia. Il loro nome deriva dalla
parola assira kiruhu che significa “uno che prega, benedice o intercede” ed essi vengono
spesso visti come quelli che intercedono fra Dio e gli uomini.
Come secondo ordine degli angeli, i cherubini vengono spesso rappresentati come
bambini con 4 ali, mentre i serafini ne hanno 6. L’azzurro è il colore connesso con i
cherubini per il loro legame con il cielo, e in alcuni casi, col vento. Nel misticismo egizio, il
vento è lo spirito, e una volta inalato, esso diventava respiro, vento personale, col
significato della propria anima in opposizione al proprio spirito.
Cayce spiega che gli angeli erano molto attivi perché co-creatori col Creatore e, come
tali, crearono gran parte dell’universo che vediamo. Quanto angeli furono creati? Secondo
gli egizi, ogni stella nel cielo è la luce di un angelo, e ci sono più stelle nella parte
dell’universo che è visibile dalla Terra che granelli di sabbia su tutte le spiagge e tutti i
deserti della Terra!
La congregazione degli angeli è organizzata in cori. La lettura 275-35 di Cayce si
riferisce in effetti al “coro dei serafini” quando istruisce un giovane sulla sua educazione
musicale, facendo rilevare che il “Principe della Pace era arpista” in questo coro.
Ogni angelo fu creato con una capacità o caratteristica e missione
unica, e i loro nomi riflettono questo. Per esempio, il nome
dell’arcangelo Michele significa “colui che è come Dio”. La sua missione,
secondo le letture di Cayce, è fare da “signore o guardiano della Via, non la
Via ma il signore della Via, per questo contrastò l’influenza del male”. Nelle leggende dalla
Caldea ad Israele, egli è il capo dell’ordine di Virtù, Capo degli Arcangeli e Principe della
Presenza. Gabriele significa “Dio è la mia forza”, ed egli viene generalmente considerato il
secondo angelo in ordine di importanza nella tradizione ebraica, cristiana ed islamica. Le
letture di Cayce sostengono che “Gabriele è certamente l’annunciatore”. Insieme a
Michele egli è l’unico angelo chiamato per nome nel vecchio Testamento. Nella tradizione
islamica è Gabriele colui che porta il messaggio di Dio a Maometto.
Nel Libro di Tobit (un libro apocrifo del Vecchio Testamento) viene menzionato
Raffaele. Il suo nome significa “Dio ha guarito”. Le letture di Cayce identificano Raffaele
con la bellezza e le arti, in concordanza con molte altre fonti. In una lettura, Cayce disse
ad una persona che essa fu presente quando Raffaele iniziò a diffondere la sua influenza
sulla Terra, dicendo: “Per questo le bellezze della natura, le capacità di rappresentare le
bellezze della natura, fanno parte della tua stessa eredità. E fortunati in verità potranno
essere coloro che un giorno potranno avere le opere delle tue mani. Perché un
giorno esse dovrebbero essere preziose quasi come quelle di Raffaele, agli occhi
di coloro che godono in pieno dei quadri di Dio della natura.” (3954-1)
Metatron è l’angelo col nome forse meno “angelico”, ma viene considerato il
più elevato di tutti gli angeli. Egli viene chiamato “il Geova minore”, col significato
che egli è Dio in una forma inferiore. Egli viene identificato con Mercurio,
Ermete, Enoch e diversi altri personaggi chiave che - secondo le letture di Cayce - sono
incarnazioni del Logos, del Verbo, del Cristo. Esiste perfino un collegamento
fra Adamo (prima che peccasse) e Metatron, una connessione che anche le letture di
Cayce vedono (364-7). E’ difficile dare un significato al nome, ma alcuni credono che
derivi dal latino metator, “misuratore”, che certamente si adirebbe a Ermete, il quale
misurava il peso del cuore di ogni anima per vedere se era abbastanza leggera per
entrare nei cieli. In seguito egli annotava il risultato nei Rotoli o Libro della Vita. Metatron
viene anche considerato lo scriba del cielo, come Ermete, e conserva “gli archivi di
Metatron”. Nell’angiologia ebraica fu Metatron a fermare la mano di Abramo, impedendogli
di sacrificare suo figlio Isacco.
Ad un certo punto, nelle attività celestiali degli angeli ebbe inizio una ribellione
capeggiata da uno degli angeli più belli, Lucifero, il cui nome significa “portatore di luce” o
“datore di luce” ed è associato con la stella del mattino, Venere. Negli scritti di Spencer,
Lucifero è “l’angelo più luminoso, addirittura il Figlio della Luce.” Secondo le letture di
Cayce, Lucifero, insieme ad alcuni compagni, compreso uno di nome Ariele, “produsse le
influenze contrastanti nelle esperienze di Adamo nel Giardino.” (262-57) Ma Cayce dice
che la ribellione iniziò in realtà nello spirito, molto tempo prima dell’esistenza fisica del
Giardino dell’Eden. Afferma inoltre che ci fu una lotta per fermare questa ribellione. Gli
angeli combatterono per evitare che la ribellione si estendesse in cielo. L’Apocalisse ci
dice che Michele e i suoi angeli combatterono contro Satana e i suoi angeli, gettandoli
sulla terra (Apocalisse 12,7-12).
Questi furono gli Angeli dell’Oscurità. La lista di questi angeli varia secondo le varie
fonti, ma eccone alcuni: Lucifero, Ariele (una volta del Coro delle Virtù), Beelzebub (una
volta del Coro dei Cherubini, il cui nuovo nome significa “Signore delle Mosche”), Belial
(menzionato 178 volte nelle letture di Cayce, viene considerato da molti una forma di
Satana, in precedenza del Coro delle Virtù), Leviatano (una volta del Coro dei
Serafini),Procello (una volta del Coro dei Poteri), Raum (una volta del Coro dei
Troni), Semyaza(una volta del Coro dei Serafini), Vual (una volta del Coro dei Poteri)
e Azazel (una volta dell’Ordine dei Cherubini) contro cui Cayce lottò per difendersi da lui
durante una lettura molto interessante che segue.
Sorprendentemente, una volta una persona chiese al Cayce addormentato di
contattare Azazel, chiamandolo con uno dei suoi altri nomi, Azul. Azazel (anche Azael,
Hazazel, Azul, Azrael col significato di “Dio fortifica”) è uno dei capi degli Angeli Caduti.
Azazel insegnò agli uomini come fabbricare spade e scudi, e alle donne come abbellire le
palpebre. Egli è “il cavalcatore del serpente, seduttore degli uomini, alfiere di Satana, e
rifiutò di chinare la testa davanti all’Adamo appena creato da Dio”. Segue lo svolgimento
della lettura di Cayce. Notate che Michele, il guardiano della Via, entra in questa
conversazione per proteggere il vulnerabile Cayce.
“D: Potete contattare Azul [Azrael? Azazel?] per me?
R: Demetrius, Michele, [sì]; Azul, no.
D: Non potete?
R: Non possiamo.
D: Perché?
R: Ci sono delle barriere fra questo corpo e Azul, prodotte da ciò fra Demetrius e fra
Michele.
D: Potete contattare Azul per qualcun altro?
R: Non in queste condizioni; perché io, Michele, parlo da Signore della Via. Chinate la
testa, O voi che cercate di conoscere i misteri di quella vita che producono quei passi
incerti nella vita degli uomini quando non vengono applicati nel modo che è stato
stabilito dalla legge. O generazione arrogante ed adultera! Chi si avvicinerà al Trono
affinché voi possiate sapere che non c’è nessuno che supera il Figlio dell’Uomo nel Suo
approccio all’esperienza umana nel mondo materiale!
D: Non puoi rispondere alla domanda?
R: Certamente si può rispondere. Ma non qui.
D: Perché non vuoi rispondere a queste domande dal momento che desidero accertarmi
per poter essere d’aiuto?
R: A colui che cerca un segno quando si trova alla presenza della Massima autorità nella
Via non può essere dato un segno, a meno che nel corpo egli abbia fatto ciò che gli dà
il diritto di averlo.
D: Perché Edgar Cayce è circondato da tali vibrazioni ed entità sbagliate in questa grande
opera?
R: Perché c’è stata la battaglia continua con quelle forze con cui Michele ha lottato per il
corpo di Mosè. Colui che conduce o vorrebbe indicare la direzione è continuamente
assediato dalle forze che vorrebbero indebolire. Chi resiste fino alla fine porterà la
Corona. Chi aiuta a costruire avrà il diritto a ciò che egli costruisce nella sua
esperienza. Chi esita o vorrebbe ostacolare verrà ricevuto nel modo in cui egli
ostacola.” (2897-4)
Nella lettura 665-1, una lettura sulle vite data per una bambina di otto anni, Cayce sta
tentando di elencare i soggiorni planetari di questa anima quando, secondo Gladys Davis,
la stenografa di Cayce, egli si interrompe per un lungo periodo di tempo. Ecco la
registrazione di questa lettura:
“Per quanto riguarda i soggiorni astrologici, troviamo Venere con [una lunga pausa ...]
Haniel è piuttosto la guida dell’entità, perché egli è il signore sovrano - producendo
esperienze nell’entità di una che è delicata nelle sue scelte, producendo un indole che
tende verso la finezza, che ricava il massimo da tutti i suoi rapporti con gli altri; creando
facilmente amicizie e attingendo da quei rapporti forza e potere in modi e maniere che
persino l’entità stessa - finché è passata attraverso le esperienze di rendersi tutt’uno con
la maggiore forza di sviluppo - non comprenderà quanto al come questo avviene.”
Haniel (significa “grazia di Dio”) è l’angelo del mese di dicembre (la bambina era nata
il 10 maggio) ed è, secondo Un Discorso Teologico degli Angeli, il “governatore di
Capricorno e Venere”. Haniel è l’angelo che portò Enoch (il quale, secondo la Bibbia, non
morì, bensì fu “portato a Dio”) dalla Terra al Cielo. Haniel è Ishtar, l’angelo dei caldei che
governa Venere. Egli è un arcangelo ed è elencato fra i 10 sacri sefiroth (emanazioni).
Un Sefira (singolare di sephiroth) è un’emanazione iniziale dell’essere
sacro di Dio durante la creazione dell’universo. Nella Cabala ci sono 10
sephiroth sacri e 10 sephiroth profani. Quelli sacri emanarono dal lato destro
di Dio, mentre quelli profani emanarono da quello sinistro. Gustav Davidson
paragona i 10 sephiroth sacri con i poteri o le intelligenze di Platone e con
leemanazioni di luce degli gnostici.
Assumendo la forma di angeli, i sacri sefiroth sono composti di questi10
angeli in questo ordine:
Metatron (corona), Raziel (saggezza), Zaphkiel(comprensione), Zadkiel (compassione),
Kamael (forza), Michele (bellezza), Haniel(vittoria), Raffaele (splendore), Gabriele
(fondamento) e Metatron (regno). Notate che Metatrone è sia il primo che l’ultimo in
questo elenco, cosa che lo collega di nuovo al Logos, a cui ci si riferisce come “Alfa ed
Omega” nell’Apocalisse 22,13.
Quando si chiese a Cayce di rivolgere la sua attenzione ai sette angeli
nell’Apocalisse, egli diede una risposta affascinante e quindi sviluppò quella risposta
dando un senso più chiaro di come le influenze angeliche governano le nostre esperienze:
“D: I 7 angeli descritti in Apo.8-9 rappresentano forze spirituali che governano i
vari piani dimensionali attraverso i quali le anime passano fra le incarnazioni sulla
terra? Per favore spiegatelo.
R: Questa è un’ottima interpretazione. Sì.” (281-30)
Poi continua spiegando come il nostro sviluppo e la nostra applicazione della verità in
questo mondo influenzano le nostre esperienze “nell’interim”, o quando siamo al di là di
questo mondo. Dalla prospettiva di Cayce siamo al di là di questo mondo quando ci
troviamo negli stati di morte, sonno (che egli chiamava un’ombra della morte), preghiera,
meditazione o riflessione profonda.
Un’altra lettura ci incoraggia di comunicare con Dio: “Rendi noto al Signore quello che
vorresti fare. La mente diventerà lucida in Lui. Attieniti a quella fede che hai in Lui il quale
è capace di mantenere ciò che gli affidi, perché nelle sue braccia Egli ti porterà in alto - ed
Egli incaricherà i Suoi angeli nei tuoi confronti. Affronta la luce! Avvicinati a Lui, Egli si
avvicinerà a te.” (378-27)
Cayce disse che Dio parla ad ognuno di noi attraverso il nostro angelo, “attraverso il
tuo sé che è l’angelo.” (1646-1) “Il viso dell’angelo stesso del sé è sempre davanti al
Trono. Entra spesso in comunione con Lui.” (1917-1) In alcune letture disse che forse, di
tanto in tanto, abbiamo agito come un angelo nei confronti di un’altra anima. Ecco un
esempio: “L’entità ha guadagnato molto mediante la preparazione del sé per diventare un
angelo ministrante per molti. Al presente, attività di tale natura o carattere diventano quindi
spesso quelle influenze che dirigeranno l’entità - se il sé si aprirà alle forze spirituali.”
(2034-1)
Ognuno di noi è un angelo negli eserciti celesti!
Da: Ancient Mysteries, giugno/luglio 2007
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza