Site Logo
lunedì 3 agosto 2020

Il Diabete del Tipo II

Questa forma di diabete di solito inizia dopo i 40 anni ed è più comune
dopo i 55 anni d’età. Quasi la metà delle persone affette da diabete non lo sa
perché i sintomi si sviluppano spesso gradualmente e all’inizio è difficile
identificarli. La persona può sentirsi stanca o malata senza sapere perché. Il
diabete può causare problemi che danneggiano cuore, vasi sanguigni, occhi,
reni e nervi.
La Prospettiva di Cayce
Edgar Cayce fornì molte letture psichiche per individui che
corrispondono ai criteri del diabete del tipo II (non dipendente dall’insulina).
Benché il processo patologico fosse unico per ogni individuo, in questo
materiale informativo sono presenti alcuni schemi precisi su cause e
trattamento.
Una delle cause di diabete citate con maggiore frequenza nelle
informazioni di Cayce è la lesione spinale. Il rifornimento nervoso agli organi
digerenti (in particolare pancreas e fegato) è compromesso dalla pressione sui
centri nervosi nell’area toracica della colonna vertebrale. Nella maggior parte
dei casi il problema si trova nella quinta a decima vertebra. Per questo la
correzione spinale (osteopatica o chiropratica) è una terapia primaria per il
trattamento del diabete.
Ecco un esempio da una lettura di Cayce che descrive gli effetti di una
lesione spinale:
(D) In questa condizione si tratta di diabete, o di che cosa?
(R) E’ diabetica nella sua natura. Come indicato, la pressione viene dalla lesione di
qualche tempo fa che causa l’attività eccessiva. Questa lesione è di natura LATERALE
piuttosto che circolare; così non c’è la reazione DIRETTA del pancreas. Ma, come
indicato, ci sono i sintomi; cioè, l’attività del fegato, a volte l’eccesso e poi di nuovo
l’insufficienza dell’urina o le attività delle reni e della vescica, e il disturbo con la
circolazione per quanto riguarda la pressione sanguigna e simili, - tutti dimostrano il
disturbo attraverso l’area di pancreas e fegato, influenzando le altre condizioni come
“per reazione”. Per cui faremmo quelle applicazioni in modo continuo, nelle modalità
indicate.
(D) E’ stato curato qualcuno che si trovava nella mia condizione?
(R) Molti, molti, molti!
Fa’ queste cose come descritte, e troveremo che porteremo il corpo ad una
condizione migliore. Visto che c’è meno dolore, meno disagio e meno vertigini CON
l’uso del carciofo, non smettere di mangiarli - per diversi mesi; almeno tre volte alla
settimana, chiaro? (2393-1)
E’ da notare che oltre le correzioni spinali viene raccomandato il
carciofo di Gerusalemme come integratore dietetico. La dieta (e in particolare il
carciofo di Gerusalemme) è un’altra terapia primaria nel trattamento del
diabete. Dato che la dieta è un trattamento ampiamente accettato per il
diabete, la sua inclusione in questo protocollo non è sorprendente.
Sebbene manipolazioni spinali, dieta e carciofo di Gerusalemme
fossero una priorità importante nel trattamento del diabete, venne inoltre
spesso raccomandato un moderato esercizio fisico. Nell’estratto seguente si
enfatizza la dieta insieme ad un moderato esercizio fisico generale
(camminare) e ad esercizi terapeutici specifici:
(D) Il corpo è diabetico?
(R) C’è la tendenza.
(D) Che cosa può fare per proteggersi da questo?
(R) Come indicato, la dieta - e esercizi fisici di tipo specifico che tendono a tonificare
e a creare un equilibrio.
Sta’ alla larga dalle carni, eccetto un po’ di pesce o pollame. Nessuna verdura col
baccello. Sono preferibili quelle che crescono SOTTO la terra, ma anche grandi
quantità di quelle con le foglie. E due volte alla settimana consumi il carciofo di
Gerusalemme, circa la dimensione di un uovo di gallina; dapprima crudo - diciamo di
martedì - e la volta successiva bollito, diciamo il giovedì, ma cotto nel proprio succo
(come nella carta Patapar). Vedi, ogni volta mangiane soltanto uno. Quando è bollito,
condiscilo per renderlo gradevole, ma non mangiarne la parte esterna - salvane il
succo e schiaccialo con la polpa quando deve essere consumato. Mangialo insieme al
pasto, naturalmente, che venga consumato crudo o bollito. Non mangiarlo fra i pasti,
bensì durante il pasto regolare. Mangia tutte le verdure, specialmente quelle con le
foglie, come per esempio spinaci, cavolo verde e simili. Anche questi dovrebbero
essere preparati con i loro succhi - o nella carta Patapar.
Astieniti da tè o caffè, specialmente se vengono usati con latte o panna; ma senza
questi, essi possono essere consumati con moderazione .
Astieniti da grandi quantità di burro o grassi di burro. Niente pasticcini né torte,
anche se si possono consumare qualche volta i cibi che di natura sono a prova di
zucchero diabetico. O l’uso dello zucchero di barbabietole è preferibile a quello di
canna; o ancora meglio è la saccarina. NON farti fare iniezioni di insulina. Se è
necessario più insulina di quanto non venga ottenuta dal consumo indicato di
carciofo, allora aumenta il numero di giorni durante la settimana in cui consumi il
carciofo, chiaro?
Poi l’esercizio fisico; camminare regolarmente, e un periodo di esercizi di cinque a
dieci minuti alla mattina e alla sera. Ciò non dovrebbe essere faticoso, né si dovrebbe
fare troppo sforzo, bensì: alza le braccia dolcemente sopra la testa, Poi, con le
braccia abbassate, piegati - non con le braccia stese davanti a te o verso il
pavimento, bensì mantenendo un equilibrio, chiaro? Quindi con le mani sull’anca
muoviti dolcemente come per far girare il corpo sull’asse lombare. (1963-2)
In diverse letture Cayce raccomandò l’idroterapia del colon come
terapia aggiuntiva nel trattamento del diabete. L’idea è di tenere pulita la parte
inferiore dell’intestino e di migliorare così il funzionamento di tutto il canale
alimentare. In certi casi vennero citati come fattori causativi del diabete dei
problemi nel colon, come nella lettura 4023-1:
Inoltre per questi disturbi nel colon ci sono delle tendenze al diabete, o vi è
l’incapacità del corpo di controllare le attività degli zuccheri assunti nel corpo.
(4023-1)
Infine, le informazioni di Cayce sulla salute sostengono costantemente
che sono importanti gli aspetti mentali e spirituali della guarigione.
Riassumendo l’approccio olistico di Cayce al trattamenti del diabete, le
terapie principali sono:
• Aggiustamenti spinali per correggere ogni problema esistente nel
rifornimento nervoso verso il pancreas e gli organi connessi;
• Raccomandazioni per una dieta di base che mirano a mantenere
l’equilibrio con un enfasi sui cibi naturali come frutta e verdure fresche;
• L’integrazione dietetica con il carciofo di Gerusalemme per aumentare il
rifornimento naturale del corpo di insulina;
• Esercizio fisico moderato nella forma di camminate e esercizi specifici;
• Idroterapia del colon per migliorare le eliminazioni e il funzionamento in
tutto il canale alimentare;
• L’Esercizio sugli Ideali per sviluppare un atteggiamento di guarigione
basato su principi spirituali.

Da: www.edgarcayce.org, “The Cayce Health Database”

Disclaimer: Il contenuto di questa sezione è soltanto informazione e non dovrebbe essere considerato come guida
all’auto-diagnosi o all’auto-trattamento. Per ogni problema medico consultate un medico.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza