Site Logo
sabato 23 ottobre 2021

La Seconda Venuta

(Mark Thurston)
Il ritorno di Cristo è forse la più significativa di tutte le profezie
fatte nelle letture di Cayce. Era un argomento di profondo interesse
personale anche per Edgar Cayce. Questa lettura fu data per aiutarlo a
preparare il materiale per una conferenza programmata su questo
soggetto.
Si capisce che le letture di Cayce non sono soli nel cercare un così
grande evento. “Molti ... hanno predicato su questa Seconda Venuta.”
Ciò che è speciale in questa lettura sono alcuni dei suoi temi sul
significato del ritorno di Cristo.
Fate caso al modo insolito con cui comincia questa lettura. I
paragrafi 1-6 servono a Cayce come introduzione, come un maestro di
cerimonie che fa dei commenti preparatori prima di portare sul
palcoscenico il conferenziere previsto. Non è chiaro chi o che cosa sia
questo presentatore - qualche altro aspetto dell’anima stessa di Cayce,
un altro essere spirituale che momentaneamente parla attraverso il
corpo in trance di Cayce, o qualcun altro. In quella “introduzione” c’è
una definizione notevole per Cayce e la sua opera: “antesignano della
Coscienza Cristica”. Potremmo presumere che questo si riferisca sia
agli insegnamenti trovati nelle letture stesse, sia alla sensibilità
chiaroveggente che Cayce dimostrò.
Viene anche menzionato nell’introduzione il sogno visionario di
Cayce. Esso venne attraverso un’altra lettura fatta quella stessa
mattina (Vi sono molti esempi per questo fenomeno in cui un aspetto
della mente di Cayce dà una lettura, mentre un altro aspetto sta
sognando.). Nel sogno egli si trovò su un treno lussuoso con interni in
bianco e oro. In viaggio con lui c’erano diversi predicatori famosi del
Vangelo, tutti deceduti. Essi erano diretti in un luogo in cui Giovanni,
l’Amato Discepolo, avrebbe insegnato. Cayce chiese ad uno dei
predicatori se ricordasse Cayce. Il predicatore replicò - evidentemente
come referenza simbolica al fatto che Cayce era ancora vivo nel mondo
fisico - “Oh sì, ma Lei non è come siamo noi ... Lei è in questo
momento sullo stesso treno con noi, ma non dimentichi che dovrà
tornare indietro, e non si allontani troppo.” Come il paragrafo 4 fa
notare, questo sogno visionario era direttamente in relazione con
l’interesse di Cayce per il significato della seconda venuta.
Il cuore di questa lettura comincia, quindi, con il paragrafo 7 che
contiene molti degli elementi centrali della posizione teologica di
Cayce sul Cristo. Per esempio, Cristo è il primo a conquistare la morte
(cioè, “ad assumere l’immortalità”). Cristo non venne per giudicarci e
condannarci - dato che ci condanniamo già da soli nella nostra
ostinazione e separazione da Dio.
Come per rispondere definitivamente alla domanda del possibile
ritorno di Cristo, il paragrafo 7 termina con un tema che viene ripetuto
nel paragrafo 12. Cristo è venuto e verrà in qualsiasi epoca quando vi è
la necessità. Nell’evoluzione umana ci sono state delle finestre di
opportunità - periodi di una possibile svolta. Egli si manifesta
direttamente negli affari umani ogniqualvolta che siamo pronti per un
nuovo livello di comprensione e applicazione di un principio base: il
nostro Creatore è Spirito e ogni approccio di venerazione a quel
Creatore deve essere spirituale, basato sulla giusta comprensione e
sulla verità.
In questa lettura Cayce presenta una visione ampia di Cristo come
uno che è stato intimamente coinvolto nell’evoluzione umana per molti
millenni. Invece di una singola visita degna di nota sulla terra 2000
anni fa la cristologia di Cayce Lo descrive come guida e sostenitore di
vecchia data. In questa luce potremmo essere più precisi se ci
meravigliassimo di “un’altra venuta” invece che semplicemente di una
“Seconda Venuta”. Con ogni ritorno l’umanità viene spinta indietro
verso il piano divino per l’evoluzione spirituale - cosa a cui Cayce si
riferisce qui come “attività continua verso la giusta comprensione e il
giusto rapporto ... con Lui ...”
Cristo e la Sua influenza sono stati sperimentati in modi diversi in
periodi di tempo diversi. Non sempre è stata un’incarnazione diretta,
anche se nei paragrafi 15 e 16 ci sono dei chiari riferimenti alla
possibilità del Suo ritorno “nel corpo” e “nella carne”. Ma a volte è
stato il Suo Spirito a inspirare e a guidare uomini e donne che hanno
servito come capi per il loro popolo. L’opera di tali individui è destinata
a causare turbamento alle persone i cui valori e ideali sono radicati nel
materialismo (cioè, “contesa nella mente e nel cuore di coloro che
dimorano nella carne”). Quell’impulso Cristico opera sempre per
contrastare le forze di odio, pregiudizio, egoismo e altri imperfezioni
elencate nel paragrafo 14.
Potremmo senz’altro porci due domande riguardo alla possibilità di
un’altra venuta di Cristo. La prima, siamo in un periodo della storia
umana che è maturo perché l’influenza Cristica ci influenzi ad
impegnarci direttamente un’altra volta? Cioè, siamo pronti per una
svolta - un cambiamento radicale verso qualche nuova applicazione di
quell’unico principio centrale? Molti direbbero si sì e indicherebbero
certi segni promettenti - evidenza di un luogo d’incontro potenziale per
la scienza e la spiritualità. La convergenza di scienza e religione
sarebbero certamente una svolta per l’umanità. Un altro segno di
speranza - nello spirito dell’unità - è la visione ecumenica di molti capi
religiosi. Questo spirito fornisce profondo apprezzamento e rispetto
per il valore e la verità in tutte le tradizioni della fede - un’altra
possibile svolta che si qualifica per una nuova applicazione del
principio centrale.
La seconda, potremmo chiederci che cosa ognuno di noi individui
può fare per rendere possibile quel ritorno. Questo non è l’unica
lettura in cui Cayce specifichi che è stato fatto del lavoro preparatorio
prima della venuta di Cristo 2000 anni fa. E poi sarebbe altrettanto
necessario nel mondo di oggi. La possibilità promettente del ritorno
del Cristo diventa una realtà solo “quando viene preparata la via da
coloro che hanno fatto e ancora fanno i canali per l’ingresso ...” E’ nei
piccoli atti di gentilezza e tolleranza che ognuno di noi può avere una
parte importante.
La Lettura
Questa lettura psichica, 5749-5, fu data da Edgar Cayce il 1 maggio 1934.
Gertrude Cayce fu la conduttrice. Fu dato il suggerimento per una lettura.
1. GC: Avrete davanti a voi Edgar Cayce, presente in questa stanza, e la sua mente
avida di sapere in relazione al discorso che egli farà la sera del prossimo lunedì
sulla “Seconda Venuta.” Voi darete ciò che egli dovrebbe presentare in questo
incontro aperto su questo tema.
2. EC: Ciò che affluisce al momento può andare bene per i presenti, ma
andrebbe bene per chi ci sarà nell’incontro aperto? Da questa esperienza si può
raccogliere ciò che è stato dato e ciò che può essere utile a molti nella
comprensione di ciò che è l’esperienza di coloro che cercano attraverso tali canali
di avere per se stessi l’esperienza che può essere avuta da quelli qui in questa
stanza nel presente.
3. State quindi attenti, ognuno di voi, a ciò che potete sperimentare interiormente in
ciò che vi può essere dato.
4. Poiché quelle esperienze che vi sono state raccontate della visione [vedi il sogno
di EC della mattina] della riunione di quelli che erano noti a molti in questo attuale
paese e nei paesi stranieri erano in relazione con proprio quelle cose che possono
essere dette sulla Venuta.
5. Molti di questi hanno servito, hanno predicato in riferimento a questa Seconda
Venuta. Nemmeno uno che abbia in qualche momento lasciato la testimonianza
delle sue contemplazioni e esperienze in quegli ambienti, fatta nel cuore e nella
mente dei suoi ascoltatori o nella parola scritta; eppure qui oggi, in quello che
chiamate il tempo, li trovate raccolti in un corpo per ascoltare ciò che può essere
dato loro da uno [Edgar Cayce?] che sarà l’antesignano di quell’influenza sulla terra
conosciuta come la Coscienza di Cristo, l’arrivo di quella forza o potere sulla terra
di cui si è parlato in tutte le epoche.
6. Ascoltate, mentre egli parla! [Edgar Cayce?]
7. Voi, fratelli miei, nella vostra ignoranza e nel vostro zelo avete
spesso parlato di quell’influenza sulla terra nota fra gli uomini come
documentazione fatta da quelli che vorrebbero influenzare le attività
nella vita religiosa o spirituale degli individui in tutte le epoche, come testimonianza
del Figlio dell’uomo quando Egli camminò sulla terra. Preferireste ascoltare quelle
cose che Egli disse quando fece quelle conclusioni e illustrazioni sul come quelli
avevano scelto e chiudevano le orecchie a ciò che stava effettivamente accadendo
intorno a loro; eppure essi non Lo conoscevano! Egli, il nostro Signore e nostro
Maestro, fu il primo fra quelli che assunsero l’immortalità, perché ci potesse
essere l’opportunità per quelle forze che avevano commesso errori nelle cose
spirituali; e solo attraverso l’esperienza fatta in una maniera in cui tutti potevano
essere considerati dalle loro capacità maggiori di manifestarsi nelle varie fasi,
forme e modi, come si svilupparono attraverso ciò che conoscete come materia,
essi potevano venire a sapere come o perché o quando fu fatto manifesto in
qualsiasi regno lo spirito che era buono e lo spirito che era in errore. Poiché, Egli vi
diede, se voi non aveste conosciuto il Figlio, non verreste condannati nel vostro
stesso sé. Poiché la condanna non era in Lui, ma “siete già condannati”. E
nell’entrare nell’influenza di quelli che si vorrebbero aprire ad una comprensione ci
potrebbe essere l’approccio a Lui. Egli è venuto in tutte le epoche attraverso coloro
che furono i portavoce ad un popolo della sua epoca, quell’epoca, chiamati ad uno
scopo per la manifestazione di quella prima idea.
8. Avete letto come i figli di Dio si riunirono, e venne anche Satana?
“Hai considerato il mio servo? Hai visto i suoi modi?” E la risposta, proprio dalla
forza maligna: “Esibisci la tua mano - toccalo in quelle cose che fanno parte della
soddisfazione del desiderio che è carne, ed egli ti maledirà davanti alla tua faccia,”
Poi, “Egli è nelle tue mani, ma non toccare la sua anima- non toccare la sua anima!”
9. Così vediamo come la venuta sulla terra è stata ed è per l’evoluzione o l’evolversi
dell’anima verso la sua consapevolezza dell’effetto di tutte le influenze nella sua
esperienza nelle varie sfere d’attività, che solo in Lui che fu il creatore, l’artefice, lo
sperimentatore di mortalità e spirito e anima questo poteva essere superato.
10. Quindi la necessità. Poiché, non è stato detto, non è stato mostrato
nell’esperienza della terra, del mondo, da ogni angolazione che possa essere
considerato, che Egli non ha voluto che qualcuno andasse perduto - ma ha
preparato la via di fuga in Lui, l’Artefice?
11. Ma chi è il servo valoroso? Colui che ha perseverato fino alla fine!
12. Quindi, Egli è venuto in tutte le epoche quando è stato necessario che la
comprensione venisse centrata in una nuova applicazione dello stesso pensiero:
“Dio è Spirito e cerca quelli che lo venerino nello spirito e nella verità!”
13. Quindi, quando la via è preparata da coloro che hanno fatto e fanno i canali per
l’ingresso, possono venire sulla terra quelle influenze che salveranno,
rigenereranno, risusciteranno, terranno - se così ci piace - la terra nella sua
continua attività verso la giusta comprensione e i giusti rapporti con ciò che
determina dei rapporti più stretti con ciò che è in Lui solo. L’avete visto in Adamo;
l’avete udito in Enoch, l’avete fatto conoscere in Melchisedec; Giosuè, Giuseppe,
Davide e quelli che fecero la preparazione per lui chiamato Gesù [Esseni, Scuola dei
Profeti, cominciata da Elia. Vedi Malachia 3 e 4]. Avete visto il Suo Spirito nei capi in
tutti i regni di attività, nelle isole del mare, nel deserto, in montagna o nelle varie
attività di ogni razza, ogni colore, ogni attività di ciò che ha prodotto e produce
contesa nella mente e nel cuore di coloro che dimorano nella carne.
14. Poiché, che cosa deve essere cancellato? Odio, pregiudizio, egoismo, calunnia,
sgarbatezza, rabbia, passione, e quelle cose della melma che vengono create nelle
attività dei figli degli uomini.
15. Quindi Egli può venire nuovamente nel corpo per rivendicare chi e dei Suoi.
E’ Egli straniero sulla terra oggi? Sì, in coloro che gridano a Lui da ogni angolo;
poiché Egli, il Padre, non ha tollerato che la Sua anima veda la corruzione; né si
è impadronita di quelle cose che fanno paura all’anima. Poiché Egli è il Figlio della
Luce, di Dio, ed è sacro davanti a Lui. Ed Egli viene di nuovo nel cuore e nell’anima
e nella mente di coloro che cercano di conoscere le Sue vie.
16. Queste cose possono essere difficili da comprendere per quelli che sono nella
carne, dove pregiudizio, avarizia, vizio di ogni tipo la fanno da padrone nella carne;
eppure coloro che si appellano a Lui non andranno a mani vuote - proprio come te,
nella tua ignoranza, nella tua sollecitudine che a volte ti ha consumato.
Eppure qui puoi sentire suonare lo scettro d’oro - suonare - nel cuore di coloro che
cercano il Suo volto. Anche tu puoi portare aiuto in quei giorni in cui Egli verrà nella
carne, sulla terra, per chiamare i Suoi per nome.
17. Abbiamo terminato.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza