Site Logo
mercoledì 28 ottobre 2020
  • » Misteri
  • » Misteri
  • » Edgar Cayce e il Libro dei Morti degli antichi Egizi

Edgar Cayce e il Libro dei Morti degli antichi Egizi

Il Libro dei Morti è un nome generico di una serie di antichi testi funerari egizi.
Secondo archeologi e scienziati, il più antico risale al 2400 a.C. e fu scoperto nella
piramide di Re Unas. Il formato di questi testi variava e comprendeva intagli murali
delle piramidi e motivi dipinti, immagini elaborate sulle bare e rotoli di papiro
illustrati che erano stati collocati nella bara o camera di sepoltura dei morti. La
maggior parte de i Libri scoperti risale al 1550 a.C. fino al 50 a.C. Ogni Libro fu
creato per un individuo e comprendeva il suo nome e diversi capitoli o
“incantesimi” con le istruzioni per aiutare i defunti ad attraversare il Duat o
oltretomba. Oggi ci sono 192 diversi incantesimi riconosciuti che continuano ad
accrescere la comprensione delle antiche credenze egizie sulla natura della morte e
della vita dopo la morte.
Il nome Il Libro dei Morti è stato usato dal 1842 quando Karl Richard Lepsius
pubblicò la prima traduzione completa di un manoscritto attribuito alla dinastia
tolemaica. La versione di E.A. Wallis Budge de Il Libro dei Morti, pubblicato per la
prima volta nel 1895, è tuttora ampiamente diffuso. La traduzione corretta per il
titolo di questo testo dovrebbe essere Il Libro del Venire Avanti di Giorno o Il Libro
del Venire alla Luce, dato che tratta il punto di vista egizio della vita dopo la morte.
Edgar Cayce menzionò il libro solo otto volte nelle sue letture medianiche, ma
sottolineò l’importanza dello studio e della comprensione di questo materiale per la
nostra stessa crescita spirituale e psichica.
Il Libro descrive la vita dopo la morte, usando una miriade di simboli e dei
comuni nella religione egizia. I capitoli de Il Libro venivano usati insieme con la
mummificazione e il rituale per conservare e trasformare il corpo fisico e lo spirito.
Gli egizi riconoscevano vari aspetti dell’anima, compreso il “ba” o spirito che era
libero di lasciare la tomba e il “ka” o forza vitale che era la personalità individuale
del defunto, e lo “shut” o ombra. Per tradizione si pensa che gli egizi venerassero
molti dei, ma penso che un giorni si comprenderà correttamente che stavano
usando dei simboli per spiegare le varie sfaccettature di un solo Dio, proprio come
vedevano gli aspetti diversi di una singola Anima.
Uno dei rituali più noti de Il Libro dei Morti è la Pesatura del cuore. I defunti
venivano condotti dal dio Anubi alla presenza di Osiride per dichiarare che non
avevano commesso peccati contro il codice morale della società. Poi il cuore dei
defunti veniva pesato sulla bilancia rispetto alla Piuma della Verità della dea Ma’at. Il
dio Thot trascriveva i risultati sul Libro della Vita dell’individuo. Se il cuore era
troppo pesante, veniva mangiato dal dio Amenti e il defunto avrebbe quindi avuto
bisogno di un cuore nuovo per ritentare da capo tutto il percorso.
Nell’aprile 1933 un architetto chiese a Cayce se avesse potuto trarre vantaggio
dallo “studio delle scienze occulte” e se qualche libri particolare gli fosse stato
utile. Cayce rispose: “Lo studio di quelle cose che sono attinenti con le prime
attività egizie > preferibilmente per l’entità > studia il Libro dei Morti.” (Lettura 322-
2) La lettura affermò inoltre che Il Libro fosse molto più antico di quanto si ritenesse
comunemente.
Furono eseguite altre letture sulle loro vite passate per individui che, in Egitto,
erano stati gli autori de Il Libro circa 10.500 a.C. La signora 115, casalinga nel 1930,
aveva “> imparato il primo canto della gente per i morti > e il Libro dei Morti era
una parte della scrittura stessa dell’entità”. Un’altra casalinga, la signora 454, si
sentì dire che era stata un’intrattenitrice e aveva avuto un ruolo determinante nello
scrivere gran parte di ciò che ora è una porzione del Libro dei Morti.”
Una lettura del 1931 per il dott. 1924, medico naturopata, metafisico, consulente e
conferenziere, indicò che molti rituali che egli aveva elencato nello “studio dei
rapporti di individui verso altri individui e del rapporto di individui con il tutto o
l’Energia Creativa” divennero più tardi il rituale nel Libro dei Morti.

Una lettura per un’altra casalinga, la signora 706, suggerì nel
1934 che “farebbe bene a studiare persino il Libro dei Morti, come
viene chiamato nel presente – ma in quell’esperienza fu piuttosto il
Libro della Vita > rappresenta l’esperienza di un’anima nel suo
soggiorno non solo nel paese della notte, ma piuttosto quelle cose
che portano alla purificazione di un corpo fisico per la sua espressione attraverso i
sensi o le emozioni nelle forze fisiche rispetto alle verità spirituali.”
Una lettura estremamente illuminante e anche la più difficile da comprendere fu
quella eseguita nel 1925 per Edgar Cayce stesso. La lettura iniziò con una domanda
sul come le “prime leggi riguardo alle relazioni dell’uomo nei confronti delle Forze
Superiori” venivano date al popolo.
La risposta di Cayce nella lettura 5748-2:
“Le prime leggi > avevano a che fare > con lo studio del sé, la divisione della
mente, la divisione dei sistemi solari, la divisione dell’uomo nelle varie sfere
d’esistenza sul piano terrestre e nel sistema solare della terra. Il Libro dei Morti >
fu il primo di quelli che furono scritti come le condizioni incise necessarie allo
sviluppo sulla terra o nei piani spirituali. Questi, come vediamo, comprendevano
varie fasi. Riguardo a queste ne furono fatti molti diversi per dare l’interpretazione
delle stesse alla gente nelle varie sfere in cui dimoravano gli individui che si
riunivano. Per questo la differenza nel modo di avvicinare le stesse condizioni
propiziatorie > che tutte usavano il Sole, la Luna, le Stelle come emblemi delle
condizioni necessarie per la conoscenza di quegli elementi > come il pesce che
rappresenta l’acqua da cui tutti furono fatti venire fuori >”
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza