Site Logo
martedì 4 agosto 2020

Impiastri con Cipolle

Un sollievo per raffreddori e congestioni
Durante la stagione fredda vale la pena considerare il
rimedio di vecchia data - l’impiastro con le cipolle - per
condizioni connesse con la congestione polmonare o del petto.
Che cosa è un impiastro? E’ una massa morbida, bollente,
impregnata di sostanze (come patate, semi di lino, cipolla ecc.)
sparse su un panno (lino, cotone grezzo o mussolina) da applicare
su piaghe, zone infiammate o lesioni. E’ così fatto per mantenere
un caldo umido, prolungato fra i due strati del panno per
alleviare la congestione e il dolore, per accelerare la
suppurazione e per stimolare l’assorbimento di prodotti
infiammatori, agendo come un revulsivo o antisettico. La presenza
del caldo aiuta a far assorbire le sostanze medicinali dalla
pelle.
Scopo e Istruzioni per l’Uso
Nelle letture di Cayce gli impiastri con le cipolle
venivano indicati per asma, bronchite, raffreddore e congestione,
febbre, effetti post-influenzali, costole rotte, adesioni
polmonari, morbillo, polmonite, tonsillite, tossiemia e
tubercolosi. Di solito le istruzioni comprendevano come segue:
“Sulla parte frontale metteremmo un Impiastro di Cipolle,
per l’attività verso la circolazione attraverso il seno, il petto
e i polmoni, chiaro? Usa delle cipolle grosse tagliate piuttosto
fini, e scaldate - non bollite, bensì scaldate così da farne
uscire il succo ma lascia il succo nell’impiastro, vedi. Mischia
questo con un po’ di farina gialla, circa un cucchiaio - questo
deve essere preparato sulla garza che si estende dalla gola giù
fino alla parte terminale dello sterno, e cosparso su tutto il
petto - non sul seno bensì su tutto il petto, intorno al seno,
capisci? Dopo quattro fino a cinque ore cambialo, fa’ un altro
Impiastro fresco di Cipolle e applicalo.” (303-40)
Il panno dell’impiastro viene posizionato sulla pelle.
Questa lettura, data il 2 aprile 1943, era per una donna
cinquantaseienne che soffriva di polmonite. Tre mesi e mezzo dopo,
una lettura di controllo indicò che la congestione polmonare non
era stata eliminata del tutto, “ma non esistono più forze attive.
La circolazione è molto migliorata.” (303-41)
Per conservare il calore si raccomandò uno spessore di
0,6 cm a 1,20 cm. Nella miscela era preferibile la farina gialla;
tuttavia una lettura suggerì di usare quella bianca. Secondo i
casi si doveva lasciare agire l’impiastro da un’ora fino a cinque
ore; e, in certi casi, si raccomandò una continua riapplicazione
“finché la gola non è stata ripulita dal muco” (2299-13) o “finché
l’infiammazione non comincia a diminuire...” (304-9)
Il corpo doveva essere lavato, probabilmente con acqua
tiepida, prima della nuova applicazione.
Seguendo gli scopi sostenuti prima, le letture menzionano
l’uso degli impiastri quando si ha la sensazione di pienezza o
pesantezza nel petto o difficoltà di respirazione. L’impiastro
avrebbe aiutato “ad estrarre o a diffondere e disperdere il fluido
... disperderà gli accumuli” (3021-2); avrebbe sciolto la
congestione polmonare (482-9) e anche alleviato la pressione
nell’orecchio (759-4). In una lettura per la figlia dodicenne, un
padre domandò se impacchi di cipolle o senape avrebbero dissolto
il fluido nel suo petto. La lettura dichiarò: “Mentre la senape
produce di più una stimolazione superficiale, la cipolla sarebbe
penetrante e non altrettanto irritante.” (632-13)
Quando un impiastro caldo di cipolle viene messo sul
petto, i vapori e il calore facilitano la respirazione liberando
le vie aeree congestionate, uno dei sintomi più irritanti di un
brutto raffreddore. Le cipolle contengono inoltre grandi quantità
di composti di zolfo, rendendoli dei buoni disintossicanti e
antibiotici.
True Health, novembre/dicembre 2005

Disclaimer: Il contenuto di questa sezione è soltanto informazione e non dovrebbe essere considerato come guida
all’auto-diagnosi o all’auto-trattamento. Per ogni problema medico consultate un medico.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza