Site Logo
venerdì 20 maggio 2022

Il sistema nervoso: la chiave alla buona salute

l sistema nervoso: la chiave alla buona salute
Quando il sistema nervoso non funziona correttamente, per lesioni, disfunzione
organica, stile di vita o tipo di dieta, pensieri ed emozioni negativi o per qualche
altro fattore – spesso una malattia o un mal-essere può manifestarsi in varie zone
del corpo. Far funzionare il sistema nervoso senza indebolirlo è una delle chiavi per
mantenere la salute e l’equilibrio nel corpo.
Molte letture mettevano in rilievo l’influenza di sublussazioni, “pressioni”
biochimiche e tossine sui centri nervosi nel corpo (anche chiamati plessi). Questi
centri formano una gerarchia elaborata in cui ciascuno controlla organi, sistemi
organici e processi corporei diversi. Spesso le letture mettevano in evidenza il
plesso solare, anche chiamato il cervello addominale, che è un centro primario del
sistema nervoso simpatico. E’ una grande rete di nervi situata dietro lo stomaco,
che manda impulsi nervoso agli organi interni, compresi stomaco, intestino, fegato,
reni e ghiandole surrenali. Quando i nervi del plesso solare non funzionano
correttamente, anche gli organi ad esso collegato possono sviluppare una
disfunzione.
Nelle forze nervose del corpo, qui troviamo una condizione piuttosto complessa.
Vedi, in tempi passati qui c’è stata una lesione; all’inizio leggera, poi ha portato a
dei periodi in cui le attività renali erano disturbati. Questo subito sotto la nona
dorsale o fra la nona e la decima, causando una pressione sul centro del plesso
solare …
Gli organi del bacino, gli organi addominali – cioè, in tutto il colon, in tutta la parte
inferiore dell’attività della milza – tutti questi hanno una parte nella condizione, dalle
pressioni indicate proprio nella parte più bassa della zona della nona dorsale …
Per cui, con la rimozione della pressione e la giusta stimolazione delle forze
circolatorie connesse all’attività, si dovrebbero portare forze più vicine al normale
per il corpo. (603-3)
Tre centri principali lungo la colonna vertebrale – la terza vertebra cervicale nel
collo, la nona dorsale (o toracica) fra le estremità più basse delle scapole e la quarta
lombare nella schiena inferiore – furono spesso menzionati nelle letture quando il
sistema nervoso doveva essere riequilibrato e coordinato. Questi centri influiscono
sulle attività dei plessi; per esempio, il plesso solare è collegato con la nona
dorsale. Si possono usare il massaggio e la manipolazione per eliminare la
pressione da un centro che non è allineato, e questo aiuterà a ristabilire una
funzione nervosa normale. Un’indicazione del fatto che è stato raggiunto equilibrio
e coordinazione è un profondo respiro involontario da parte della persona che
riceve il trattamento. (Le letture raccomandavano anche apparecchi come quello
radiale e a pile umide per alcune condizioni nervose, ma questi congegni non sono
efficaci per riportare la colonna vertebrale ad un allineamento corretto.)
In alcune rare letture sulle correlazioni fisiche delle forze di kundalini vengono
menzionati gli stessi centri.
… la terza cervicale … la nona dorsale … la quarta lombare … Questi sono i tre
centri in cui vi è l’attività delle forze del kundalini che agiscono come suggerimenti
per le forze spirituali per la distribuzione attraverso i sette centri del corpo. (3676-1)
Quindi troviamo che ci sono centri specifici in cui si vede la scoordinazione [del
sistema nervoso]; come in quella lombare (dalla quarta alla seconda), la nona
dorsale e particolarmente la prima, seconda e terza cervicale. Questi sono centri in
cui la coordinazione fra l’impulso e l’attività fisica produce periodi in cui ci sono le
associazioni non solo con le attività mentali e fisiche, ma anche con quelle spirituali
– o la fonte dell’entità [anima] stessa nel suo nesso con il corpo fisico.(1087-1)
Durante un trattamento di queste zone, spesso la persona provava un flusso di
“energia spirituale”, una sensazione di “rilassamento e pace” o una “liberazione
emotiva” seguita da un senso di “sollievo e nuovo scopo”. Quindi un vero
trattamento è di rado solo fisico. Dipende dalle capacità del professionista e dalla
ricettività e disponibilità a cambiare e lasciar andare da parte della persona che
riceve il trattamento.
Un trattamento completo comprende conversazione, pensiero ed emozione
(mente); l’applicazione fisica delle correzioni necessarie (corpo) e la riconciliazione
spirituale.
Nella maggior parte delle letture si raccomanda inoltre qualche forma di
“compito a casa” per corpo, mente e spirito; come p.e. cambiamenti nella dieta,
esercizi fisici moderati o camminate nella natura. Per un individuo fu raccomandata,
nella meditazione, la seguente preghiera, durante l’uso di un apparecchio
energetico:
Possa questo corpo essere così in sintonia con l’infinito da poter essere
preparato qui ed ora al servizio più grande che può rendere al suo prossimo in
questa esperienza. (3676-1)

Venture Inward, ottobre/dicembre 2011

Disclaimer: Il contenuto di questa sezione è soltanto informazione e non dovrebbe essere considerato come guida
all'auto-diagnosi o all'auto-trattamento. Per ogni problema medico consultate un medico.
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
La pubblicazione del materiale contenuto in questo sito è stata autorizzata dall’A.R.E., Inc., Virginia Beach, con tutti i diritti riservati all’A.R.E., Inc. Virginia Beach, all’A.R.E. Press, Association for Research and Enlightenment, Inc., a nonprofit organization, e, per le citazioni delle letture di Cayce, a Edgar Cayce Readings ©1971,1993,1994,1995,1996 by the Edgar Cayce Foundation.All rights reserved.
powered by Infonet Srl Piacenza