Site Logo
mercoledì 26 giugno 2019

Il Misterioso Ginseng

In oltre 130 letture Cayce esaltò le virtù terapeutiche del ginseng,
d’accordo con gli antichi che il ginseng è “la base di stimolazione della
vita nella sua vera essenza nel corpo dell’uomo.” (636-1) Un’altra
lettura è ancora più esplicita nel descrivere la vitalità di questa pianta:
“Il Ginseng selvatico il quale è come un’essenza del flusso della vitalità
all’interno del sistema stesso. E’ un’elettrificazione delle stesse forze
vitali.” (404-4) Una lettura (5596-1) fece notare che il ginseng agisce
sulle ghiandole del corpo, specialmente sulla ghiandola pineale.
In aggiunta alle sue qualità rinforzanti per la vitalità, Edgar Cayce
raccomandò la radice del ginseng selvatico come stimolante per tutto il
sistema ghiandolare e digerente. In combinazione con zenzero e
pepsina lattata, il ginseng veniva anche comunemente raccomandato
per colite e problemi intestinali. Sebbene le letture non specificassero
l’origine nazionale (p.e. americano, cinese, coreano ecc.) troviamo
l’insistenza costante sul ginseng “selvatico”.
Informazioni sul Ginseng
Il nome ginseng deriva dalla parola cinese jen-shen che descrive la
forma della radice e significa “simile ad un uomo”. La radice a forma di
uomo o fuso produce un fusto con tre grandi foglie, ciascuna composta
da cinque foglioline dentellate. I fiori che fioriscono in giugno e luglio
sono piccoli e di colore verde-bianco e rosa chiaro. Nella tarda estate
essi producono delle bacche di un rosso vivace.
Il ginseng ha una storia lunga di popolarità in Cina, dove è stato
usato per secoli come panacea con proprietà che vantano di aumentare
longevità e vitalità. Nativo anche alle Americhe, il ginseng veniva
usato da certi tribù pelle rossa del nord America per alleviare la
nausea e come ingrediente nelle pozioni d’amore. Oggi il ginseng viene
usato ampiamente per accrescere forza e vitalità fisiche. Viene anche
usato per diminuire lo stress grazie alla sua reputazione di ridurre
fatica, depressione e ansia.
Il Ginseng Selvatico
L’insistenza di Cayce sul ginseng “selvatico” è coerente con l’antica
medicina cinese. Il pensiero cinese tradizionale è che le piante
selvatiche di crescita più lenta, le quali vengono raccolte ad un’età più
avanzata, assorbono maggiore forza vitale dall’ambiente naturale. Il
ginseng coltivato, che non ha bisogno di competere con altre piante
del terreno boscoso per le sostanze nutritive o per l’acqua, cresce
molto più in fretta e viene raccolto ad un’età minore prima di aver
accumulato il suo pieno potenziale vitale.
Questa teoria è sostenuta da ovvie differenze nell’aspetto. La radice
del ginseng selvatico è marrone scuro, relativamente piccola, leggera e
di aspetto nodoso con molti anelli concentrici di crescita che sono
forcuti (assomigliando alla forma umana). Tipicamente la radice del
ginseng selvatico ha un “collo” lungo.
Le radici coltivate sono color crema tendono ad essere grandi, lisce
e pesanti con una forma simile alla carota. Inoltre la varietà
addomesticata di solito ha un “collo” corto.
Il ginseng di coltivazione intensiva è vulnerabile alle malattie da
fungo che vengono controllate da un uso vigoroso di fungicidi. La
possibilità di residui di pesticidi nelle piante coltivate è una grande
preoccupazione per i consumatori consapevoli.
Integratori di Ginseng
Se pensate di usare il ginseng ecco alcuni consigli:
• Acquistatelo da fornitori di buona reputazione di integratori
dietetici.
• Scegliete preferibilmente il ginseng selvatico.
• Cosa più importante, osservate la vostra reazione a questa erba.
Fidatevi della vostra intuizione per quanto riguarda l’efficacia del
prodotto che avete acquistato.
• Attenzione alle possibili interazioni fra farmaci e ginseng.

True Health, settembre 2004

Disclaimer: Il contenuto di questa sezione è soltanto informazione e non dovrebbe essere considerato come guida
all’auto-diagnosi o all’auto-trattamento. Per ogni problema medico consultate un medico.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza