Site Logo
giovedì 29 ottobre 2020

Il cubito di Cayce e il kundalini

Edgar Cayce fu una fonte documentata sbalorditiva di informazioni psichiche,
accumulando oltre 49.000 pagine di trascrizioni e corrispondenza collegata.
Soltanto la filosofia e la guida spirituale che venivano da queste letture sono
inestimabili. Ma ci sono ancora molte altre informazioni preziose che sono state e
vengono estratte. La descrizione nelle letture dell’antico cubito egiziano è una di
quelle perle. Il valore di questo “cubito di Cayce” è la convalida accademica per le
informazioni psichiche nelle letture e la prova che fornisce di un’unità globale più
antica verso l’Unione e i nostri sé più elevati.
Qui può essere un bene che venga dato un concetto di ciò che s’intende per
viaggio o quale viaggio s’intende. Come indicato, esso, il globo all’interno della
piramide era quarantaquattro cubiti e quattro (un cubito fu allora di 69,85 cm o un
mir[?]) (281-25)
Nelle epoche nello studio dell’antica metrologia, la lunghezza accettata del cubito
è variata fra 46 e 71 cm. La maggior parte degli egittologi considera il cubito reale, la
misura usata per costruire la piramide, uguale a 52 cm – più piccolo dei 69,85 cm di
Cayce e riconosce solo la lunghezza di un altro cubito, il “piccolo cubito” di 44,45
cm. Storicamente le misure erano spesso collegate al corpo umano: le mani
misuravano l’altezza di un cavallo; un cubito equivaleva alla lunghezza dal gomito
alla punta del dito; una iarda andava dal centro del petto all’estremità di un braccio
teso e un piede era, beh, un piede.
Il disegno classico di Leonardo da Vinci era una rappresentazione
di tali misure e proporzioni derivate dal corpo umano. Circa nel 50
a.C. Vitruvius, un ingegnere ed architetto romano, scrisse un trattato
di 10 volumi “Sull’architettura”. Vi descrisse la figura umana come la
principale fonte di proporzione fra gli ordini classici dell’architettura.
Pensava che il corpo fosse ideale, visto che è una creazione divina.
Cominciai a ponderare la lunghezza di 69,85 cm e feci delle ricerche sul
segmento o sulla proporzione del corpo da cui potesse derivare. Elaborai l’idea che
il cubito di Cayce potesse essere connesso con la colonna vertebrale umana. Mi
sembrava particolarmente attinente perché ricordavo l’importanza dell’antico
simbolo del kundalini e del serpente. Le letture di Cayce descrivono il kundalini
come “la fonte delle forze vivificanti nel corpo” (3481-3). Sostengono inoltre che il
kundalini s’innalza lungo il sistema cerebrospinale e reagisce ai centri [chakra] di
questo stesso sistema (2329-2 e 2334-1).
Kundalini è una parola sanscrita che significa “avvolto a spirale” e che spesso si
riferisce particolarmente ad un’energia di serpente. Molti hanno cercato di innalzare
l’energia del kundalini lungo la via del canale spinale per aprire i chakra durante la
meditazione. Il tentativo di risvegliare, elevare e incanalare correttamente questa
energia ha una ricca storia in molte culture, in alcune più evidente che in altre. La
religione buddista e quella induista hanno il simbolismo e l’energia del serpente
come aspetti centrali. I maya e gli aztechi avevano Kukulcan e Quetzalcoatl, il dio
serpente alato. Gli aborigeni australiani avevano il loro serpente-arcobaleno della
creazione. Gli antichi egizi avevano l’uraeus, il cobra che scaturiva dalla parte
frontale delle loro corone, anche rappresentato con le ali. In tutte queste credenze il
serpente veniva visto come positivo e buono. Dall’apparenza esteriore nel
cristianesimo il serpente sembra relegato agli aspetti negativi. Molti di noi sono stati
cresciuti con la storia del serpente cattivo nel giardino dell’Eden, che causò la
caduta di Adamo ed Eva. Spesso trascurate sono le storie positive, costruttive di
serpenti nella Bibbia: Esodo 4, Esodo 7, Numeri 21 e Giovanni 3,14-21. Nelle prime
tre di queste, Dio mostra come trasformare la verga o il bastone in un serpente
“innalzato/in piedi” per ottenere forze e risultati positivi. Nella quarta
Gesù usa l’esempio di Mosè che innalza il serpente nel deserto come
analogia del Figlio dell’Uomo che viene innalzato. Anche la traduzione
ebraica di “serafino”, l’ordine più elevato degli angeli dei cristiani
davanti il trono di Dio, si traduce letteralmente come “quelli che ardono,
i fiammeggianti” che, nella bibbia ebraica, è considerato sinonimo di serpente! Tutte
queste credenze spirituali ci avvertono che è il sé inferiore, “il serpe nell’erba” a
causare il problema, non il serpente innalzato, eretto o alato o il sé spirituale più
elevato. Mi sembrava che questa sarebbe stata una perfetta unità di proporzione e
misura corporea nei siti e nelle strutture sacri su cui basarsi, ma esistevano delle
prove valide per il cubito di Cayce, per non parlare di questa teoria degli antichi siti
sacri? La risposta è un deciso Sì!
La spina dorsale contiene le “piramidi”
Inizierò con le dimensioni della spina dorsale stessa. Secondo l’Anatomia di
Gray la lunghezza media della spina dorsale umana maschile è di circa 71cm –
vicina al cubito di 69,85 cm di Cayce. Un’edizione del 1901 dell’Anatomia di Gray mi
sorprese ancora di più con la sua descrizione della spina dorsale: “Vista dal
davanti, essa presenta due piramidi unite insieme alla loro base K quando si
esaminano più da vicino si vede che la piramide superiore è formata da tre piramidi
più piccole.” Se si potevano fare descrizioni visive di questo genere nel 1901, non
c’è ragione di non credere che l’antica cultura egizia ed altre culture potessero fare
le stesse osservazioni. Stranamente il canale spinale, che si trova all’interno della
colonna vertebrale, proviene da una parte cava di forma triangolare, passando
attraverso una sezione circolare o tubolare, poi termina nel punto più alto con un
segmento a forma di triangolo cavo.

I numeri primi della Grande Piramide
Convertendo le misurazioni originali della Grande Piramide di una base laterale
di 230,43 m dà 330 cubiti. L’altezza di 146,60 m dà 210 cubiti – un multiplo
di 7 (7 x 30 o 70 x 3). Queste rispondono ai criteri di cifre tonde e di
un’altezza divisibile per sette con il metodo di Newton. Un’altra
“coincidenza” è che la Grande Piramide originale forse ammontava a 210
corsi (70 x 30). Correlai inoltre la lunghezza della base laterale di 330
cubiti di Cayce con la spina dorsale con le sue 33 vertebre. Matematicamente questi
risultati sono stranamente significative anche in altri modi. L’altezza di 210 è anche
il risultato quando si moltiplicano i primi quattro numeri primi (2x3x5x7 = 210). La
lunghezza laterale di 330 è anche il risultato se si moltiplicano i primi quattro numeri
primi, tralasciando il 7, usati per l’altezza (2x3x5x11 = 330). L’altezza e la larghezza
condividono i numeri primi 2, 3 e 5, poi l’altezza usa il numero primo 7 e la larghezza
il numero primo 11. In proporzione l’altezza sulla larghezza è 210/330 = 7/11! Sembra
davvero che gli antichi egizi abbiano codificato questa lunghezza di cubito nella
Grande Piramide.
Sono inoltre stati lasciati degli indizi nella geometria della Grande
Piramide con le sue misure e lati ad angoli di 51 gradi. Per l’angolo, la
funzione sinusoidale dà la proporzione della lunghezza del lato opposto
alla lunghezza dell’ipotenusa.
Incidentalmente i restanti numeri primi condivisi dell’altezza e della
larghezza della Grande Piramide, 2x3x5 = 30. La lettera ebraica per 30 è
“Lamed”.E’ un acronimo per “lev mevin daat” (un cuore che comprende la
saggezza), è la lettera ebraica più grande al centro dell’alfabeto e si dice
che rappresenti “il re dei re”. Molto adatta per un presunto sito di
iniziazione sacra che era la struttura più alta fatta dall’uomo prima della Torre Eiffel.
Penso che la sua somiglianza con un serpente sia evidente. Infine questo prodotto
restantedi 30 dei numeri primi condivisi da altezza e larghezza coincide fortemente
con i dati di longitudine e latitudine di questo centro continentale mondiale.
La connessione geroglifica
Poi ci sono gli accenni nei geroglifici. Cayce non solo chiamò questa lunghezza
un cubito, vi si riferì anche come “mir”, pronunciato [m3:]. Nel Dizionario geroglifico
egizio, vol.1 di Budge questa parola non c’è, ma scoprii un “mer”, che fu tradotto
come serpente sacro tenuto ad Edfu. Un’altra connessione affascinante del cubito
di Cayce con la Grande Piramide è la traduzione di Budge di mer come “piramide”.
Penso che la pronuncia vocale di mir sarebbe dovuta essere scritta come mer.
Anche i geroglifici egizi per cubiti ci tengono sulla corda con un cubito Aakhu meh
poco noto o descritto.
Accenni nei geroglifici
Meh = cubito
Meh Nesu = cubito reale K nesu = reale/re
Meh Netches = piccolo cubito K netches = proteggere
Aakhu Meh (il nome di un cubito) , Aakhu = spirito/luce
Infine in Egitto c’è il Djed, il simbolo del dio Osiride. Osiride diventò il
dio e protettore di molti luoghi di culto, compreso il sito delle piramidi
sull’altopiano di Giza. Il suo simbolo, il Djed, è anche noto come la spina
dorsale di Osiride. Una cerimonia nota come “l’innalzamento del djed”
serviva come metafora per la stabilità del monarca, ma simboleggiava
anche la risurrezione (rinascita) di Osiride. Questa è un’analogia per innalzare il
nostro sé superiore attraverso l’energia spirituale.
Segni e simboli ovunque
Ci guidano anche altri antichi significati dei numeri. Il numero 70 nella gematria
ebraica (un sistema che assegna numeri a parole o frasi) è “ayin”, cioè l’occhio
spirituale. Potrebbe simboleggiare saggezza e intuizione attraverso il “terzo occhio”
o ghiandola pineale, situata dietro e fra gli occhi? Il “gimal” è la parola ebraica per il
numero 3. Significa anche “bastone”, avvalorando la connessione fra la spina
dorsale e il sentiero del kundalini. Il 3 per 70 ci dà l’altezza della Grande Piramide.
La mia conclusione è che gli antichi egizi lasciarono moltissimi segni nella
struttura della Grande Piramide attraverso la matematica e i numeri per aiutare
civiltà future a comprendere il suo significato e la sua importanza. La lingua e la
conoscenza possono perdersi, ma i numeri sono un linguaggio universale che
sopravvive alle epoche e fa da chiave per i significati.
Ricercai la connessione del “cubito di Cayce” in altre culture e trovai che i maya
avevano una misura simile per le loro piramidi, chiamata zapal. In “Un antico
sistema di misurazione dei maya” del 1986, Patricia J. O’Brien e Hanne Christiansen
forniscono una panoramica del sistema di misurazione dei maya. Si concentrarono
soprattutto sulle dimensioni principali di dieci edifici in tre antichi siti maya
compreso Chichen Itza. Considerando le dimensioni comuni delle strutture maya, le
autrici calcolarono un’unità standard di misura di 1,47 m, con uno scostamento di
±5cm, chiamata zapal.
Per provare l’ipotesi, diverse dimensioni principali della piramide di
Kukulcan furono convertite in zapal, usando l’unità di misura
sopraindicata nella seguente tabella:

larghezza metri zapal fattore di conversione
sommità 19,52 13 1,50
base 55,30 37 1,49
tempio 13,42 9 1,49
scalinata 8,85 6 1,48
Usando i loro calcoli per lo zapal, le scoperte delle ricercatrici rivelarono i
numero 9 e 13, numeri importanti per i maya. Il numero 13 era collegato con i livelli
di paradiso e il numero 9 si riferiva ai livelli degli inferi. Come si può vedere, queste
ricercatrici usarono anche i risultati di numeri significativi per corroborare un’unità
di misura proposta.
Considerando lo scostamento di ±5cm di uno zapal maya (142 cm) e il paragone
con un cubito di Cayce (69,85 cm), è chiaro che due cubiti di Cayce (139,7 cm) sono
molto vicini ad uno zapal maya. I maya usarono la misura di un giogo pieno invece
del mezzo-gioco egizio. Si noti che 142 cm sia la lunghezza esatta della colonna
spinale media documentata in precedenza.
La piramide di Kukulcan era dedicata al loro dio dello stesso nome, col
significato “il serpente piumato”. Stranamente i geroglifici maya rappresentano una
barra con un serpente a due teste, forse illustrando il doppio cubito di Cayce. Nel
suo libro 2012: la cosmogenesi dei maya, l’autore John Major Jenkins fa
notare che alcune steli classiche dei maya mostrano la barra con il
serpente a due teste fatta ad angolo. Paragona questo angolo
con l’eclittica nella ViaLattea. Questa barra angolata con il
serpente potrebbe forse essere collegata con la costruzione della
stele egizia dello djed? La stele dello djed, un geroglifico spesso trovato
sulle pareti dei templi egizi, è raffigurata ad angolo e si pensa che
simboleggi la spina dorsale di Osiride. E’ questa un’altra prova per un
collegamento fra queste due culture?
Stonehenge in cubiti
A Stonehenge in Inghilterra trovai altre correlazioni con le misure del cubito di
Cayce.
Il cerchio azzurro interno è stati stimato di circa 22,86 a 23,19 m. Usando la media
di queste misurazioni, 23 m, questa rappresenta quasi precisamente 33 cubiti di
Cayce (32,95). Il cerchio successivo di Stonehenge (i monoliti di Sarsen) ha un
diametro medio di 31 m, uguale a 44 cubiti di Cayce. Ancora una volta, il diametro di
33 cubiti di Cayce delle pietre azzurre può rappresentare 33 vertebre della spina
dorsale. Proseguendo nelle misurazioni multiple dei cerchi a Stonehenge, i buchi a
forma di Z con un diametro di 38,88 m si traducono in 55 cubiti di Cayce (55,8) e i
buchi ad Y con un diametro di 54 m corrispondono a 77 cubiti di Cayce (77,3).
Studi recenti sull’acustica a Stonehenge hanno scoperto che certi canti e rulli di
tamburo sul sito potevano porre i partecipanti in schemi di onde cerebrali teta ed
alfa che a loro volta intensificano ed inducono stati meditativi.
I numeri al confronto
Segue un breve riassunto delle misure su ciascun luogo archeologico.
LA GRANDE PIRAMIDE
Altezza 210 cubiti di Cayce
Si pensa che la Grande Piramide abbia avuto in origine 210 corsi
2x3x5x7 (i primi quattro numeri primi moltiplicati) = 210
Larghezza (lato) 330 cubiti di Cayce
L’altopiani di Giza dedicato ad Osiride; il simbolo di Osiride, il Djed, è noto come la
spina dorsale di Osiride. La spina dorsale umana ha 33 vertebre.
2x3x5x11 (4 numeri primi moltiplicati, tralasciando il 7) = 330
L’altezza della piramide rispetto alla larghezza = 210/330 = 7/11
Il seno dell’angolo a 51 gradi della piramide è 0,777. Questa è la proporzione
dell’altezza all’ipotenusa. 7+7+7 = 21
LA PIRAMIDE MAYA DI KUKULCAN
La misura archeologica maya convalidata chiamata uno “zapal” è uguale a 2 cubiti
di Cayce.
La larghezza della piattaforma superiore della piramide maya = 13 zapal e il tempio
sulla piattaforma è largo 9 zapal.
Questo è considerato significativo per i 9 inferi e 13 paradisi nella religione maya.
Nota: spesso le statue maya di dei e re hanno una doppia barra con serpente.
STONEHENGE: DIAMETRI DEI CERCHI
cerchio della pietra azzurra 33 cubiti di Cayce
cerchio della pietra di Sarsen 44 cubiti di Cayce
cerchio dei buchi a forma di Z 55 cubiti di Cayce
cerchio di buchi non ancora dissotterrato 66 cubiti di Cayce
cerchio dei buchi a forma di Y 77 cubiti di Cayce
cerchio di Aubury dei buchi 123.4567 cubiti di Cayce
Tutti i tre luoghi, la Grande Piramide, la Piramide di Kukulcan e Stonehenge sono
considerati luoghi di iniziazione, centri per innalzare le forze spirituali o l’energia del
kundalini. Le prove che collegano il cubito di Cayce con la lunghezza della colonna
vertebrale sono corroborate dalle misure trovate in questi posti molto distanti l’uno
dall’altro. Nuovamente le letture di Cayce ci hanno lasciato una traccia; la lunghezza
di un cubito ci porta su un sentiero verso il nostro sé superiore e di unità nel tempo,
nelle culture e di tre continenti che presentano prove intriganti di un vasto disegno.
E’ fondamentale ricordare che queste convalide e prove esteriori sono importanti,
ma solo indicazioni per il vero viaggio dentro di noi.

Convalida accademica del cubito
Un sostegno accademico per il cubito di Cayce proviene dal lavoro del dott.
Livio C. Stecchini, storico della scienza di Harvard, che mise antichi pesi e misure
al centro del suo trattato Una storia delle misure, parte II, in cui dichiara:
Più di recente si è arrivati a rendersi conto che molti documenti indicano l’uso
di un’unità uguale ad 1–1/3 cubito reale. Secondo me questa unità misteriosa è un
cubito di due piedi ibridi, cioè, 37-1/3 dita medie naturali, 700mm. Il nome di questa
unità è nb, nebiu, che significa “portante”: indica che l’unità originale di lunghezza
era il giogo portante; il termine per cubito nelle lingue semitiche e in greco
significa il braccio del giogo portante, cioè, la metà del giogo. Sui regoli egizi di
cubiti, la posizione del piede ibrido è indicata dal segno dell’avambraccio rmn; il
termine significa “cubito”, ma corrisponde all’idea di “portare” e significa inoltre
“metà”, indicando che significa essenzialmente la metà del giogo portante.
La mia spiegazione dell’unità nebiu è corroborata da un campione trascurato
del Metropolitan Museum di New York. Questo oggetto è elencato sul catalogo
come un cubito di 27-1/2 pollici americani (698,6 mm o 69,86 cm). E’ un piede ibrido
doppio (rmn) o un “giogo portante” di 700 mm. Consiste di una semplice asta
rotonda di legno liscio divisa da linee tagliate con una sega in 7 parti; la settima in
centro è ulteriormente divisa in due parti, così che l’asta è divisa al centro in due
metà di 3-1/2 settimi.
La conclusione del dott. Stecchini è che c’è un misterioso cubito egizio che
equivale a 69,85 cm (la stessa misura di quella di Edgar Cayce). La sua ricerca
riguardo all’uso egizio di multipli di 7 rafforza questa conclusione:
Dopo aver seguito il metodo di Newton presumo che l’altezza della Grande
Piramide sia stata espressa da una cifra tonda. Il metodo seguito dagli egizi per
calcolare gli angoli indica che l’altezza venisse calcolata con multipli di 7. (Unità di
lunghezza: le dimensioni della Grande Piramide).

Venture Inward, ottobre-dicembre
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza